I castelli di sabbia della finanza!

castelli

Pare che i castelli di sabbia costruiti dal sistema finanziario globale stiano crollando ancora una volta e questa non è certamente una buona notizia per nessuno. Penso che pochi siano realmente consapevoli della gravità di ciò che sta accadendo. Sui quotidiani, anche quelli finanziari, leggiamo parole tipo bolle, volatilità, bruciati miliardi…

Draghi mette subito le mani avanti affermando che: “Non vi è alcuna evidenza di bolle sistemiche causate da un eccesso di credito”. Sarà! Diciamo che le banche centrali, – quali BCE e FED – hanno immesso nell’economia “di carta” miliardi nel tentativo di mantenere in equilibrio il modello neoliberista su cui si basa ormai il welfare mondiale. E in cosa consiste questo modello? Ma essenzialmente nelle RIFORME, in particolare in riforme che si scaricano sul lavoro! Ormai in Europa ne abbiamo ben conosciuto l’utilità e in Italia possiamo prendere ad esempio le parole della Fornero che nel 2012 affermava: “Stiamo cercando di proteggere le persone e non i loro posti di lavoro. Gli atteggiamenti delle persone devono cambiare. Il lavoro non è un diritto; Deve essere guadagnato, anche attraverso il sacrificioQUI l’articolo del Fatto Quotidiano. . Essa continuava dicendo che era necessario cambiare il comportamento degli italiani in molti modi!

Non da meno furono le dichiarazioni di Monti, le cui gesta vennero appoggiate da tutti i partiti in modo trasversale. E’ lui stesso a spiegare a cosa servirono gli enormi sacrifici richiesti agli italiani dal suo governo: “Rischiavamo di non avere i soldi per pagare gli stipendi”! QUI l’articolo del Tempo

Peccato che queste sue affermazioni contrastano nettamente con quelle che fece in un’intervita rilasciata alla CNN che potete vedere QUI . Essenzialmente Monti diceva che le azioni messe in essere dal suo governo HANNO DISTRUTTO LA DOMANDA INTERNA, che tradotto significa che hanno fatto crollare i consumi attraverso l’azione concomitante dei tagli alla spesa pubblica e dell’innalzamento della pressione fiscale. Quindi cosa mai centravano le pensioni e gli stipendi dei dipendenti pubblici? Assolutamente nulla! Se davvero il problema fosse stato il debito pubblico divenuto a causa della crisi ormai insostenibile, che senso aveva distruggere la domanda interna facendo crollare i consumi e con essi il pil? Il pil (prodotto interno lordo) è esattamente la ricchezza che uno stato produce e che ne garantisce la solvibilità sui mercati o quantomeno lo mette nelle condizioni di poter restituire i debiti contratti. Eppure l’austerità montiana imposta dai diktat europei portò l’Italia a ben 12 trimestri di recessione consecutivi, record negativo superato solo dalla distruzione di ricchezza causata dalle due guerre mondiali!

InZomma l’Italia distruggendo soldi e ricchezza, mandando all’aria imprese, aumentando la disoccupazione, diminuendo i servizi pubblici, portando le tasse a livelli stratosferici sarebbe stata salvata! In realtà allora l’unica cosa che questi benefattori al servizio del capitale finanziario dovevano salvare erano proprio gli istituti di credito dei paesi del nord Europa. L’euro è stato proprio un affare per le speculazioni fra paesi aderenti all’eurozona, in primis perché la moneta unica metteva al sicuro gli investimenti dai rischi di pesanti svalutazioni, poi perché tale unione si basa su un organo “indipendente” (da chi? Ma chiaramente dagli stati democratici o perlomeno dai loro cittadini!), la BCE, pronto ad intervenire per imporre pesanti condizionalità agli Stati (ex) sovrani e costringerli con le buone o con le cattive a partecipare alla restituzione dei loro azzardi finanziari (vedi ad esempio letterina inviata nel 2011 all’allora governo Berlusconi prontamente sostituito dal nuovo bene-e-fico governo Monti)!!! Quindi lì tutti i media di regime a gridare “al deBBBito puBBBlico”, al “puBBBlico deBBBito”, quando in realtà vennero istituiti i fondi salva stati (ESM) con l’unico fine di ricapitalizzare gli azzardi speculativi delle banche (degli altri). L’Italia, per fare un esempio, versò circa 80 miliardi in questi fondi, e di questi 60 andarono in Grecia dove l’esposizione debitoria dei nostri istituti di credito era molto bassa, mentre quella delle banche francesi e tedesche era elevata. Ecco a cosa servirono l’aumento delle tasse e l’introduzione fatta in fretta e furia di nuove! La soluzione più logica sarebbe stata quella di uscire dall’euro e restituire i debiti esteri accumulati dalle famiglie e dalle imprese dei paesi più esposti, come Grecia, o Portogallo, o Spagna nelle loro valute, chiaramente fortemente svalutati! Ma non sia mai che chi aveva speculato avesse indietro carta straccia svalutata. Soprattutto quando grazie all’occhio vigile della BCE tali speculazioni avevano assunto dimensioni tali da far collassare stati virtuosi come quelli del nord Europa.

