Regalalo…

L’amore è l’unico tesoro che

si moltiplica per divisione,

è l’unico dono che aumenta

quanto più ne sottrai,

è l’unica impresa nella

quale più si spende più si

guadagna: regalalo, buttalo

via, spargilo ai quattro venti,

vuotati le tasche, scuoti il

cesto, capovolgi il bicchiere e

domani ne avrai più di prima.

                          Autore anonimo *

*La poesia l’ho letta in un libro e subito pubblicata: semplicemente bella o bella perché semplice. Mi sono permesso di aggiungere un titolo nella speranza che renda fede al testo.

Oltre

Jacopo_del_sellaio,_trionfo_dell'eternità_1480-85.JPG

Jacopo Del Sellaio, Trionfo dell’Eternità 1480-1485

Ripropongo queste brevi riflessioni sulla Pasqua (QUI il vecchio post), cioè sul passaggio sempre aperto verso una vita nuova! Si nasce e si rinasce in un flusso infinito di pensieri e di azioni. Eppure l’Io è adagiato in un bozzolo d’amore, sostenuto cioè da chi non ha bisogno di sostegno pur sostenendo ogni essere! Una dimensione ignorata quella dell’Essere, quasi sconosciuta eppure…

Non so se avete mai incontrato o meglio provato un attimo d’Eternità, un istante in cui siete andati oltre…oltre il frastuono del divenire, della vita che scorre come un fiume in piena, oltre gli attimi infiniti, tutti uguali e tutti cancellati dalla sua acqua che li travolge irrequieta!

Oltre si placa! Oltre svanisce… la paura di ciò che può accadere, di ciò che sarà bene o male.

Noi siamo lì da sempre eppure sognamo e viviamo una vita diversa e ci agitiamo per nulla. Non ne sono più padrone di quell’attimo regalato dal destino in cui ho aperto gli occhi ed ho capito (o almeno avevo capito, perché la fede di allora di nuovo mi sfugge come sabbia fra le mani nella clessidra del tempo e del divenire)! Che non c’è niente da temere quando avanziamo incerti, quando inciampiamo, c’è sempre qualcuno pronto a rialzarci e ad accoglierci. Perché siamo già oltre!

E ciò che è più incredibile è che ci ritroveremo lì, tutti insieme, nello stesso istante, in un attimo d’Eternità!

Buona Pasqua

Su(l)l’IVA, (giù)l’IVA

white-goose-2711766_1920.jpg

<a href="http://Foto di Michael K da Pixabay“>In attesa di IVA l’oca giulIVA!

Su Repubblica relativamente al possibile aumento dell’IVA il ministro Tria dichiara: “La legislazione vigente in materia fiscale è confermata in attesa di definire, nei prossimi mesi, misure alternative (LEGGI QUI )!

Ora io sono perfettamente consapevole che le alternative ci saranno se e solo se la parte eurocritica del governo uscirà rafforzata dalle prossime elezioni europee. E basterebbe un decreto a cancellare una volta per tutte ste famigerate clausole di salvaguardia per introdurre poi misure realmente anticicliche che non tengano conto di astrusi parametri fiscali che altro non sono che misure d’austerità recessive (in realtà tanto amate proprio dai ragliatori della crescita che hanno affossato il paese)!

Ma per fare un’analisi sull’oggi riprendo qui brevemente alcune riflessioni fatte dal grande economista J.M. Keynes nel suo libro “Autarchia economica” del 1933.

Keynes sul ruolo dello Stato in economia:
“…Noi distruggiamo le bellezze della campagna perché gli splendori della natura, accessibili a tutti, non hanno valore economico. Noi siamo capaci di chiudere la porta in faccia al sole e alle stelle, perché non pagano dividendo. Londra è una delle città più ricche che ricordi la storia della civiltà, ma non si può permettere i massimi livelli di civiltà di cui sono capaci i suoi cittadini, perché non rendono… E’ lo Stato, piuttosto che l’individuo, che bisogna cambi i suoi criteri. E’ la concezione del Ministro delle Finanze, come del Presidente di una specie di società anonima, che deve essere respinta.”

Capito ministro Tria e suoi predecessori? Non siete a capo di una società anonima amministrata per fini non meglio definiti, ma siete invece a capo di uno Stato che deve garantire prioritariamente sostegno ai propri cittadini, che può e deve creare le “città delle meraviglie” cancellando una volta per tutte la mentalità contabile per cui ogni persona è un numero in una lista senza priorità e dignità alcuna. Ma continuiamo con Keynes…

Le parole del grande economista sono critiche nei confronti delle scelte di politica economica attuate dai governanti europei negli anni ’30 del secolo scorso, ma risultano estremamente attuali:
“… Invece di usare le loro moltiplicate riserve materiali e tecniche per costruire la città delle meraviglie, gli uomini dell’ottocento costruirono dei sobborghi di catapecchie; ed erano dell’opinione che fosse giusto ed opportuno costruire delle catapecchie, perché le catapecchie, alla prova dell’iniziativa privata, <<rendevano>>, mentre la città delle meraviglie, pensavano, sarebbe stata una folle stravaganza che, per esprimerci nell’idioma imbecille della moda finanziaria, avrebbe <<ipotecato il futuro>>, sebbene non si riesca a vedere, a meno che non si abbia la mente obnubilata da false analogie tratte da un’inapplicabile contabilità, come la costruzione oggi di opere grandiose e magnifiche possa impoverire il futuro”.
“…la nazione nel suo insieme sarebbe senza dubbio più ricca se gli uomini e le macchine disoccupate fossero adoperate per costruire le case di cui si ha tanto bisogno, che non se essi sono mantenuti nell’ozio. Ma le menti di questa generazione sono così offuscate da calcoli sofisticati, che esse diffidano di conclusioni che dovrebbero essere ovvie, e questo ancora per la cieca fiducia che hanno in una sistema di contabilità finanziaria che mette in dubbio se un’operazione del genere <<renderebbe>>. Noi dobbiamo restare poveri perché essere ricchi non <<rende>>. Noi dobbiamo vivere in tuguri, non perché non possiamo costruire palazzi, ma perché non ce li possiamo permettere.

Quante volte abbiamo sentito ripeterci il mantra “abbiamo vissuto sopra le nostre possibilità”? Non è cambiato molto e la storia non ha insegnato nulla agli uomini! Le critiche che Keynes rivolgeva ai politici di allora, che con le loro assurde scelte economiche impoverivano interi popoli ad esclusivo vantaggio di pochi gruppi industriali legati a doppio filo con il sistema finanziario, potrebbero essere ripetute pari pari ai politici italiani e più in generale europei (ma anche USA, Cina, ecc., ecc.). E a me dell’oca giùl’IVA o dei vincoli di bilancio o del debito pubblico BRUTTO poco importa. Attendo con speranza la “città delle meraviglie” perché di altra povertà e menzogne, magari condite da solite guerre devastanti non vorrei proprio più sentir parlare…

Lode all’Italia!

Come non condividere le parole di Stefano? Si, perché l’articolo sotto è il suo ma ricalca in toto quello che penso anch’io dell’Italia! Anche la passione del camper ci accomuna, l’ho acquistato nel 2008 per potermi muovere con la “casa appresso” avendo allora due bimbi che avevano rispettivamente 1 e 3 anni e mi ha permesso di scoprire tanti piccoli paesi e realtà nascoste paragonabili a gioielli preziosi. Perché questa è l’Italia, una culla di culture e tradizioni e natura… Per questo motivo sarebbe doveroso adottare un modello economico che sia non solo compatibile con l’ambiente naturale, ma anche con quello socio-culturale, con le piccole imprese che nascono dal territorio e dalle infinite potenzialità del nostro paese. Certo che oltre alle luci, ci sono molte ombre! Ma queste giustificano forse la scarsa valorizzazione, a volte addirittura il disprezzo che spesso sembra prevalere nei media, tanto bravi ad esaltare i difetti e lodare gli altri, i virtuosi per definizione? Perché chi paragona il “piccolo” all’inefficienza, addirittura ad una metastasi che non potrà mai competere con le grandi e belle e superiori mega-ultra-multinazionali, forse non conosce bene (o non gli in teressa conoscere) la ricchezza della nostra terra, fatta in gran parte di piccole realtà. Viva la BIO-SOCIOdiversità, viva l’Italia!

Post di Stefano

Da quando la mia compagna ed io abbiamo il camper capita spesso una cosa: io sono uno specialista nello sbagliare strada, malgrado il navigatore, così magari cerchiamo di raggiungere un posto e, per sbaglio, ne troviamo un altro. Più bello di quello che cercavamo! In Italia capita spesso!

Non mi piace fare il nazionalista e spesso penso che la maggioranza degli italiani non merita di vivere in mezzo a così tanta bellezza, non l’apprezza abbastanza e magari agisce, nel suo piccolo, per distruggerne una parte.

Ma no!

