Categorie
Attualità

I fatti di Roma del 9 ottobre

Post di Stefano

Come già sapientemente “insegnato” al popolo dal G8 di Genova nel 2001, non si può più manifestare pacificamente. Ogni volta, da una parte o dall’altra, stavolta da tutte e due, intervengono degli idioti, o più probabilmente persone istruite per uno scopo ben preciso, a far sì che la manifestazione degeneri, per dare l’input alla polizia di intervenire con la repressione e, quindi, screditare ogni movimento di libere idee. Idee che, lo ricordo, anche se fossero poco condivisibili, in una democrazia hanno la piena legittimità ed il pieno diritto di essere, appunto, manifestate.
In questo caso c’era gente che, come ogni sabato, manifestava in generale contro questa narrazione sulla “pandemia” ed ora in particolare anche contro la verde tessera, abominio lesivo in democrazia della libertà individuale, del diritto al lavoro e quindi della sopravvivenza. Tessera discriminante nei confronti di chi si è adeguato alla vulgata comune e può quindi usufruire di libertà che prima erano naturalmente di tutti. I media asserviti hanno avuto facile compito ad associare i “no vax” (pessima etichettatura dalla quale mi dissocio, semmai ritengo più appropriata quella di “free vax”) ai fascisti di “forza nuova”. Mentre assistevamo alla diretta di Rai News 24, ho guardato mia moglie e le ho chiesto ironicamente se non si sentisse già un po’ fascista.
Dopo aver militato per 30 anni nella CGIL, ne ho stracciato la tessera circa 10 anni fa e la posizione di Landini di voler imporre l’obbligo vaccinale non fa altro che confermare la saggezza della scelta fatta, ma da qui a giustificare l’assurdo attacco dei fascisti ce ne vuole. Nello stesso modo però non si può tollerare l’attacco gratuito della polizia verso manifestanti inermi, per lo più donne con le mani alzate, come inequivocabilmente documentato nei filmati e nelle testimonianze raccolte.
Il vero capolavoro, lo leggevo su un meme di FB, è stato quello di far arrivare da “sinistra” questo nuovo fascismo.
Io sono ovviamente schierato dalla parte dei manifestanti NON VIOLENTI, ma qui non si tratta di discutere sul valore delle idee, quanto invece sul diritto, a mio avviso inalienabile, di averle e di poterle esprimere liberamente.
Però, se le manifestazioni non si possono più fare per i motivi di cui sopra e se i movimenti ed i partiti politici “alternativi” hanno mostrato dopo l’esperienza dei 5 stalle… stelle di essere contenitori sedativi del dissenso… cosa rimane?
Credo occorra inventarsi qualche forma di lotta veramente alternativa e il più possibile individuale per cercare di salvare quel poco di libertà che ci resta, o per lo meno per darci uno scopo ed una consapevolezza di aver fatto tutto il possibile per salvare almeno l’autostima.

Di opinioniweb - Roberto Nicolini

Sono un insegnante di religione di scuola primaria dal 1996. Nonostante tutto il dato di "fede" non ha mai prevalso sulla ricerca della verità. Del resto è l'unica cosa che al di là dei limiti oggettivi della nostra vita ci rende effettivamente liberi e quindi ci avvicina a Dio, in qualunque modo Esso si manifesti!

12 risposte su “I fatti di Roma del 9 ottobre”

Diciamo che molti si svegliano mano a mano che il tram gli passa sopra e stavolta la batosta riguarderà un bel numero di persone. Poi c’è chi è talmente assuefatto da attribuire sempre ad altro qualsiasi nefandezza che gli viene propinata (ai vax, ai novax, agli evasori, alla casta, alla cricca, alla mafia….)! Per questi sinceramente nutro poche speranze

Piace a 1 persona

Personalmente ed assai modestamente, paragonare i fatti di Roma con quelli del G8 di Genova del 2001, mi pare leggermente forzato. A Genova, i black block non andavano sul palco ad aizzare i manifestanti pacifici e plaudenti i deliri di capipopolo fascisti. O sbaglio?
Dunque a che pro questo paragone forzato per non dire astruso? Forse per dire che i fascisti vengono infiltrati nelle manifestazioni pacifiche?
Al contrario io credo che, la vocazione di novax e nopass si sia fortemente ideologicizzata, finendo per coincidere con fascisti e sfascisti, impedendogli di mantenere una visione lucida che facesse in modo di evitare di essere strumentalizzati dai vari Fiore e compagni.

"Mi piace"

Sicuramente infiltrati c’erano poliziotti in borghese che alimentavano le proteste violente visto che oggi uno di questi si è dovuto presentare in questura https://www.google.com/amp/s/roma.repubblica.it/cronaca/2021/10/11/news/poliziotto-321804308/amp/ Personalmente credo che al di là delle dichiarazioni di facciata di alcuni esponenti della cosiddetta “sinistra” non scioglieranno FN e soprattutto i soliti fascisti attizza popolo torneranno presto a piede libero che fanno troppo comodo al sistema. I vari Fiore e compagni strumentalizzano la protesta? Sarebbero loro i veri condottieri di un corteo di diecimila persone? Secondo me Silviatico attribuisci a questi personaggi un potere che non hanno.

"Mi piace"

Perdona, ma, evidentemente, non mi sono spiegato bene: tu hai fatto il paragone tra Genova 2001 e Roma, dicendo di fascisti infiltrati come i black block a Genova. Io ho solo specificato che non mi pare che i black block a Genova salissero sul palco per aizzare la folla, come successo a Roma. Almeno, vedendo anche tutte le foto scattate e comparse pure su wp oltre che su tutti i social.
Tutto qui.
Dunque se i fascisti sono stati infiltrati a Roma, il grosso dei manifestanti li ha ascoltati da sotto il palco senza manifestare dissenso.
Per te questo cos’è?

"Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...