Rientrati dagli azzardi fino all’ultimo centesimo, i paesi dell’UE sono comunque rimasti nella morsa dell’austerità per completare il puzzle neoliberista con le agognate riforme. Parlavo sopra della riforma del lavoro proprio perché togliere le tutele esistenti era essenziale per recuperare la competitività. L’UE e l’euro si basano su due capisaldi, il primo è la libera circolazione dei capitali di cui sopra abbiamo visto i benefici. Le banche di stati diversi si prestano soldi che vanno a finire nelle tasche di noi cittadini attraverso mutui o prestiti. E una moneta unica, come ad esempio una taglia unica, non può avere vantaggi uguali per tutti. In poche parole il funzionamento dell’euro è questo: moneta debole per i paesi forti (Germania in primis) e forte per i paesi deboli (ad esempio Grecia, Spagna ma anche Francia e Italia). In questi 18 anni di moneta unica c’è stato un graduale e sistematico calo della produttività dei paesi del sud Europa che si è tradotto in un parallelo aumento della produttività dei paesi del nord Europa. E quest’ultimi hanno ben pensato di riversare la loro liquidità dovuta agli indubbi vantaggi regalati loro dall’euro, in prestiti nei paesi euro-deboli che hanno creato un falso benessere, falso perché basato sul debito, sui prestiti facili dati a basso tasso d’interesse ma estremamente pericolosi. Pericolosi innanzitutto perché il lavoro, l’unica garanzia in grado di sostenere in maniera credibile un debito, è stato spazzato via al primo arrivo di una crisi finanziaria globale. E questo è accaduto in maniera estremamente pesante proprio in quei paesi in cui la moneta unica taglia extralarge aveva nei fatti già minato la produttività delle imprese! Se affronti una tempesta con una barca che ha falle da tutte le parti quante possibilità hai di rimanere a galla? Assolutamente nessuna e questo i nostri amici(?!?!) liBBeristi lo sapevano!!! “Abbiamo dovuto distruggere la domanda interna”, cioè come dicevamo anche sopra “Abbiamo dovuto affondare l’Italia”, sacrificarla insieme ad altri malcapitati paesi in nome di un modello economico che danneggia i molti per arricchire a dismisura pochi.

Ma dicevamo che l’UE e l’euro hanno due capisaldi, il primo è il libero movimento di capitali che giustamente si sono spostati dove si poteva lucrare di più, lasciando le macerie in mano ad interi popoli; il secondo caposaldo è invece la libera circolazione delle persone, o meglio della merce più pregiata nell’economia reale, il lavoro!!! Ecco perché una volta che l’austerità ha salvato l’euro e restituito i capitali investiti in valuta forte ai creditori, ora essi vogliono fare “en plein” e realizzare il massimo profitto possibile: spostare le persone come birilli laddove serve forza lavoro; poterli licenziare alla bisogna con un calcio in c@l@; pagarli una miseria senza garantirgli più nessun tipo di assistenza o tutela ( che saranno eventualmente loro stessi a pagare versando i contributi ai rispettivi aguzzini-padroni di tutto: pensioni tramite fondi privati, sanità, previdenza assicurativa privata, ecc., ecc., ecc…), infine metterle in competizione al ribasso con masse crescenti di disperati…

