Categorie
Filosofia e religione

La Bibbia come una città

Foto da pexels

La Bibbia è simile ad una città bellissima.

È attraversata da un fiume di acqua limpida e cristallina, che dà bellezza e vita. La Città della Bibbia ha le sue strade che sono i libri in cui è suddivisa. Le sue case, ossia i capitoli. Le stanze che costituiscono ogni casa sono i versetti. Se ci concentriamo sullo stile architettonico delle strade e degli edifici, possiamo intravedere due zone: una più antica e una più recente. Nella parte antica ci sono 46 strade e in quella nuova 27. Non tutte le strade sono uguali. Ce ne sono di più lunghe e di più corte. Anche le case sono tante e diverse tra loro. Nella parte più antica per esempio c’è il quartiere degli Storici, dei Profeti, dei Saggi. Nella parte più recente c’è il quartiere dei Vangeli, degli Atti degli Apostoli, delle Lettere e dell’Apocalisse.

Vi invito a passeggiare in questa città. Fate attenzione a non perdere mai di vista il fiume. Scoprirete che questo fiume è Gesù Cristo. Sono certo che l’Architetto che l’ha progettata ha saputo pensare alle persone in carne ed ossa, ai bambini. E i muratori che l’hanno costruita hanno pensato anche a noi.

adatt. da Carlos Mesteres, Agenda Biblica, EMI

Di opinioniweb - Roberto Nicolini

Sono un insegnante di religione di scuola primaria dal 1996. Nonostante tutto il dato di "fede" non ha mai prevalso sulla ricerca della verità. Del resto è l'unica cosa che al di là dei limiti oggettivi della nostra vita ci rende effettivamente liberi e quindi ci avvicina a Dio, in qualunque modo Esso si manifesti!

16 risposte su “La Bibbia come una città”

È bello vedere che ci sono persone, giovani, che ancora hanno belle parole per la propria religione, il proprio Dio, i propri testi sacri.
Io sono ebrea, ma è da tanto tanto, e ridico ancora, tanto tempo che non prendo in mano la Torah.
E non solo le mie dita non la toccano più, ma spesso mi chiedo se Jahve effettivamente ci sia. E se vi è che piani abbia per la mente…
Io tra quei vicoli mi ci sono un po’ persa…
Però questo scritto mi è piaciuto molto.

"Mi piace"

Scusa Giselle, sono accorto solo ora del tuo commento che mi era sfuggito! Ti dico solo che il dubbio è il vero motore della fede, che credere in Dio è un continuo perdersi per poi ritrovarsi e rinnovarsi, che il Suo Amore va oltre i nostri limiti e le nostre e imperfezioni. Anche la mia fede è come sabbia al vento ma fra le poche cose che so c’è la consapevolezza che finché una briciola di senso è presente nella mia vita significa che Lui on qualche modo è lì accanto a me. Ciao e buona domenica

"Mi piace"

Scrivi benissimo, wow!
Metafora meravigliosa 🙂

Di religione so veramente poco, e sono contento di essermi imbattuto nel tuo blog: ascoltare qualcuno che, con passione e cognizione di causa, parla di argomenti che gli stanno a cuore trovo che sia un’esperienza appagante!

"Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...