Per un’Europa a 27 (e più) velocità!

Europe_with_flags.png

Bandiere degli stati europei

Giusto due parole sulla celebrazione dei 60 anni dei Trattati di Roma: nulla è cambiato! Si è celebrato ancora una volta il primato dell’economia sulla politica, che prevede appunto l’adesione incondizionata a trattati sovranazionali in grado di ingabbiare le nazioni e indirizzare le loro scelte di politica economica verso lo smantellamento dello stato sociale! Se proviamo ad andare oltre i proclami e la solita propaganda dell’Europa che porta la pace, il progresso, la libertà… cosa rimane in concreto per i “cittadini d’Europa” da spendere per un futuro migliore? Se ci va bene, il NULLA! Ripeto, se ci va bene, perché altrimenti la spirale involutiva non può che portarci a condizioni sempre più critiche e socialmente insostenibili.

Questo perché se è vero che ogni scelta politica è una scelta economica, è altrettanto vero che essa deve comunque passare attraverso la legittimazione democratica (cioè il voto espresso dalla maggioranza dei cittadini) ed essere compatibile con la Costituzione. Non è così per i Trattati che hanno dato origine all’UE! Le idee su cui si fonda l’Europa vedono invece i nazionalismi (e i loro sistemi costituzionali) come sterili e pericolosi ed esaltano una pseudo-unità che mira esclusivamente a risolvere il conflitto di classe tra lavoro e capitale a totale favore di quest’ultimo.  Molti intellettuali e politici italiani hanno aderito a questa impostazione neoliberista e inserendosi all’interno delle classi dirigenti (politiche e non) sono riusciti a sovvertire, ben schermati da una propaganda mediatica di attacco allo stato (brutto, corrotto, sporco, inefficiente, cattivo…), i principi sociali su cui si basano le democrazie europee del dopoguerra. Ecco ad esempio come Einaudi, già presidente della Repubblica, nel 1954 si riferiva alla necessità inderogabile di unificare l’Europa:

La necessità di unificare l’Europa è evidente. Gli stati esistenti sono polvere senza sostanza….Esisterà ancora un territorio italiano; non più una nazione, destinata a vivere come unità spirituale e morale solo a patto di rinunciare a una assurda indipendenza militare ed economica.

La citazione è tratta dal libro “La Costituzione nella palude” di Luciano Barra Caracciolo, dove si possono trovare tutti i necessari approfondimenti sul percorso storico di costruzione e imposizione dell’ordoliberismo (primato dell’economia sulla politica) e sull’adesione dell’Italia ai vari Trattati sovranazionali europei.

Le parole dell’allora presidente Einaudi sono in realtà perfettamente conciliabili con quelle dell’odierno presidente della Repubblica Mattarella, o con quelle del suo predecessore Giorgio Napolitano. Il percorso di restaurazione dei principi neoliberisti è lungo ed è stato portato avanti con determinazione. Per gli euro-peisti il nazionalismo sarebbe sempre e solo causa di ogni male e motivo primo delle guerre. Per questi motivi hanno ben pensato di sostituire gli stati nazionali con una supernazione europea,  mettendo alla guida di tale “rivoluzione pacifista” le élite dei paesi del nord Europa, a loro volta al servizio dei sistemi industriali-finanziari… e siamo arrivati al punto finale, che prevede di privatizzare TUTTO quello che è rimasto di appetibile in favore delle classi dominanti! Quindi quando sentirete i nostri amati leader ragliare in tv riguardo ai fantomatoci investimenti sulla crescita, saprete che mentono o peggio non sanno quello che dicono; o l’Europa si divide a causa del drastico e imprevedibile ritorno alla realtà dei cittadini europei tartassati da un sistema iniquo e inefficiente, che pretende solo sacrifici crescenti in cambio di farse e proclami senza alcuna sostanza, oppure la politica torna nei suoi ranghi e riprende in mano il mandato che i cittadini europei hanno dato a loro nelle rispettive nazioni: rimettere al primo posto la politica significa fare il bene comune, ristabilire i fondamentali economici che stanno alla base dei propri paesi, – a cominciare dalla moneta – per ripristinare al meglio le Costituzioni, unica tutela in grado di garantire quei diritti umani (a partire dal lavoro) che ci vengono abbondantemente elargiti a parole, ma costantemente negati nei fatti! Insomma, ritornare ad un Europa a 27 (e più) velocità per garantire la pace e la prosperità!

6 pensieri su “Per un’Europa a 27 (e più) velocità!

    • Ciao Ivano, come sempre grazie per l’interesse che dimostri riguardo ai miei articoli. Riguardo al recupero delle sovranità nazionali e alla messa in discussione del “più Europa” senza sé e senza ma, credo che i tempi siano maturi. In primis attendiamo le elezioni in Francia, ma già vediamo quello che è successo con la brexit: il governo inglese, al di là di considerazioni di natura economica, ha messo al primo posto la decisione del popolo e sta andando avanti nonostante le enormi pressioni internazionali contro! Un esempio di democrazia che non può essere sfuggito ai tanti che andarono a votare NO al referendum del 4 dicembre, vedendo poi svanire nel nulla di fatto la loro richiesta di ripristino della Costituzione e di conseguente uscita dai Trattati internazionali: le 2 cose insieme non sono compatibili! Ciao

      Mi piace

  1. Mi sono letto questo pezzo. Devo dire che non fatico a condividere l’analisi. Come già sapranno in molti, Brexit oggi è sostenuta dal 685% dei britannici. La storia ci ha insegnato che tutte le unificazioni forzate sono sempre fallite, la Jugoslavia è stata l’ultima. Poi va chiarito che i padri costituenti dell’unione, non avevano progettato quello che conosciamo oggi, anzi, avevano immaginato una grande nazione di stati federali, oggi stanno facendo l’esatto contrario. Quando si sente dire che è grazie alla Ue se ci sono stati 70 anni di pace mi vien da ridere; è grazie agli stati nazionali che conosciamo oggi se la pace ha prosperato, e grazie a chi con il piano Marshal ha permesso a questi stati di diventare quelli che erano prima di questa Europa.

    Ciao

    Mi piace

    • Ti consiglio di leggere il libro La costituzione nella alude, di Luciano Barra Caracciolo. Ti si aprirà un quadro storico ed istituzionale che chiarirà una volta per tutte il ruolo dei padri affondatori dell’Europa
      Le unioni servono alla potenza egemone a colonizzare gli stati senza usare le armi, almeno finché l’impoverimento sistematico non porta a condizioni tali da rendete guerre e rivoluzioni inevitabili.

      Mi piace

      • Ad essere sincero, di tesi sui padricostituenti ne ho lette diverse, ma non mi hanno appassionato. Tra tutti i padri fondatori della Ue, non ho trovato chi ha fatto gli accordi con la finanza egemone. Tuttavia, diversamente da Varoufakis, rimango convinto che l’innesco del fallimento Ue partira proprio dalla Francia. L’Italia, come sempre, cambierà il cavallo in corsa, e non continuerà a rimanere uno stato senza nazionalità. Buona serata

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...