Informazioni

Post di Stefano

Fin da quando è scoppiata la “psicopandeminchia” mi sono imposto un rito quotidiano, un po’ masochistico, quello di guardarmi uno o due notiziari del mainstream. Di solito comincio con Rainews24 poi, approfittando della pubblicità o delle notizie sportive, passo a Sky o a Mediaset. L’obiettivo è quello di conoscere il proprio nemico per poterlo affrontare meglio. Per me, che seguo l’informazione alternativa da almeno 14 anni, seguire gli araldi del sistema… quelli che impongono una unica visione dei fatti, quelli che silenziano, sovrastano o deridono ogni voce dissenziente, il più delle volte è una tortura. Quando invece mi sento più in forma, riesco a coglierne le sfumature comiche e ci rido anche. Vedete: chi non segue la galassia delle notizie alternative su internet non sa che l’informazione, quella completa e quindi vera, viene fornita da una miriade di personaggi tra giornalisti, opinionisti, donne e uomini di cultura, storici, filosofi, economisti… a volte in accordo tra loro e a volte in disaccordo, anche in modo feroce. Di solito non riesco a sposare interamente l’opinione di qualche personaggio in particolare ed è già un successo quando arrivo a condividere l’80-90% dei contenuti. Capita anche che alcuni tra loro che mi hanno affascinato per un periodo, mi risultino poi da un momento all’altro completamente indifferenti al punto da non seguirli più. Chissà: sono cambiati loro o sono cambiato io? Ma è così! Così deve essere!
Così si acquisisce la cultura e si forma la libera opinione. L’opinione si costruisce sì, con la propria eredità biologica, con l’educazione, con le esperienze di vita, eccetera. Ma si costruisce soprattutto con l’informazione, che deve essere obbligatoriamente la più variegata possibile, la più differente possibile per punti di vista. È importante sviluppare una opinione PERSONALE, poiché questa determina il LIBERO ARBITRIO che è una legge fondamentale dell’universo. Chi non ha i mezzi per sviluppare una vera opinione personale non può esercitare coscienziosamente il proprio libero arbitrio. Chi è costretto a prendere in prestito le opinioni altrui eserciterà poi un arbitrio non libero.
Ora, per esempio, c’è stata (o c’è ancora?) una informazione a senso unico nei media massivi, riguardante la “pandemia” e riguardante la “vaccinazione”. Ho sentito anche da persone a me vicine frasi del tipo: “io credo nella scienza” che è un ossimoro, ma va beh… per principio non ho niente in contrario su questa manifestazione di “fede”, ma gradirei che nei talk show televisivi venissero regolarmente invitati anche ospiti dal pensiero “diverso”.
A me andrebbe benissimo anche se esponessero pareri discutibili o teorie strampalate, pur che vengano fatti parlare per esprimere una ragione DIVERSA! Ci sono 100 ragioni per cui il Covid è il male assoluto ed il vaccino è l’unica arma salvifica e santa, per cui i novax sono cattivi ed untori, bene. Però voglio sentire anche l’opinione di quell’idiota che, avendo torto marcio secondo la narrativa ufficiale, vuole spiegare che le cose non stanno proprio così. Nei media massimalisti questo non è possibile, a meno di assistere ad un teatrino in cui la vittima di turno viene silenziata e derisa.
La nuova notizia monolitica riguardante la guerra in Ucraina è che i russi, con Putin in testa, sono gli aggressori, gli imperialisti, i nuovi tiranni… insomma i cattivi! Al punto che i russi vengono esclusi dalle competizioni sportive, non si possono più tenere lezioni su Dostoevskij e i gatti russi non potranno più partecipare alle manifestazioni feline. Manca solo che venga bandita l’insalata russa e che Carmen Russo venga denunciata per cognome doloso (la battuta è di Roberto Quaglia). Marc Innaro della RAI, che ha provato a dire che la NATO ha completamente accerchiato la Russia, è stato subito silenziato e non gli è stata data la possibilità di mostrare l’inequivocabile cartina geografica.
L’ho detto anche nel mio ultimo post: la guerra è SEMPRE la scelta sbagliata, perché si manda a morire la gente. È un principio assoluto! Ci sono valori sui quali non si transige. Non si può ammazzare, rubare, stuprare…, non si può e basta. Ma magari conoscendo come stanno veramente le cose, si potrebbe capire che le responsabilità non stanno da una parte sola, che i cattivi sono magari due… o tre o quattro

Autore: opinioniweb - Roberto Nicolini

Sono un insegnante di religione di scuola primaria dal 1996. Nonostante tutto il dato di "fede" non ha mai prevalso sulla ricerca della verità. Del resto è l'unica cosa che al di là dei limiti oggettivi della nostra vita ci rende effettivamente liberi e quindi ci avvicina a Dio, in qualunque modo Esso si manifesti!

14 pensieri riguardo “Informazioni”

  1. La “Collazione” nel significato di confronto tra più testi, deve individuarsi la via più deputata per acquisire una percentuale di Verità su determinate questioni,siano esse cronaca politica,di tonaca o mores. Sulla “Covidopatìa” hanno detto tanti,troppi e anch’io come libero pensiero ho espresso la mia opinione – tutta all’opposto del convincimento indotto! Di fatto, io non sono un No Vax – uno degli schifosissimi neologismi occasionali; non sono un Pro Vax e nessun luminare mi ha convinto ad “ammalarmi per curarmi” (né in divenire,potrà accadere la resa di un criterio fondato). Ora che infuria la guerra russoucraina, vi sono all’orizzonte polemologi e compassionisti della Domenica, i quali sono entrambi in antitesi con lo studio dei conflitti, con la piétas, con la Justitia e con la VERITÀ. Il pensiero che dovrebbe fare giorno sui bombardamenti effettuati da Putin e ricevuti dal popolo di Zelensky è uno: la ripugnanza per il ricorrere di un capo di Stato, alla “ragione dei cannoni”, e questa verità sta in cielo e in terra! Ma qualcuno mette sulla mappa ingiuriose ragioni, le quali ragioni QUALI SONO? Quelle di affari illeciti, sono le giustificazioni solite dei guerrieri senza gloria,senza scrupoli, senza nobiltà,siano essi trapassati,siano contemporanei! Anche ciò è asfissiante credulità, volgare luogo comune di pensare – e patire un giogo, COMUNQUE, che è fornito dallo “studio” delle responsabilità reciproche, le quali NON MANCHERANNO MAI come al tempo della celebratissima vicenda delle Torri Gemelle, dove Bush, già socio di Obama Bin Laden, ne divenne nemico,coinvolgendo scenograficamente l’Iraq, i soldati morti in quella guerra e gli immancabili civili innocenti. Ora, i peccati della NATO, dell’EU, di Zelensky,sono quelli SOLITI da attribuire ai Potentati: ma NESSUNO da nessun confessionale può rimettere il peccato dell’ “esimio” tiranno di Mosca! Perché il peccato più grave è uguale per tutti coloro che, da Est a Ovest, da Nord a Sud – così per l’atomica sganciata da Truman, così per i forni crematori del Terzo Reich – oltraggiano l’essere vivente e fino alla morte!

    Piace a 1 persona

    1. Rimane il problema della propaganda! Che bisogno ha l’occidente – che si è sempre definito democratico – di censurare il libero pensiero? Di cancellare a prescindere ogni forma di dibattito? Di esagerare e addirittura manipolare le informazioni in modo spesso così goffo da risultare ridicolo? Io penso che sia un problema profondo e radicato, penso che anche nelle guerre del passato la propaganda sia stata il motore “bellico” per eccellenza e abbia messo le condizioni dell’avvento delle dittature e dei conflitti. Quindi il richiamo a sentire tutte le opinioni secondo me è sacrosanto, soprattutto perché dire la verità è la medicina migliore per mettere a nudo i difetti dell’aggressore e portarlo verso il compromesso. Altrimenti le cose non potranno che peggiorare, soprattutto perché c’è chi VUOLE che peggiorino e lo fa in tutti i modi possibili senza esclusione alcune.

      Piace a 1 persona

  2. La sola cosa concessa agli osservatori è la “classifica” nell’ordine delle responsabilità. Perché le colpe innegabili e concorrenti che sono da addebitare all’Occidente, si amplificano nell’invadere un Paese mettendolo a ferro e fuoco, efferatamente, ferocemente com’è il linguaggio della guerra; perché, nello specifico,il capo russo ha basato il suo potere sulla repressione e il delitto – la consultazione documentale storica che abbraccia il periodo di insediamento al potere di Vladimir Putin, non è il reportage di Novella 2000. Putin non è solo nella storia delle infamità e violenze inaudite, questo va messo nel novero. Solo indigna una sorta di apologìa del personaggio , che secondo la verità, non dovrebbe essere concepita. Ciao,Roberto🖐️🖐️

    "Mi piace"