Io credo fortemente che nulla avvenga per caso, per cui, chiunque abbia il Karma di vivere in Italia ce l’ha per uno scopo, come premio o come occasione di crescita nell’insegnamento positivo.

Ho avuto ed ho la fortuna di fare molti viaggi, a volte anche molto lontano, ed ho avuto l’occasione di vedere… che ne so… delle spiagge tra le più belle del mondo, ma pensandoci bene in Italia ne ho viste di altrettanto belle. Ho visto le montagne più alte del mondo, però la bellezza delle Dolomiti…

vogliamo poi parlare dei borghi antichi? A migliaia e tutti caratteristici! Le città? Alcune, anzi molte, sono dei veri e propri musei all’aria aperta… Roma, Venezia, Firenze, Napoli… eccetera, sono uniche al mondo ed irripetibili, neanche paragonabili a nessun’altra città del mondo. I siti termali… quanti ce ne sono? Vado spesso a Saturnia: le “cascatelle” sono uniche!

Migliaia di chilometri di spiagge, ma non spiagge normali… bellissime!

Abbiamo il comprensorio sciistico più grande e più bello del mondo! I sentieri di montagna, le ferrate… e non solo nelle Alpi, un po’ dappertutto.

E poi l’arte… L’ARTE???

In sintesi ogni stato estero ha le una sua caratteristica, magari peculiare, ma ne ha una… o due. L’Italia no! L’Italia le ha tutte!!!

E’ ovvio che tanta bellezza così concentrata in un solo paese comporta delle responsabilità enormi a carico di chi lo abita questo paese. Responsabilità troppo spesso disattese.

Però, l’attacco economico che sistematicamente subiamo dai paesi vicini, io penso, che non sia solo di natura prettamente economica e che l’invidia sia in fondo, in fondo la causa scatenante.

Il cielo è di tutti

sky-3887818_1920

<a href="http://Foto di Georg Schober da Pixabay“>Il Cielo

Qualcuno che la sa lunga

mi spieghi questo mistero:

il cielo è di tutti gli occhi,

di ogni occhio è il cielo intero.

E’ mio, quando lo guardo.

E’ del vecchio, del bambino,

del re, dell’ortolano,

del poeta, dello spazzino.

Non c’è povero tanto povero

che non ne sia il padrone.

Il coniglio spaurito

ne ha quanto il leone.

Il cielo è di tutti gli occhi,

ed ogni occhio, se vuole,

si prende la luna intera,

le stelle comete, il sole.

Ogni occhio si prende ogni cosa

e non manca mai niente:

chi guarda il cielo per ultimo

non lo trova meno splendente.

Spiegatemi voi dunque,

in prosa o in versetti,

perché il cielo è uno solo

e la terra è tutta a pezzetti.

G. Rodari
C’è altro da aggiungere? A me non sembra. Gianni Rodari riesce sempre a dire molto e a dire ai bambini come agli adulti. A noi non resta che provare a guardare per vedere e ad ascoltare per sentire… allora si che non avremmo più bisogno di “prosa o versetti” per spiegare il mondo in cui viviamo!

A mio figlio

 

Testo di Stefano…

Ti auguro di realizzare a pieno lo scopo per cui sei venuto al mondo

Ma se questo scopo non c’è allora ti auguro:

Che tu abbia sempre lo sguardo limpido, ma che sappia guardare attraverso lo sguardo degli altri

Che tu sappia donare, ma senza aspettare la ricompensa, anche fosse solo la gratitudine

Che tu sappia gioire delle gioie delle persone care, ma anche di chi non lo è

Che tu sappia difendere i tuoi diritti, ma senza prevaricare quelli altrui

Che tu sappia difenderti dalle offese, ma senza offendere

Che tu sappia farti gli affari tuoi, tranne quando vorrai aiutare gli altri

Che tu sia sempre leale, anche coi nemici

Che tu abbia rispetto per chiunque e per tutto e che tu lo ottenga sempre

Che tu sia sempre pieno di dubbi, ma che alla fine tu sappia sempre trovare la tua via

Che tu sia sempre aperto ad ascoltare chiunque, ma che poi decida da solo

Che tu non ti lasci convincere da chi ti propone dogmi e certezze

Che tu sappia riconoscere sempre chi ti è davvero amico

Che tu sappia riconoscere dagli occhi la compagna della tua vita

Che tu sappia cercare il piacere, ma senza limitarlo ad alcuno, anzi, condividendolo con chi ami

Che tu abbia sempre un cuore puro, senza odio, astio o rancore

Che tu sappia trovare sempre le parole per non ferire, anche se dovrai dire cose spiacevoli

Che tu abbia sempre un buon motivo per affrontare ogni addio

Anche alla vita, perché tu non ne soffra troppo,

Perché tu sia sempre felice, perché io ti amo figlio mio.

Il Tuo Babbo

La lettera-poesia è del mio amico Stefano. Lo ringrazio per averla voluta condividere. Del resto, come ogni cosa che viene dal cuore, è intima si, ma al contempo è un dono: un dono dell’Amore! Affinché ogni figlio non si senta mai solo.

Il vento

IMG_20170715_104949

Poesie di Lorenzo

Vento

quale mira nasconde

il tuo soffio di vita?

Quale mente lucida

ti spinge verso terre acri?

Gioia di passeri in cielo,

letizia di fiori sbocciati,

sollievo di rami

velati da un’ombra di stanchezza.

Spazzi via quel velo

 che ci avvolgeva in sonno acerbo.

Volgo lo sguardo in cielo

e una nube nera

si allontana sospinta

per poi calare quieta

come la sera.

Poesia di Lorenzo già pubblicata QUI!

 

Via della seta: dalla padella alla brace!

seta

Dopo un periodo di assenza l’amico Stefano mi ha inviato un suo nuovo articolo. L’argomento lo potete capire dal titolo, personalmente non ho approfondito la questione ma i dubbi suscitati da Stefano mi sembrano condivisibili, vi lascio alla lettura del post…

Si fa un gran parlare della nuova “via della seta”, ovvero dei nuovi accordi che hanno stipulato i nostri governanti con le autorità e le ditte cinesi. Questi accordi prevedono tra l’altro investimenti strutturali soprattutto nei porti di Trieste e Genova per poter accogliere meglio le “merci” cinesi e per far partire meglio le nostre, di merci, verso la Cina.

Questi accordi sono stati puntualmente maledetti sia dagli americani che dai tedesco/francesi. Le loro motivazioni sono facilmente intuibili: nel migliore dei casi perché avrebbero preferito farli loro questi accordi, poi, per i teutogallici, perché hanno paura che l’Italia possa risorgere e tornare ad essere un competitor temibile come lo era prima dell’euro, per questioni di egemonia mondiale (gli americani), eccetera.

Ma per noi, siamo sicuri che questi accordi siano davvero vantaggiosi?

Analizziamo un po’: che cosa compriamo noi dai cinesi? Paccottiglia che potremmo benissimo produrci da soli, solo ad un costo un po’ superiore perché qui, ancora, si rispettano certe norme di sicurezza e si pagano, ancora per poco temo, un po’ più dignitosamente i lavoratori. E che quindi ci rende meno produttivi, indebolisce la nostra economia e ci toglie posti di lavoro.

Che cosa comprano loro? Tecnologia fine e macchinari che non sanno ancora farsi da soli, ma che rendono ancora più forte l’economia cinese!

Vantaggi quindi a breve, brevissimo termine e grossi svantaggi a medio, lungo termine.

Inoltre, i cinesi non hanno la minima cura dell’ambiente e, se non ce l’hanno a casa loro, come pensate che vogliano ridurre i porti (e non solo) di quelle due meravigliose città?

Inoltre, nel 1985 l’Italia ha firmato un patto bilaterale per cui se una qualche legge italiana dovesse danneggiare l’interesse di una qualche ditta cinese, questa potrebbe farci causa e, sinceramente, secondo voi, chi ha più soldi per pagare gli avvocati giusti?

Inoltre, la leva finanziaria: ammettiamo che in un porto c’è bisogno di una tale infrastruttura. E’ plausibile che le spese vengano divise a metà, ma lo è altrettanto che la parte che spetta all’Italia Euroinomane, non sovrana della sua moneta, debba essere finanziata a prestito dai cinesi stessi e se poi capitasse che la BCE non ci conceda abbastanza credito (moooolto facile) la Cina si prende i nostri porti!

Inoltre, i cinesi stanno già invadendo il nostro territorio e le nostre proprietà che… altro che i migranti clandestini, non si integrano ed hanno un atteggiamento predatorio.

Inoltre, inoltre… inoltre, perché i cinesi, come lo sono gli americani, sono geneticamente degli egemoni. Per settant’anni siamo stati sotto gli americani e tutto sommato… i danni peggiori ce li hanno rifilati i nostri cugini teutogallici!

Vi sembra proprio il caso di passare dalla padella alla brace?