Olocausti

Per fortuna c’è Stefano che mi manda post interessanti per tenere vivo il blog! Grazie, grazie, ancora grazie!!! Che poi risveglia anche in me l’interesse per scrivere. In questo caso per esempio, come gli ho detto prima di pubblicarlo, ho diverse cose che mi dividono dalle idee che esprime nel post sotto. Intanto non condivido l’identificazione che lui sembra fare fra persona di religione ebraica e israeliano. Ci sono innumerevoli esempi che dimostrano come molti ebrei, oltre a non essere israeliani, non condividono neanche la politica dello Stato d’Israele nei confronti del popolo palestinese. Criticare Israele e la sua politica NON significa criticare la popolazione ebraica, né tanto meno la religione ebraica. La nascita dello Stato d’Israele è stata certamente frutto di eventi drammatici come l’olocausto, di errori diplomatici e guerre che sembrano non avere mai fine. Quello che a me sembra certo è che le scelte fatte fino ad oggi sono sempre state di natura politica e NON RELIGIOSA! E che – come dice sotto Stefano – pur essendo tutti gli uomini appartenenti alla razza umana, quando popoli diversi con interessi contrastanti si trovano a convivere nascono i conflitti insanabili, che alla fine si risolvono sempre con la legge del più forte. Finché la Palestina è stata un protettorato britannico e l’immigrazione ebraica era limitata ma costante, c’erano esempi di pacifica convivenza tra questi due popoli. Quando invece, soprattutto dopo la fine delle seconda guerra mondiale, l’immigrazione ebraica è stata massiccia e repentina, allora sono esplosi i problemi. Questo dovrebbe essere un insegnamento anche per l’Europa quando si predica l’accoglienza senza sé e senza ma: un’immigrazione fisiologica dai paesi dell’Africa sub sahariana verso l’Italia e l’Europa c’è sempre stata e sempre ci sarà! Essa non ha mai creato problemi perché i piccoli numeri permettono l’integrazione, che si crea innanzitutto grazie al lavoro! Quello che sta accadendo ora invece va ben oltre il fisiologico e ha come logica conseguenza una futura israelizzazione dell’Europa! Ma questo è un altro discorso che esula dalle questioni sollevate da Stefano.

Accenno invece alla questione “usura” di cui parla Stefano! Non mi risulta che nella Bibbia, in particolare nell’Antico Testamento, sia permesso il prestito ad interesse (la parola usura si traduce dal latino come prestito ad interesse). Vero è che nel Deuteronomio si dice che ” se avrai fatto credito ad uno straniero, da lui pretenderai interesse, mai da un tuo fratello!” Il prestito ad interesse non è certo un’invenzione del popolo ebraico, visto che nell’antichità era praticata da tanti altri popoli: egizi, ebrei, romani… Però nel Medioevo le persecuzioni della Chiesa nei confronti degli ebrei limitarono fortemente qualsiasi loro attività economica, permettendo però il “prestito ad interesse”, attività invece proibita per chi era cristiano (che però veniva praticata clandestinamente)! Quindi essendo gli ebrei “eretici” potevano, anzi dovevano praticare prestiti! Ma da qui a dire che la finanza mondiale sia in loro mani secondo me ce ne passa! Non mi dilungo oltre e vi lascio al post di Stefano…

*Mi scuso si da subito con Stefano e i lettori per la strana impaginazione del post, probabilmente frutto del copia incolla dal file d’origine. Purtroppo non sono riuscito a modificarla ma non ne pregiudica la lettura.

Io considero l’Olocausto una delle pagine più nere della storia dell’umanità, forse la più
nera… ma “forse”! E qui il dubbio è lecito. Perché di olocausti, di sfruttamenti estremi
e di soprusi altrettanto estremi è piena la storia dell’umanità. Non sono da meno lo sterminio e la schiavizzazione degli indigeni dell’america del sud da parte degli
spagnoli e dei portoghesi. Lo sterminio dei nativi nord americani, la schiavizzazione ed il massacro degli africani da parte dei nord americani, lo sterminio dei “dissidenti” russi sotto Stalin, i vari massacri giustificati da “esportazioni” di democrazia ed
importazioni di petrolio, Polpot… i Cinesi in Tibet, eccetera, eccetera…
Qui c’è da fare una precisazione sul mio pensiero: io considero l’intero genere umano come una razza, una unica razza, 46 cromosomi. Come disse Einstein alla frontiera americana: “Lei di che razza è?” risposta dello scienziato: “Umana!”. Chi si considera una razza a parte, superiore agli altri, eletto da Dio in persona, più puro degli altri, è
lui che ha un problema, è lui il razzista! Per cui d’ora in poi parlerò di PERSONE che hanno fenotipi diversi, etnie diverse, culture diverse, lingue diverse, religioni diverse.
Persone che, con pari dignità, indistintamente, appartengono alla medesima “razza umana”!
Le PERSONE di religione ebraica hanno subito quella roba lì… ed è mostruosa! Ma sono in buona compagnia! A me non me ne frega niente di che religione siano. Per me sono delle persone che hanno subito massacri, olocausti, disumanizzazione, mercificazione
estrema da parte di altrettante persone, a seconda del ruolo,carnefici.
Che poi, se vogliamo, motivi per cui qualcuno possa considerare le persone di religione ebraica come causa di alcuni mali del mondo ce ne sarebbero. Questo non giustifica
nessuno, nel modo più assoluto, a massacrarli come avvenuto nell’Olocausto, ma motivi per essere incazzati con loro ce ne sono eccome! Ovviamente c’ è da fare un distinguo: è ovvio che all’interno di ogni comunità ci sono quelli che si comportano bene e quelli che si comportano male, io mi rivolgo a quelle persone di religione
ebraica che praticano, sotto varie forme, l’usura. Tutte, e dico tutte, le religioni del mondo, soprattutto quelle monoteiste, considerano il prestito di denaro ad interesse
profondamente immorale e peccaminoso… tranne quella ebraica! La finanza islamica, tuttora, non prevede il prestito ad interesse: “Chi lavora guadagna!” dice un versetto
del Corano. Non si può guadagnare senza lavorare! Cristo scaccia i cambiavalute, gli antichi speculatori finanziari, dal tempio a bastonate. Che poi la religione cristiana si
sia imbastardita ed “ebreizzata” ammettendo il prestito ad interesse, è un’altra storia.
Sta di fatto che lo sfruttamento e la schiavizzazione dell’uomo sull’uomo, nelle varie epoche, si è ottenuto attraverso varie armi: l’uso della forza militare, culturale,religiosa, ma ultimamente attraverso l’uso della finanza, ed in questo alcune persone
di religione ebraica, ma anche di altre religioni, non sono innocenti. Chi guadagna da rendita finanziaria è di fatto un parassita che può ottenere beni e servizi prodotti da altri senza lavorare in contropartita, è uno sfruttatore del lavoro altrui.
Infine a me dà fastidio un sacco quell’aria da primi della classe per cui il “loro” Olocausto valga di più di quello degli altri, ripeto, non fraintendetemi è stata la cosa
“forse” più mostruosa dell’umanità, ma questo non gli dà il diritto di far cambiare legislazioni fino a far considerare illecito negare l’Olocausto. Un’opinione, per quanto
possa essere disdicevole, non può mai essere considerata un reato, resta comunque un’opinione che, fintanto non si traduce in una azione concreta, non può essere perseguita. In uno stato civile non esiste il reato di opinione, altrimenti CHI stabilirebbe
quale sia l’opinione da perseguire? Il dittatore di turno? Ma soprattutto non dà il diritto alle persone di religione ebraica di massacrare e non permettere ad un popolo intero,
quello palestinese, di avere una propria terra ed un proprio stato autonomo libero ed indipendente, solo in virtù dell’Olocausto subito. Non gli da il diritto di essere più
nazisti dei nazisti!

17 pensieri su “Olocausti

  1. Il terreno sul quale si è avventurato Stefano è particolarmente scivoloso. Chi critica le politiche aggressive del governo israeliano rischia subito un’accusa di antisemitismo. Perché probabilmente la maggior parte degli ebrei di tutto il mondo e le loro comunità considerano Israele la terra promessa e, di solito, non muovono alcuna critica alla sua linea politica, anche dopo episodi particolarmente sanguinosi. Un atteggiamento che fa aumentare la diffidenza verso lo stato ebraico e verso tutti gli ebrei. Così, anno dopo anno, si continua a sperperare l’immenso patrimonio umano, morale e politico che ci ha lasciato la Shoa.
    Qualche eccezione c’è, ma si tratta di voci isolate come quelle di Moni Ovadia, Woody Allen e pochi altri.
    Per quanto riguarda la volontà di arrivare ad una convivenza pacifica tra israeliani e palestinesi mi sembra che sia carente da entrambe la parti.
    Ad esempio non si capisce perché, molto spesso, mentre sono in corso colloqui di pace, oppure dopo un periodo relativamente tranquillo, qualcuno fa un attentato o lancia missili contro Israele, pur sapendo che quell’azione produrrà solo una violenta reazione con morti, feriti e case distrutte.
    Ci deve essere qualcosa che non va. O che non sappiamo.

    Piace a 1 persona

    • Purtroppo il divide et impera tanto caro al capitalismo imperialista fa comodo un po’ a tutti, ecco perché il popolo palestinese è stato abbandonato persino dagli Stati arabi che prima lo difendevano. Una situazione destabilizzata crea sempre le condizioni per giustificare cose altrimenti non accettabili (guerre e simili), che in realtà hanno sempre fini economici e logiche di potere. In tal senso l’arma più potente è l’antisemitismo, usato ad hoc per sopire ogni forma di critica allo status Quo. Infatti esso viene usato in Europa, dove il rischio di una futura israelizzazione è molto alto! Essa sarà l’arma principale il mano al sistema di potere dominante per fare in modo che la compressione dei diritti sociali avvenuta con il pretesto della crisi diventi una realtà permanente in tutti gli stati europei. Lo stato di eccezione giustifica azioni di potere apparentemente in difesa della democrazia, quando poi l’informazione è distorta non se ne esce più fuori. Grazie per l’interessante commento

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...