Dalla trasfigurazione al Getsemani!

trasfigurazione

«Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni, suo fratello, e li condusse sopra un alto monte, in disparte. E si trasfigurò davanti a loro: il suo volto risplendette come il sole e le sue vesti divennero candide come la luce»

Nell’episodio della “trasfigurazione”, l’umanità di Gesù lascia trasparire la sua divinità, addirittura è il Padre a chiamare esplicitamente Gesù “Figlio”.

Getsemani

Al contrario nell’orto del Getsemani, Dio lascia trasparire tutta la sua umanità attraverso l’agonia e la morte di Gesù, abbattendo di fatto ogni muro o ostacolo tra Dio e l’uomo. Gesù ci incontra nella nostra condizione di “miseri” e inchinandosi sulle nostre miserie, prima fra tutte la sofferenza e la morte, si fa Lui stesso innalzare da noi uomini, povere creature incapaci di salvarci da soli!

Nel Getsemani c’è l’incontro tra la volontà umana presente in Gesù (“Allontana da me questo calice”) e quella divina (“Però non ciò che io voglio, ma ciò che vuoi tu”). Il punto d’arrivo è la volontà del Padre a cui Cristo si abbandona rimanendovi fedele.

I discepoli dormono, non sono in grado di rimanere vigili di fronte al male del Mondo che sta sconvolgendo Gesù portandolo addirittura a “sudare sangue”! Gli uomini di fronte al male si perdono, la loro anima è assopita e spesso non sono in grado di riconoscerlo. La preghiera è qui l’unico rimedio per trovare in sé stessi la forza di superare ostacoli altrimenti superiori a qualsiasi sforzo umano.

Concludo riprendendo il concetto della MISERICORDIA, cioè dell’amore che trabocca che Dio ha nei confronti di tutta l’umanità: esso si manifesta ogni volta che nell’incontrare le miserie umane, noi per primi ci abbassiamo al bisognoso, non per pietà o distinzione, ma proprio perché ci riconosciamo noi stessi nella sua misera condizione. Ognuno di noi è un nulla nell’infinita solitudine del mondo, così è stato lo stesso Cristo nell’orto del Getsemani, è diventato il NULLA, ha sperimentato in modo assoluto la nostra miseria di essere uomini e si è Lui stesso inchinato innalzandosi e innalzandoci oltre la nostra umanità per dare un senso al futuro e alla storia!

Autore: opinioniweb - Roberto Nicolini

Sono un insegnante di religione di scuola primaria dal 1996. Nonostante tutto il dato di "fede" non ha mai prevalso sulla ricerca della verità. Del resto è l'unica cosa che al di là dei limiti oggettivi della nostra vita ci rende effettivamente liberi e quindi ci avvicina a Dio, in qualunque modo Esso si manifesti!

3 pensieri riguardo “Dalla trasfigurazione al Getsemani!”

  1. Non l’avrei mai creduto ma ho scoperto da me il valore della preghiera; prego la sera e la mattina, gli angeli, l’arcangelo Michele, la Madonnina. Pregare mi fa star bene. La preghiera dev’essere una scelta e non un’imposizione. Auguri affettuosi di buona Pasqua.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

approccio alternativo

Attualità e curiosità con spontaneità

Il mio ''branding''

Unicità, differenze ed evidenze!

Vita da Panda

Deliri di un povero Panda

in montagna di lunedì

foto ed esperienze a spasso per le sole montagne modenesi (o quasi)

MARIANNAPUNTOG

Una volta tanto tempo fa, vi era una piccola scugnizza, danzatrice su fili elettrici, adesso vi sono solo terre lontane da raggiungere in Porsche Carrera, cappotta scoperchiata, niente stereo alto, niente sigarette nel cruscotto, niente lattine verdi smeraldo dietro a tintinnare, niente ripensamenti.

Lucy - Rori De Luca

"LA MORTE NON ESISTE", mi ha detto Lucy. "ESISTE L'AMORE".

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: