Categorie
Attualità

Schieramenti

Post di Stefano

Ormai è chiarissimo e sono stati dei maestri del “dividi ed impera”, bisogna riconoscerlo, sono stati bravissimi! Sono riusciti a dividere gli italiani in due precisi schieramenti: quello dei sìvax e sì green pass e quello dei novax e no green pass uno di maggioranza ed uno di minoranza nel quale mi riconosco anche io, dopo che tutta la popolazione è stata infarcita di paura verso questa nuova, sconosciuta e terribile malattia denominata COVID-19. La malattia esiste! Ci mancherebbe altro.
Malattia che, nella sua forma veramente pericolosa, si è manifestata soprattutto per due o tre mesi a partire da marzo 2020 dopodiché sono stati individuati e codificati diversi protocolli di cura che avrebbero permesso la guarigione, ma le istituzioni e gli organi di informazione generalisti ne hanno di fatto soffocato la sperimentazione ufficiale ed anche la divulgazione, impedendo in tal modo ai cittadini di esercitare quel diritto di scelta terapeutica che molto probabilmente avrebbe permesso di salvare tante vite.
Oltre alla paura, è stata contemporaneamente indotta una fiducia cieca e fideistica verso la cosiddetta “scienza”, che per definizione non può essere dogmatica, per spingere a ritenere la stessa medicina una scienza medica, anziché ARTE MEDICA quale è. Ma si sa, gli interessi in gioco sono tali per cui chi detiene il “banco” cerca di vincere sempre. In tal modo si è esercitato un condizionamento mediatico potentissimo, visibile però solo agli occhi di chi sia riuscito a tenere sveglia l’opinione personale, l’uso della ragione critica e soprattutto la non disponibilità a rinunciare ai propri diritti ed alle proprie libertà fondamentali.
La bravura, dicevo, dei maestri del “dividi ed impera” si è esplicata anche e soprattutto nella modalità sfruttata (o indotta?) per dividere le singole persone tra loro: “Distanziamento Sociale!”. Usare espressioni come distanziamento personale, o interpersonale, sarebbe stato meno impattante, ma SOCIALE… è veramente pesante! La modalità sfruttata è stata quella di renderci tutti nemici, indipendentemente dallo schieramento cui si appartiene.
Ricordo che quando ero ragazzo ci fu un grosso terremoto nella mia città e l’immagine che mi restò maggiormente impressa fu quella di famiglie, anche vicine di casa, ma completamente sconosciute, che si ritrovarono a condividere il calore di un fuoco acceso sotto il tetto di un capannone metallico in costruzione, per difendersi insieme dalle fredde notti. Nuove amicizie sono nate in quell’occasione, nuove solidarietà. Un altro ricordo risale a pochi anni fa quando, qui nel paese dove abito adesso, ci fu una grossa nevicata. Per tre giorni non feci altro che spalare neve per assicurare il passaggio pedonale davanti alla mia casa e a quella dei miei vicini. Tutti insieme, prima si spalava davanti a casa di uno poi di un altro. Poi ricominciava a nevicare ed anche noi riprendevamo con pale e badili. Anche in quell’occasione ho conosciuto gente praticamente sconosciuta, ho aiutato e sono stato aiutato. Nelle disgrazie succedono questi miracoli: mal comune mezzo gaudio, si dice, si riscoprono umanità e solidarietà.
In tutte tranne in questa.
Qui ognuno è il potenziale appestato, il pericolo pubblico, un bambino è colui che attenta alla vita dei nonni, chi ti stringe la mano con calore è colui che provocherà il tuo contagio. Ogni occasione di divertimento, di svago e di cultura, di stare insieme, deve essere abolito. Tranne, ovviamente, per chi è dotato di museruola, di verde passo… a scadenza, ma comunque alla distanza di sicurezza. Ok, dicevo, io appartengo a quella minoranza che, a torto o a ragione, ritiene che anche questa disgrazia debba essere sfruttata come una ghiotta occasione per ritrovare quei valori fondanti l’umanità: l’amicizia, la solidarietà, la collaborazione e, parola grossa, l’amore. È triste dirlo, ma è in atto una guerra tra i due schieramenti. Da una parte all’altra ci si definisce: “sorci da chiudere in gabbia” o “schiavi del sistema”. Ora parlerò a nome dei “sorci”, appartenendo io a quello schieramento.
È purtroppo una cattiva abitudine cercare di far valere il proprio ego al di sopra dell’ideologia del gruppo e, piuttosto che concentrarsi sulla lotta comune, ci si spende per trovare nei PROPRI compagni le incongruenze, le contraddizioni, le appartenenze e ci si perde in genere in tutte le dietrologie. Così, ogni volta che un qualche personaggio si distingue nella informazione alternativa, subito riceve le critiche, i sospetti ed il discredito da parte di altri volti noti o anche di semplici commentatori. Non dico che non ci siano delle legittime differenze di opinione tra ognuno, ma ora che ci sarebbe da fare fronte unito contro la preponderanza del mainstream non mi sembra proprio il caso di indebolirsi in inutili polemiche. È sempre il solito dividi ed impera. L’inoculazione di un siero ignoto e sperimentale, obbligatorio o ricattatorio, è un abominio? La verde tessera discriminatoria è un abominio? Sììì? E allora concentriamoci su questo!!! Se un personaggio sostiene cose condivisibili, che vibrano con la nostra frequenza, seguiamolo! Se fosse in malafede prima o poi si tradirà, se cambia frequenza lo stesso ed a quel punto non lo seguiremo più, ma intanto facciamo dei passi in avanti insieme: alle singole differenze, alle peculiarità, alle dietrologie ci penseremo dopo, dopo e SE vinceremo questa guerra.
Ma è certo che se continueremo a scontrarci tra di noi la guerra, quella vera, l’abbiamo già persa.

Di opinioniweb - Roberto Nicolini

Sono un insegnante di religione di scuola primaria dal 1996. Nonostante tutto il dato di "fede" non ha mai prevalso sulla ricerca della verità. Del resto è l'unica cosa che al di là dei limiti oggettivi della nostra vita ci rende effettivamente liberi e quindi ci avvicina a Dio, in qualunque modo Esso si manifesti!

5 risposte su “Schieramenti”

Che dire Roberto…
Uno dei principali responsabili -l’ultimo nemico- è rinchiuso dentro di noi, nella nostra anima alla mercé delle informazioni corrette e riviste alla bisogna, adattate al tempo che non vogliamo considerare per la sua durata effettiva, quella che inesorabilmente coincide con la breve vita.

Per un momento (pensando all’ultimo mio scritto) ho pensato al “plagio”.
Mio, intendo…
:))

Spero io possa coinvolgerti nel mio nuovo progetto:
“Quaderno di Guerra”
#QdG #IhrKampf … sono gli hashtag di Twitter.

E se non esagero, ti lascio il link per capire “perché” e “come”: semmai cancellalo:
https://gofund.me/e8000cb1

Lucaa

P.S. ti scrivo anche in privato. Non mollo 🙂

Piace a 1 persona

Ciao Roberto approvo e condivido in parte quello che hai scritto, per me il vaccino deve essere obbligatorio per tutti, se succede qualcosa lo stato e la sanità i medici gli scienziati se ne assumono la responsabilità, esclusi dal vaccino quelli che non possono farlo per ovvie ragioni, mentre il green pass (passo con il verde) una azione correlata al vaccino, testa che sei vaccinato, è colpa nostra, di tutti noi se la politica è riuscita a dividerci non della politica…

"Mi piace"

Ciao Salvatore, se lo stato al momento non se ne assume la responsabilità allora significa che attraverso il vaccino non è ancora sicuro, altrimenti perché non fare una legge sull’obbligo lasciando perdere il greenpass? Condivido quanto dici sulla divisione, noi siamo i veri artefici e dobbiamo assumercene la colpa

"Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...