Queste belle riforme liBBeriste che stanno tanto facendo del bene in Europa, ma altrettanto bene hanno sempre fatto negli Stati Uniti, impoverendo i popoli e facendoli indebitare per incrementare i loro (dei padroni della finanza) sempre più lauti guadagni stanno per scontrarsi con una dura realtà: se togli i soldi alla gente e fai crollare i consumi, la deflazione ti avverte che prima o poi esploderà una nuova bolla finanziaria in grado di far sparire centinaia di miliardi e innescare una devastante recessione su scala mondiale! Perché le famiglie che perdono lavoro NON PAGANO I DEBITI, i beni immobili quali case o altre proprietà espropriate e messe all’asta continuano a perdere valore in una spirale a ribasso senza fine e non basteranno i giochi contabili che trasformano i debiti in derivati da rifilare in ogni modo possibile e immaginabile agli stati o ai risparmiatori! Prima o poi la bolla del debito – basato sullo sfruttamento del lavoro e l’impoverimento di interi popoli – esploderà e non sarà un bello spettacolo per nessuno. NON C’E’ NESSUNA CRESCITA, NE ORMAI POTREBBE ESSERCI VISTE LE RIFORME! Esse nel mondo globalizzato hanno realizzato una deflazione da debiti che spazzerà via ogni illusione e menzogna con cui oggi i media descrivono gli scossoni di borsa, che altro non sono che piccoli avvertimenti di quello che accadrà nei prossimi mesi. Sono le logiche conseguenze di élite che vogliono avere il potere assoluto senza dare nulla in cambio, neanche quel minimo di redistribuzione della ricchezza necessaria a garantire la pace e un benessere diffuso, attraverso modelli come quello indicato dalla Costituzione.

A noi non resta che aspettare, nella speranza di limitare i danni e uscire da un incubo di cui ora non si vede la fine. Forse dalla distruzione potrebbe nascere un vero cambiamento. Intanto ricordiamoci bene chi ha tracciato il solco per farci a cadere senza protezioni nel baratro in cui siamo ora. Non solo i personaggi sopracitati, sempre pronti ad uscire dal cilindro di qualche padrone per garantirgli i migliori risultati. Ricordiamoci anche di quei partiti che si sono prestati a completare il disastro e che oggi, perfino in campagna elettorale se ne vantano.

16 pensieri su “I castelli di sabbia della finanza!

  1. ..interessante disanima. Sono convinto che le asserzioni e le prospettive -sebbene motivate- seguano una logica marcata da fenomeni (anche di pensiero) in qualche modo passati e, anche romantici, se mi permetti questa espressione.
    Ciò che sta nascendo e di cui i nostri figli e nipoti saranno protagonisti, sarà molto “differente”, sebbene con toni ottocenteschi.
    @MshAllh_theBook
    #messicanizzazione

    Liked by 1 persona

    • La globalizzazione è essenzialmente imperialismo e colonialismo, una regressione di secoli da proporre ai popoli come bella e inevitabile. Credo anch’io che stia nascendo qualcosa di nuovo nella speranza che uomini illuminati guidino il cambiamento verso il bene. Grazie per il commento

      Mi piace

  2. Dobbiamo ammettere che l’economia del profitto, della finanza e della speculazione ha fallito. Così come la globalizzazione. Bisogna tornare all’economia di prossimità del territorio. Cioè produrre ciò che serve a chi vive in quella detreminata zona e il surplus metterlo -eventualmente- a disposizione della globalizzazione. Solo così si creeranno veri posti di lavoro e la felicità delle persone. A cosa serve dare tutto in mano alle multinazionali se poi il risultato è questo?
    Tanto in mano a pochi. Così è più facile gestire il destino del mondo.

    Liked by 2 people

    • Il problema è proprio che le unioni non vengono fatte per redistribuire i surplus che alcuni paesi hanno essendo da esse avvantaggiati. Esse servono invece esclusivamente a porre in essere forme d’ imperialismo e colonizzazioni che fanno regredire le civiltà. La vera alternativa alla globalizzazione è la democrazia che nasce dai territori, dai popoli e dalle loro culture. C L’assurdo è che chi vede nella nazione la fonte di ogni male è poi favorevole alla creazione di una super nazione come quella europea a guida tedesca!! Grazie per il commento

      Mi piace

  3. Agghiacciante… Quando poi i loro bei teatrini, inevitabilmente crollano come castelli di carta, fanno scoppiare l’ennesimo evento bellico per creare scompiglio e destabilizzare le masse. Tanto, i “signori dell’economia”, se ne staranno sempre al calduccio a decidere le sorti dei popoli dai loro posti di comando.

    Liked by 1 persona

    • È proprio così! Basti pensare che Keynes scrisse un libro intitolato “Le conseguenze economiche delladella pace” dove criticava la scelta di imporre pesanti debiti di guerra alla Germania, che avrebbe invece essere sostenuto da investimenti pubblici da parte dell”Inghilterra e Stati Uniti. Così le politiche l’austerità fatte dal governi tedesco insieme alla crisi finanziaria del 29 causarono una recessione gravissima che fu uno dei motivi dall’avvento del nazismo: se sfrutti il popolo all’inverosimile primo a poi sceglierà la persona sbagliata nella speranza che faccia la cosa giusta. Resta comunque da sperare che il passato non si ripeta e ci sia una svolta pacifica che faccia crollare un sistema cosi iniquo

      Liked by 1 persona

  4. “They sentenced me to twenty years of boredom
    For trying to change the system from within
    I’m coming now, I’m coming to reward them
    First we take Manhattan, then we take Berlin.”

    Così cantava il grande Leonard Cohen esattamente trent’anni fa. E noi ci troviamo ancora allo stesso punto, con la stessa identica problematica da affrontare.

    Liked by 1 persona

    • Chi vuol intendere intenda, anche perché ormai chi non ha ancora capito qual è il problema da risolvere per programmare una pace vera e duratura dubito che riuscirà mai a cambiare il sistema. E mi riferisco qui oltre che a noi comuni cittadini a chi ricopre cariche istituzionali. Grazie Ivano per la bella e opportuna citazione!

      Mi piace

  5. Il capitalismo di per sè non è un male. Diventa un male se è capitalismo sfrenato, immorale e senza regole. Dopo il fallimento del comunismo stiamo assistendo, poco alla volta, al fallimento del capitalismo, quantomeno di QUESTO capitalismo (quello che Tremonti chiama “mercatismo”). Personalmente sento la mancanza di una “terza via” che contemperi le esigenze di un libero mercato fatto di regole ben chiare (non credo che si voglia o si possa tornare indietro a una economia nordcoreana) con quelle di un socialismo basato su un mirato e oculato intervento dello Stato nell’economia. Aggiungo anche che noi italiani dobbiamo cambiare un po’ la nostra testa. Con la nostra intelligenza tutta italiana e la bellezza incomparabile del nostro Paese NOI dovevamo essere la Germania. E invece ci dobbiamo ogni volta scontrare con l’egoismo e la furbizia di chi vuole arricchirsi senza lavorare. Non è colpa dei tedeschi se loro riescono a imporre le loro condizioni in Europa e noi. E’ solo colpa nostra, della nostra politica e di chi lo sceglie (che siamo sempre noi).

    Liked by 1 persona

    • Concordo con il tuo commento. Preciso però che questo modello mercantilista è lo stesso dell’800 ed è stato sostituito dal modello keynesiano delle costituzioni. La critica non è alla Germania ma a quelle élite foraggiate dal Capitale che in modo sovversivo si inseriscono nelle istituzioni per modificarne gli ordinamenti. A noi italiani non mi risulta ci sia stato chiesto di rinunciare alla sovranità monetaria per entrare in un sistema, l’UE ove alcuni comandano a danno di altri. Il tradimento dei partiti è tale in tutti i paesi dell’UE Germania inclusa che oggi ne paga le conseguenze non riuscendo a formare un governo e probabilmente dovrà andare alle elezioni. Quindi concordo su tutto tranne su un punto: noi italiani e noi europei siamo davvero voluti entrare consapevolmente in questo modello economico finanziario socialmente devastante? Io credo di no. Ciao e grazie per l’ottimo commento

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...