  3. Ormai a nessuno, nel mondo mediatico, importa il confronto vero, non quello finto da talk show, a nessuno interessa la ricerca paziente non dico della verità, ma di informazioni un briciolo attendibili: quello che conta è accodarsi alla “narrazione”

    Piace a 2 people

    1. “Quando il saggio indica la luna,lo stolto guarda l’indice” – così un proverbio cinese. Ora, le “narrazioni” sono adulterate, i mass media sono al servizio dei potentati (economici, politici, religiosi) ciò è vero! Ma tra gli spettatori non c’è minor colpa: nel non volersi rendere conto che il “dito” è quello di un boia senza limiti alla sua ferocia e alla sua avidità, capace di mentire subdolamente, soffocare chi non è dalla sua parte, un criminale che usa la guerra indiscriminatamente, anche contro un ospedale! La diffidenza verso l’informazione è giusta, sacrosanta e personalmente ne ho ben conto! Ma questo non autorizza ad accecarsi sulla realtà!

      Piace a 2 people

      1. Vedi Mario su quello che dici hai perfettamente ragione, ma guarda l’assurdità: per quale motivo noi “europei” non dovremmo sentire in quale modo i media russi riportano una notizia di tale gravità? Ci sono agenzie, tipo Russia today, che sono state censurate sin da subito ma che in precedenza hanno riportato notizie in ambito europeo in modo corretto e professionale. Perché l’UE impedisce che continuino a fare il loro lavoro? Un’informazione a senso unico non può essere che propaganda e mistificazione, ci poniamo sullo stesso piano di chi vogliamo criticare.

        "Mi piace"

      2. Caro Roberto, le mie osservazioni sono un osso: che significa? Significa che ciò che sta attorno è putrido e putrescente – nella parabola – . Non dico “Io” so, ma “Noi” possiamo sapere: sapere della corruzione degli USA, dell’ UE, dei maneggi della NATO, dell’ONU, dell’ipocrisia che c’è nelle religioni – un uomo di Credo religioso, per esempio KIRILL (non sono sicuro di averlo scritto bene quest’ultimo) non dovrebbe dire di una guerra “È giusta”! Ma il massimo del Male,nella dimensione materiale, è quello fatto dissacrando,oltraggiando, sopprimendo la vita! È opinabile ciò? La discussione può implementarsi ma con apporti che non nascondano il principio fondamentale. Ciao, grazie per l’ospitalità! 🖐️😊🙏

        "Mi piace"

  4. Sul Covid si è detto tanto, troppo. Evitare di invitare in TV chi pensa che i camion di Bergamo erano vuoti o chi pensa che con il vaccino ci viene inoculato un microchip non è censura ma è evitare che la TV si copra di ridicolo più di quanto non lo sia già. Penso anche che Marc Innaro sia stato silenziato non perchè abbia espresso il punto di vista russo ma un punto di vista tecnicamente errato parlando di accerchiamento, errato sia perchè non è vero (la Cina, che è a sud della Russia, non è nazione NATO così come non lo sono tutti gli altri 12 o 13 Stati confinanti), sia perchè esprimeva un giudizio politico-militare opinabile come giustificazione di una guerra (che per definiziona una giustificazione non ce l’ha mai se non per la propria difesa), aspetto che va al di là di quelle che sono le funzioni di un giornalista che è quello di raccontare i fatti.

    Piace a 1 persona

    1. L’informazione si fa ascoltando tutti i pareri,non censurando preventivamente le opinioni giuste o sbagliate che siano. È proprio per questo motivo che nascono le teorie del complotto, quando platealmente si insiste nel portare avanti una tesi a senso unico e senza alternativa. A me sembra chiaro che questa non sia informazione corretta, per non parlare delle false informazioni che magari vengono smentite e ridicolizzate dalla stessa stampa estera. Per me l’informazione in Italia è davvero scarsa e ha le sue colpe nel distorcere la realtà, ma è chiaro che la mia è solo un ‘opiniine

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

DISCUTINDO CONTEMPORANEIDADES

Escrito por PROF RAFAEL PORCARI, compartilhando sobre futebol, política, administração, educação, comportamento, sociedade, fotografia e religião.

Nicoletta Rinaldi

Nicoletta Rinaldi Scrittrice

Biblioteca Bambini

Un bambino che legge sarà un adulto che pensa!

arcopoesia

Poesia trentina e non solo

Costruttore autorizzato di arcobaleni

Due frecce non fanno un arco

Angelart Star

The beautiful picture of angels makes you happy.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: