Ho dato del tu ad un premio Nobel!

Il 13 ottobre di due anni fa moriva Dario Fo. Per ricordarlo ho pensato di ripubblicare questo bel post che mi aveva inviato Stefano.

Ricevo da un amico questo bel post, testimonianza della grande umanità e semplicità di Dario Fo. Io non ho mai avuto il piacere d’incontrarlo, ma sono stato toccato dallo scritto che segue e voglio condividerete con voi lettori questa esperienza emozionante!
HO DATO DEL TU AD UN PREMIO NOBEL

Nella mia vita ho avuto la fortuna di conoscere ben due premi Nobel. Fortuna perché erano due grandi persone, queste due sì! Non è detto affatto che tutti i premi Nobel siano grandi persone… vedi Obama!

La prima era Rigoberta Menchù, la guatemalteca Nobel per la pace di non ricordo quale anno, ho letto un suo libro, ne ha passate di tutti i colori sotto il regime dittatoriale messo li dagli Stati Uniti. Eravamo ad una cena organizzata dal partito comunista di Moie di Maiolati, finalizzata alla raccolta fondi per aiutare i poveri e gli sfollati guatemaltechi. Mi ha abbracciato e baciato, si è piacevolmente meravigliata che io masticassi un po’ di spagnolo e spesso mi ha utilizzato come interprete durante la cena e nel discorso che ha tenuto a fine serata. Era semplice, cortese, dolce, alla mano e sempre pronta a ridere… una bella persona!

Il secondo l’ho incontrato ad Alcatraz, l’agriturismo vicino Gubbio… libera università… del figlio: Jacopo Fo.

La mia compagna ed io eravamo andati per passare una piccola vacanza un po’ diversa. Lì ti organizzano delle giornate piene di cose interessanti: mini corsi di Tai Chi, passeggiate sensoriali nella natura, massaggi vari, Watsu in piscina riscaldata, libera creatività… pittorica, giocoleria e naturalmente Yoga Demenziale, il corso tenuto da Jacopo. Che non era né Yoga né Demenziale, ma comunque molto interessante!

Si mangia tutti insieme in lunghe tavolate ed ognuno si va a prendere le pietanze da solo… tipo buffet.

Mi giro di scatto perché avevo visto una cosa che mi piaceva e vado ad urtare su una pancia di un omone alto e massiccio. Dopo il rituale “mi scusi!” alzo la testa e realizzo che era lui. Era Dario Fo! Un’ondata di gelo mi parte dalla testa ed arriva fino ai piedi. Riesco a balbettare:

-“Per me è una grande emozione conoscerla… l’ho ammirato da sempre!” Lui mi porge la mano e mi dice:

-“Grazie, grazie… che cosa c’è oggi da mangiare?… no, è che devo fare in fretta… Franca è a casa con un piede rotto ed aspetta me, che gli porto qualcosa…”

Restai molto sorpreso della assoluta normalità di quest’uomo… all’apice della fama… forse anche più in su, eppure si rapportava con tutti cortese e allegro, faceva le sue file pazientemente, litigava scherzosamente:

-“…Eh no! Quello l’ho visto prima io!”. Scioccato, finisco la raccolta delle pietanze e vado ad accomodarmi in un posto a caso della lunga tavolata. Indovinate chi mi si siede davanti?

LUI!

Io non sapevo da che parte guardare. Io in fondo sono rimasto un timido. Anche se ho cantato davanti a migliaia di persone… però io faccio il verso ad altri, faccio il Tributo agli altri… Lui E’! Lui è Dario Fo! Parlando con quelli che gli si erano seduti vicini, il discorso va a finire su Berlusconi, del quale ovviamente diceva peste e corni. Io azzardo un: -“Ma Berlusconi è scemo?” e lui: -“No, scemo no! Ma di certo è un grande ignorante…” E da li comincia una sequenza di spiegazioni sul fatto che i giullari nel medioevo erano i portatori delle notizie e della cultura, eccetera. Io intervengo spesso nei discorsi ed anche gli altri commensali, piacevolmente. Lui, ad un certo punto si rivolge a me con fare imperioso: -“Senti, qui dentro è d’obbligo il TU!” Poi continuiamo tutti a chiacchierare ed io, mio malgrado, costretto a dargli del tu. All’improvviso seguendo il discorso mi chiede: -“Senti, tu mi sai spiegare come funziona Facebook?” Io non lo sapevo, adesso qualcosa di più ne so, ma quella volta no! Scuoto la testa deluso… avevo la possibilità di spiegare qualcosa a quella montagna di cultura davanti a me ed ho perso l’occasione. Mi viene in soccorso Jacopo… Dopo un po’ arriva la nipotina, la figlia di Jacopo, lo abbraccia da dietro: -“Ciao nonno!!!” Lui aveva una faccia felice. Poco dopo si scusa con tutti perché doveva fuggire per raggiungere la sua cara Franca.

La mattina successiva era una bellissima domenica di sole, l’abbiamo incontrato sull’aia aveva un grande cappello bianco ed il bastone, ci salutò cordiale e ci disse che lì era l’unico posto dove riusciva a camminare un po’. Nel pomeriggio lo vidi da lontano mentre ammirava una specie di scultura fatta da lui: una grande teca di cristallo triangolare che conteneva dei grosso pezzi di legno con la forma di solidi geometrici, appesi a dei fili invisibili, liberi di ruotare. Poi non l’ho visto più… tranne sopra qualche palco, ma quello è normale!

Mi scuso con la retorica di questo mio racconto, ma il giorno dopo che certi personaggi muoiono ci vuole! Da ieri dentro di me rimbalza solo una frase da dire a questa gente:

-“Grazie per essere esistiti, e per aver reso la mia vita piu’ bella!”

Anno 2, il contatto!

anniversary-2x

Felice anniversario con WordPress.com! Ti sei registrato su WordPress.com 2 anni fa. Grazie per averci scelto. Continua così.

Un altro anno è passato e devo dire che è stata dura. Difficile scrivere qualcosa di sensato, ancora più difficile scrivere qualcosa d’interessante. Il contatto con la dura realtà della scrittura, cimentarsi nella cristallizzazione del pensiero su carta o su un PC, in entrambi i casi mette in evidenza i nostri limiti comunicativi. Quanto sono alte le mura in cui viviamo! Isole, monadi eppure aperti al trascendente! Siamo un mistero a noi stessi eppure non possiamo fare a meno dell’altro, di immergerci nel suo mistero per ripegarci poi di riflesso su di noi in profondità infinite e insondabili. E come concepire la morte senza avere neppure l’opportunità di iniziare a vivere? In questa sete di conoscenza – che in realtà altro non è che un dinamismo incessante nella ricerca mai conclusa della reciprocità – la morte altro non è che un’ulteriore abisso verso l’ignoto! Spogliati dalla materia quale gravità, se non l’amore puro, potrai mai tenere insieme gli atomi della nostra coscienza? Il rischio è perdersi nel nulla, che poi è morire davvero, ma non credo! Non lo credo perché ogni fine decreterebbe forse la fine del Tutto di cui facciamo parte. Non lo credo perché ogni fine coincide con l’inizio, perché ogni fine negherebbe sé stessa in un ossimoro impossibile. Non lo credo perché amo troppo la vita e chi in questa vita mi è stato dato in dono, per concepire anche solo per un’istante che IO NON SONO qui e ora e sempre, in dialogo con quel TU che ci costituisce!

Ma ora torno all’incipit del post! Siamo arrivati al secondo anno di pubblicazione del blog Opinioniweb XYZ. Dico siamo perché ancora una volta devo molto agli amici. Lorenzo, con le sue splendide poesie; Stefano, con i suoi articoli, ben scritti e sostenuti da una logica ineccepibile,  ricchi di spunti e di sane provocazioni; Brunello con il suo bellissimo articolo sulle bellezze del Monte Vettore e del lago di Pilato.  Ma devo ringraziare anche chi, pur non avendo scritto direttamente nessun articolo del blog, è stato spesso una fonte inesauribile di inspirazione soprattutto dei miei articoli di filosofia e religione: Andrea! Grazie a tutti e soprattutto grazie a voi lettori, che con i commenti mi permettete di avvicinarmi di un ulteriore passo alla meta impossibile della reciprocità! Un “contatto”, appunto, per nulla scontato.

Concludo mettendo il link ai due precedenti anniversari del blog, quello della nascita Mezze verità, grandi menzogne    e quello del primo anno  Anno 1 odissea nel blog!

P.s.: mi accorgo solo ora che questi inizi sono sostenuti perfino da un inizio ben più importante e potente: quello del solstizio d’autunno!!!

L’immigrazione!!!

asylum-1156011_960_720
Dunque, un tema spinoso e per niente semplice da affrontare. Ma per fortuna ci ha pensato il mio amico Stefano ad inviarmi qualcosa in merito e volentieri la pubblico. Una riflessione interessante e direi condivisibile. E siccome LUI non sono IO, perché LUI è LUI e IO sono IO, spero che ai vostri eventuali commenti possa eventualmente rispondere LUI, che in questo caso è l’autore del post! Che comunque IO so qui se serve. Buona lettura…

Se solo provo ad eccepire qualcosa riguardo l’immigrazione, con qualche piddino, buonista, sinistro ad ogni costo (dell’attuale sinistra!!!), solidarista, baciapile e crocerossino vario… vengo immediatamente tacciato di razzismo, leghismo, disumanismo ecc… bene! A tutti questi, a cui va la mia comprensione, dico (e non lo dico solo, ma lo penso proprio!) chiunque e ribadisco CHIUNQUE si trovi in difficoltà od in pericolo per la vita o per l’incolumità… VA AIUTATO! Senza se e senza ma: Immediatamente! Messo in sicurezza, curato e il più possibile a proprio agio! Punto!

Che sia donna, uomo, bambino, giovane o vecchio. Che sia nero, bianco, giallo, rosso o… verde a pois viola…! Ari-Punto!!!

Bene… posso parlare adesso?

Posso, per esempio, parlare del luogo da dove provengono? Voi mi direte… l’Africa no? Ma l’Africa non è quel posto che ha più risorse di tutti? Dalle miniere di qualsiasi cosa… il Niger è il principale produttore mondiale di uranio, il Nord Africa possiede enormi giacimenti di petrolio, il Sud Africa ha i diamanti, non mi ricordo quale stato ha le miniere di quei minerali rari che servono all’elettronica moderna: litio, germanio, selenio… (nel vostro telefonino ci sono molti materiali che provengono da lì).

Come se non bastassero le miniere, il suolo produce qualsiasi prodotto agricolo ed in quantità di gran lunga superiore al fabbisogno locale, specie nell’Africa del centro-sud , i legnami più pregiati del mondo ecc…

Se ci si volesse affrancare dal petrolio, il fiume Congo, per portata d’acqua e velocità della stessa, è stato calcolato, se si sfruttasse in idroelettrico potrebbe soddisfare il fabbisogno di mezza Africa. Il Sahara, dove il sole batte SEMPRE per dodici ore al giorno, con il solare termodinamico brevettato da Rubbia potrebbe produrre elettricità H24 per l’altra mezza Africa!

Per non parlare delle potenzialità turistiche… Insomma è il paese con più risorse naturali concentrate al mondo, e lo dico senza tema di smentita, e allora? Perché è il continente più povero? Dove la gente è costretta ad emigrare? Beh, un piccolo esempio lo può dare il Niger (non la Nigeria eh!), dicevo, il principale produttore mondiale di uranio, è il paese considerato tra i più poveri del mondo, dove la gente non può neanche emigrare perché non può permettersi di pagare il “biglietto” fino alla Libia. Ora è indipendente dalla Francia, ma, chissà com’è, la Francia ha la più alta concentrazione di centrali nucleari del mondo… e… chissà com’è, tutte e dico TUTTE le imprese che sfruttano le enormi risorse africane o sono europee, la maggioranza (compresa l’AGIP!), o sono americane o cinesi… ma non era finito il colonialismo?

Poi, chi sono quelli che emigrano? Quelli che possono pagare i trafficanti di esseri umani, moderni schiavisti, mafiosi e macellai. Non possono certo pagare gli abitanti del Niger ed infatti qui non ne vengono!

Un pentito di mafia una volta disse che il traffico dei migranti rende più della droga!

Poi che fanno gli schiavisti? Imbarcano i sopravvissuti, al viaggio, sulle coste libiche. Dove una volta ad impedirlo c’era Gheddafi , che oltre a far stare benissimo i libici si adoperava per liberare il resto dell’Africa dai neocolonialisti, ma adesso l’ostacolo è stato rimosso da Francia, Italia ecc… per cui i moderni schiavi possono partire. Dopo poche miglia vengono trasferiti a bordo delle navi delle ONG… battenti bandiere improbabili… su cui i lavoratori a bordo, i volontari di cui SONO CERTO DELLA BUONA FEDE, accolgono i migranti e cercano, come possono, di farli sopravvivere. Ma chi le paga queste ONG? Perché proliferano così? Chi c’è dietro… chi comanda???

A questo punto le navi ONG segnalano la presenza di migranti, fuori ogni limite, a bordo, e l’emergenza sanitaria. Qui dovrebbe intervenire il codice internazionale sulla navigazione che imporrebbe il soccorso immediato da parte delle navi vicine e soprattutto l’apertura del porto più vicino che di solito è Malta. Ma Malta si rifiuta con la scusa che è troppo piccola per accogliere tutti… ok… dico io: “dopo li rimanderai via!” Ma intanto il soccorso e l’apertura del porto è obbligatoria… CHIARO???

Al 99% le ONG fanno rotta verso l’Italia (Lampedusa o Sicilia)e, se Malta non è in grado di accogliere… Lampedusa allora? Qui, di nuovo, i sopravvissuti (è una selezione naturale Darwiniana) vengono spediti nei Centri per l’Immigrazione: dei moderni campi di concentramento! Da dove, in teoria, dovrebbero essere identificati e poi, se non sono degli esuli da guerre o persecuzioni, rimpatriati. I regolarizzati, poi, dovrebbero essere ridistribuiti nei vari paesi europei, ma gli altri si rifiutano, contravvenendo alle convenzioni. In testa la Francia… che ci ha anche chiesto l’aiuto per ammazzare Gheddafi!

A questo punto i migranti, di solito, riescono a scappare (aiutati chissà da chi?) e cominciano la loro nuova vita, cercando di raggiungere o il Nord Europa o cercando di sistemarsi al meglio dove possono. A questo punto che cosa fa una persona qualunque completamente disperata? Uso questo termine perché è l’unico che si può adoperare per definire un individuo che scappa dalla propria terra, famiglia, cultura e radici. Che impegna ogni risparmio suo e dei parenti. Sopporta un viaggio in cui la sopravvivenza è del 50% e che alla fine va a vivere da clandestino in un Paese che non lo vuole. Che cosa fa dunque un Disperato? Si adatta a qualsiasi condizione pur di vivere, a qualsiasi lavoro, a qualsiasi salario, a qualsiasi compromesso!!!

Prendersela, quindi, con gli immigrati è la solita guerra tra poveri gestita benissimo e, anzi, promossa da chi ci guadagna dall’alto. Guerra in cui la Lega e gli altri partiti nazionalisti ne sono solo semplici e “inconsapevoli” pedine.

“Dividi ed impera.”

Per cominciare a capire a chi giova tutto questo basta, come al solito, seguire il danaro!

A chi giova avere dei lavoratori a pochi euro all’ora? Per costringere anche gli italiani a lavorare per la stessa cifra? Per essere più competitivi nel mercato Globale? Chi promuove il Neoliberismo sfrenato, l’ultra capitalismo finanziario? Chi ha creato questo paganesimo economico in cui l’unico Dio è il Mercato… Globale che comanda sui governi e sugli stati? A chi giova avere una platea di lavoratori sotto-pagati, ricattabili con lo spettro della disoccupazione… a chi giova???

Rispondete da soli! Ognuno in base alle proprie conoscenze.

Come si risolve il problema? C’è chi dice: “aiutiamoli a casa loro!”… NO!!! Per me no! E ve lo spiego.

Sempre e dico SEMPRE, quando si va ad aiutare qualcuno. Quando qualche Stato va ad aiutarne un altro, non lo fa mai gratis, ne ha sempre un tornaconto: se l’America ci ha beneficiato di un piano Marshall non è certo per “altruismo”, ma semplicemente gli serviva una comoda portaerei in mezzo al Mediterraneo! E così via, di esempi se ne possono trovare a migliaia. Non esiste Ditta o Corporation o Multinazionale che non guardi, PRIMA DI TUTTO, i suoi interessi! Per cui NO! Se vogliamo veramente aiutare l’Africa dobbiamo levarci dalle scatole e lasciarli crescere in pace… e loro stessi dovrebbero fare delle leggi per cui, gli eventuali turisti, possono soggiornare al massimo un mese e poi a casa! Delle leggi per cui gli stranieri non possono comperare niente di immobiliare, eccetera. Il vero razzismo lo dovrebbero conseguire loro, e secondo me sarebbero pure giustificati! Certo, è dura per un governo di una qualsiasi nazione africana prendere provvedimenti del genere, la fine di Gheddafi è un bel monito!

Però nell’improbabile caso, noi “ricchi” ci troveremmo ad esserlo un po’ meno, ma d’altronde… quando si vuole aiutare qualcuno, bisognerà pure fare qualche sacrificio… o no?

+? -? =? 3%!!!

yes-3554255_960_720

In questi giorni i media stanno in ogni modo preparando un bel campo minato su cui far muovere l’imminente manovra economica che il governo entro settembre dovrà presentare. Fra le tematiche più in voga c’è il famoso criterio del 3% di deficit e secondo le prime indiscrezioni (che ormai sembrerebbero definitivamente smentite) l’Italia si appresterebbe a sforare. Si ma Tria ha detto, Salvini ha fatto, Di Maio ha dichiarato…Boh!?!? Se i mercati si sono calmati grazie alle parole di quest’ultimi, con dichiarazioni che si sono accavallate una sull’altra senza arrivare ad alcuna certezza (faremo quello che è necessario per i cittadini e quindi sforeremo i parametri europei ma anzi pure manterremo i conti in ordine rispettando i vincoli e quindi però faremo una manovra espansiva e quindi anche non ci sarà alcuna rivoluzione perché procederemo per gradi…).

Chiaro no perché i mercati si sono rassicurati!?!?

Proviamo ad ipotizzare che effettivamente il governo del cambiamento scelga appunto… il CAMBIAMENTO. Quindi non solo non ci accontenteremmo più della flessibilità dello 0,… tanto generosamente offerta ai governi precedenti dall’UE, ma addirittura l’Italia tornerebbe a spendere alla grande e allora il debito pubblico e lo spread, almeno secondo i liBBeristi, esploderebbero!!! O forse no? Diciamo che ha ragione Tria a dire che FINCHÉ SIAMO NELL’EURO bisogna tenere i conti in ordine perché ogni euro di spesa pubblica farebbe ripartire le importazioni e quindi aumenterebbe il debito estero che oggi è invece più che contenuto (intorno al 30%). Pare che essendo l’euro una moneta debole per la Germania, quando andiamo a fare la spesa perfino nella filiera del made in Italy s’infila sempre e comunque una fetta di prodotto che viene importato da lì. E se è così la crescita avrebbe delle conseguenza assai deleterie per la nostra economia, rendendoci ancora più dipendenti dai diktat dei paesi esteri con i quali saremmo costretti a indebitarci per “pagare” il surplus d’importazioni!

Ma ha ragione anche Salvini affermando che per un vero cambiamento bisogna sforare i parametri europei, perché solo lo Stato ha la forza di immettere moneta per rilanciare i consumi innescando un processo veramente virtuoso e duraturo di crescita. Pensate invece che i liBBeristi sta moneta vorrebbero che ce la mettessero gli INVESTIMENTI ESTERI, che in pratica equivalgono ad essere investiti da un treno: come se un nostro vicino virtuoso (tipo Francia o Germania) o un investitore benefattore (tipo Soros) ci prestassero soldi AGGRATISSE!!!!!! Questi per loro sarebbero gli INVESTIMENTI, quelli dello Stato invece sempre e comunque DEBITI! Comunque bisogna capirli per loro lo Stato è per definizione BRUTTO e CATTIVO, lo dice LASCIENZA, come dice un mucchio di altre cose che non si possono mettere in discussione né con la parola né con il pensiero pena LASCIENZA a reti unificate contro l’oscurantismo fasciopopulista!

Ma tornando al 3% + – =, sarà interessante vedere come potranno dare soldi agli italiani riuscendo al contempo a fare in modo che gli italiani, attraverso i maggiori consumi generati da una maggiore disponibilità di reddito, non li spendano tutti in beni esteri! Un’interessante e complicatissima partita di scacchi, con avversari che hanno risorse e tempo da spendere. Non so come ma credo che se c’è una via d’uscita è qui che si dovrà cercare una soluzione che dia un senso all’amletico enigma del +- = 3% , facendo così contenti al contempo quelli che gridano “servi dell’UE e dell’euro”, oppure “pericolosi populisti, fuori dall’UE c’è la guerra e fuori dall’Euro la fame”, ma anche “altro che cambiamento, siete proni ai parametri europei”, che però ” porterete il debito pubblico fuori controllo e sfascerete l’Italia da noi tanto faticosamente salvata”, ecc.,ecc.,ecc. Sentite che armonia, che controcanto sublime? Che la musica è cambiata, perlomeno quello… ma altro non so dire, cadrei nel Lascientifico…

Solite considerazioni (noiose, scontate, non leggetele!) finali…

Ma come mai, nonostante l’Italia negli ultimi 7 anni abbia costantemente ridotto il deficit (cioè ha speso sempre meno per i cittadini arrivando ad un passo dal pareggio di bilancio), il rapporto deficit/pil è esploso arrivando a superare il 130%? Esso era al 108% del pil nel 2007, prima dell’esplosione della bolla finanziaria a seguito del fallimento della Lehman Brothers che innescò una recessione – causata dal debito PRIVATO – su scala mondiale! Debiti accumulati dalla banca grazie a crediti inesigibili, dati a man bassa senza garanzie solide di copertura. La deregolamentazione del mercato aveva inZomma funzionato più che bene, le istituzioni finanziarie si sono sentite libere di speculare accumulando montagne di crediti/debiti e all’arrivo della crisi il cerino rimane sempre in mano dei lavoratori e risparmiatori su scala globale. Perché anche quando gli Stati ci mettono una toppa, come è poi accaduto nell’Unione Europea, essi lo fanno attraverso le austerità, drenando denaro dai propri cittadini e al contempo mettendo sul banco degli accusati il DEBITO PUBBLICO e lo STATO LADRO e inefficiente! Bravi! Rappresentanti politici eletti dai cittadini (ma anche no, l’Italia è un esempio in tal senso) pronti a fare i fedeli garzoni al servizio del Capitale: GLI STIPENDI E LE PENSIONI SONO A RISCHIO, qualcuno si ricorda forse il terrorismo psicologico con cui hanno iniziato a ribaltare il modello economico e sociale del nostro paese? E poi giù a massacrare il PIL, distruggere la domanda interna, far chiudere negozi, saltare imprese, perdere il lavoro e ogni certezza come fossimo in tempo di guerra! Perché ogni danno, ogni crisi è buona per portare a casa ulteriori vantaggi per gli speculatori che detengono sempre più ingenti capitali, accumulati prevalentemente e molto più facilmente attraverso le crisi piuttosto che creando valore, investimenti, benessere diffuso! Questo è il vero problema delle riforme: anche chi crede allo Stato ladro, al Debito pubblico, alla corruZZZione pubblica, alla mancanza di efficienza del pubblico, alle virtù del privato, ecc., ecc., ecc. forse si sarà accorto che qualche problemino c’è anche laddove il pubblico soccombe delegando la gestione al privato con risultati alquanto discutibili.

Il pil corrisponde al reddito, alla ricchezza prodotta da uno stato e i numeri ci dicono che esso è letteralmente crollato nel 2012, anno dell’arrivo del governo Monti con le sue assurde politiche di austerità e di tagli alla spesa pubblica, perdendo oltre 63 miliardi di euro in 9 trimestri di recessione consecutivi – LEGGI QUI – . Politiche che nonostante l’evidenza dei danni sono state fedelmente perseguite dai successivi governi “clone”, esecutori fedeli del modello economico liberista. E anche la “flessibilità” che negli anni ci è stata concessa dall’UE altro non è stata che una “verga” con cui hanno sferzato senza pietà la nostra spesa pubblica, cancellando tutele e diritti prima garantiti dallo Stato. Perché questa flessibilità, muovendosi nel contesto dei principi del pareggio di bilancio e del fiscal compact (principi votati già nel 2012 quasi all’unanimità dal nostro parlamento, allora totalmente asservito agli interessi esteri), non ha fatto altro che limitare i danni per renderli socialmente sopportabili nel medio periodo, ma il risultato nella sostanza non cambia di una virgola: la distruzione della domanda interna (i cosiddetti consumi) attraverso demenziali politiche d’austerità messe in atto in un periodo di forte recessione globale, ha cancellato la crescita e impoverito il paese facendo esplodere la disoccupazione e il degrado – ambientale, sociale, culturale,… – ogni aspetto è stato volutamente e pesantemente modificato in modo peggiorativo con l’unico fine di creare una nuova società votata allo Stato minimo e al massimo profitto di pochi gruppi industriali e finanziari. Il metodo del SALASSO, tanto in voga nel medioevo e applicato con perizia dai cerusici come toccasana universale è stato applicato con dovizia dai Ministri dell’economia, portando se non alla morte perlomeno al collasso economico il nostro paese.

Ricordiamo che senza possibilità di spesa in pratica non esiste democrazia e l’azzeramento del deficit impedisce nei fatti i già magri investimenti pubblici necessari a mantenere in piedi lo Stato. E lo Stato si mantiene in piedi se la sua”ossatura legislativa”, cioè la Costituzione, non vviene by passata e disapplicata i nome di principi ad essa superiori non meglio definiti. Non è possibile alcuna ripresa che non sia al contempo anche un miglioramento delle condizioni di vita dei cittadini. La ripresa fatta nel contesto delle regole ultraliberiste dell’UE, con il manganello continuo dello spread e le minacce della BCE, è infatti ottenuta esclusivamente dalla precarizzazione del lavoro e quindi dallo sfruttamento dei lavoratori, con i salari in caduta libera e le tutele cancellate. In questo contesto, che mira alla creazione di un esercito industriale di riserva (come diceva Marx) formato da milioni disoccupati e disperati (vedi le masse d’immigrati che vanno ad ampliare il già enorme bacino di sfruttamento creato in questi anni dalle “riforme di-strutturali), non può esserci altro cambiamento che quello che parte dal ripristino delle possibilità, da parte dello Stato, di fare investimenti pubblici e rilanciare così i consumi interni. Questo sarebbe il principale motore di una vera ripresa economica. E siccome le regole europee non permettono questo, ne mai lo permetteranno proprio perché esse nascono per garantire al Capitale il massimo profitto e quindi la massima libertà di sfruttamento della forza lavoro, è chiaro che solo infrangendo queste regole potrà realizzarsi il cambiamento che molti cittadini attendono da tempo. Un cambiamento che chiaramente non riguarda solo l’Italia, coinvolgendo trasversalmente un modello globalista che domina ormai il mondo da decenni. Se questo modello è stato messo politicamente in discussione con l’elezione del presidente Trump negli Stati Uniti o con la Brexit nell’UE significa che ormai gli interessi contrapposti di chi comanda il mondo stanno per venire al pettine e vedremo presto le conseguenze… Quindi + – = 3% è poi così importante? Nel breve periodo forse, ma nel medio e lungo periodo poco importa la vittoria di una singola partita di scacchi con il sistema. L’Italia dovrà essere un buon giocatore e fare la sua parte per un cambiamento ma non dipende solo da noi.

Ci saranno benefici per i cittadini? Un miglioramento delle condizioni sociali? Una più ampia sovranità popolare, in grado attraverso il voto democratico di spostare le decisioni degli esecutivi verso una maggiore equità, che miri almeno in parte a redistribuire le risorse economiche ad una più ampia fascia di popolazione (magari non solo europea, ma anche africana in nome di una solidarietà sbandierata a parole e negata nei fatti dai propagandisti mediaticopolicitizzati dell’accoglienza senza se e senza ma!))? Ancora non possiamo dirlo, perché a conti fatti anche questo governo di politiche espansive volte a ripristinare delle vere tutele e rilanciare i consumi, non le ha fatte. Vedremo presto quale finanziaria proporranno e allora qualcosa sapremo… Sapremo innanzitutto se verrà messa veramente in discussione questa UE e il suo modello economico liberista, oppure se sarà invece un’ennesima stampella del sistema, con dei semplici accorgimenti volti a dare il contentino alle masse.. Personalmente non credo che ciò sarà possibile e resto fiducioso in un reale cambiamento. Per ora ricordiamoci semplicemente che le riforme (hanno avuto un’unica chiave di lettura: garantire sempre e comunque il Capitale, il suo dominio assoluto che passa dall’assoggettare gli Stati a regole che servono a smontare, pezzo per pezzo, tutto ciò che prima era una garanzia per il normale cittadino. Quindi se il cambiamento ci sarà, non credo sarà difficile accorgersene!

Le estati del mio passato

dal barbiere

Le estati del mio passato!. Cliccando sul link accanto potete risalire all’origine del TAG. Avevo promesso all’amico blogger Redbavon di partecipare a questa catena e anche se con un notevole ritardo eccomi qui a rispondere alle domande sulle estati del mio passato.

Luogo e foto di un’estate passata

Parto da questa foto e da questo luogo come simbolo delle mie estati da bambino. Qui non avrò avuto più di 6 anni, forse anche meno. Quindi indicativamente parliamo del 1978. Sono seduto sulla poltrona del mio barbiere di fiducia, Franco, che prima di farmi il solito taglio a “caschetto” non troppo corto aveva pensato bene di scattare questa foto. Il quartiere dove si trovava il suo locale era per me un luogo di gioco e divertimento quasi quotidiano. In realtà era un po’ lontano dalla mia abitazione (non troppo dato che in 10 minuti ci arrivavo a piedi), ma i miei genitori avevano un negozio di generi alimentari proprio lì accanto e come succede spesso ai bambini delle famiglie con attività commerciali, anch’io passavo molto tempo in questi luoghi (quasi vivevo con loro nel negozio). I miei compagni di gioco erano i figli delle persone che gestivano attività varie nei locali diffusi nel quartiere, inoltre la presenza di un grande parco e un campo da calcio vicino ampliavano le possibilità di conoscenza e di gioco. Certo oltre a questo c’era anche il mare, soprattutto perchè Ancona, la mia città, è una città sul mare, ma di questo parlerò dopo.

Gioco in cortile

Vivevo in una vecchia palazzina che aveva il vantaggio di avere dei giardini sul davanti e del terreno incolto che faceva da divisorio con un altro palazzo nella parte dietro il mio appartamento. Con mia sorella, un mio cugino, un’amica che abitava nel mio stesso palazzo, un’amica romana che insieme ai genitori veniva a trovare la zia durante l’estate per riprendersi dal caos di Roma e godersi un po’ il mare e altri ragazzini più o meno della mia età che frequentavano la zona dove vivevo organizzavamo vari giochi. Dal nascondino ( come detto sopra c’erano spazi dove nascondersi), “Un, due, tre, stella!”, il salto della corda e tanti altri giochi all’aperto tipici della nostra età.

Gioco in spiaggia

Andavo quasi sempre a Palombina dove c’è la spiaggia di sabbia e passavo ore a scavare buche e costruire castelli di sabbia. Al baretto sulla spiaggia c’era il classico calcio balilla e un tavolinetto per il pin pong (anche se io preferivo i tamburelli).

Fumetto

Come molti ragazzini di quel periodo ero un famelico divoratore di fumetti, non solo in estate. Oltre al classico Topolino e Tex, non disdegnavo neanche la lettura di Geppo, Tiramolla, Trottolino, Soldino, Felix e tanti altri…

Cibo

Gelati

In spiaggia la pizza ben condita dagli insidiosi granelli di sabbia. Ma adoravo anche le patatine fritte. Riguardo ai gelati ricordo con nostalgia il Piedone e Lo Squalo, un ghiacciolo dal gusto orribile che ti lasciava la lingua blu!

Libro

img_20180727_144713-2133528420-e1532696204703.jpg

img_20180727_1448201787277777.jpg

Pur essendo un grande e instancabile lettore di fumetti da bambino non sono stato un divoratore di libri per ragazzi. Ricordo però di aver letto molti libri di Salgari, il “Giro nel mondo in 80 giorni” di Verne e intorno agli 11 anni il libro “La storia infinita” di Michael Ende, letti proprio in estate, dato che compio gli anni all’inizio di agosto e li ricevevo come regali (non sempre graditi).

Film

Tron1982

Scena del film Tron – fonte Wikipedia

Pochi sono i film che ho avuto modo di vedere al cinema in quel periodo. Ricordo di aver visto “Banana Joe”, e sempre negli stessi anni, intorno al 1982, film di fantascienza come “Tron” prodotto dalla Disney. Il primo l’ho visto in seconda visione “all’aperto” in occasione di una proiezione estiva. Il secondo l’avevo visto sia al cinema in prima visione che in estate, nel cinema all’aperto che proiettavano nell’arena della parrocchia che frequentavo (forse però era la metà degli anni ’80).

Televisione

260px-Supergulp1_gip.jpg

Il programma che ricordo con più nostalgia, nonostante non fosse tipicamente una trasmissione estiva, è “SuperGulp, fumetti in TV”! Era un preserale della durata di circa 15 minuti che andò in onda anche nei mesi estivi, almeno in alcuni anni tra il 1977 e il 1981. Indimenticabili le apparizioni di fumetti culto come Alan Ford, gli eroi della Marvel e tanti altri (QUI una chicca per i nostalgici)!

Canzone

Sicuramente fra i primi tormentoni estivi che sono rimasti impressi nella memoria della mia infanzia scelgo “Vamos a la playa dei Righeira” (clicca sul titolo per ascoltarla).

Videogame

Più che di videogiochi voglio ricordare questo antenato degli home computer, Sega 3000, uscito nell’estate 1983 e ancora in mio possesso. Aveva fra le altre cose delle cartucce gioco, che derivavano da una console uscita sempre in quel periodo (credo si chiamasse Sg-1000) con videogame tipo Congo Bongo, Space invaders e Monaco GP che ancora oggi sono godibili! Aveva un sistema operativo in linguaggio BASIC.

Life

Non ho mai fatto una gran vita serale, a parte qualche pic nic improvvisato in giardino e qualche uscita fra ragazzini del mio quartiere, allora periferico ma tranquillo, per prendere un gelato.

E ora è giunto il momento di chiudere il post. Lascio ai lettori del blog la facoltà di partecipare al Tag. Magari chi è vissuto nel “tempo che fu” avrà voglia di crogiolarsi nei ricordi del passato, a volte può essere anche piacevole, a patto che non si esageri dimenticandosi il presente!

Dal Monte Vettore al Lago di Pilato, il lago maledetto!

Lago specchio

Lo specchio!

Il Lago di Pilato è diventato famoso grazie ad una serie di servizi apparsi nei telegiornali nazionali dedicati ad un suo famoso “abitante”, il “chirocefalo del Marchesoni” ( LEGGI QUI), un piccolo crostaceo che vive esclusivamente in questa valle glaciale a 1940m slm.

Secondo la leggenda il corpo di Pilato, messo su un carro trainato dai buoi dopo essere stato condannato a morte dall’imperatore Tiberio, arrivato sul più alto dei Monti Sibillini precipitò nel lago che lo inghiottì nelle sue acque ribollenti!

Ma fu a partire dal 1200 che il Lago iniziò a legare la sua fama alla magia e all’occulto, dato che i documenti antichi testimoniano la presenza di un continuo via vai di maghi e negromanti che portarono la popolazione a credere che “…quivi soggiornano i diavoli e danno risposta a chi li interroga…alcuni uomini di lontano paese et vennero a questi luoghi per consacrare libri scellerati e malvagi al diavolo, per poter ottenere alcuni suoi biasimevoli desideri, cioè di ricchezze, di onori, di amenosi piaceri e simili cose” (L. Degli Alberti, Descrittione di tutta Italia, 1557). Proprio per impedire l’accesso a questa valle le autorità di Norcia vi fecero costruire delle mura insieme a delle forche come monito per i trasgressori. Ecco perché ancora oggi i due passi da cui si accede alla piana di Castelluccio e poi al sentiero che dal Vettore arriva al Lago di Pilato si chiamano Forca de Presta e Forca Canapine!

Le foto che seguono sono state scattate dal mio amico Emanuele Brunelli in due diverse escursioni, una del 27 Maggio 2018 e l’altra del 24 Giugno 2018. Un mese esatto in cui è possibile osservare lo scioglimento della neve e l’evoluzione delle acque del lago.

Foto del 27 Maggio

Lago neve1.jpg

La valle del Lago di Pilato

Lago neve 2

Escursionisti

Lago neve

Il Lago ghiacciato

Foto del 24 Giugno

Dal Vettore

Dal Vettore sopra la valle del Lago di Pilato

Gli occhiali

Gli occhiali!

Occhiali valle

I ghiaioni!

Ritorno

Ritorno!

Piana castelluccio

Sulla Piana di Castelluccio

Castelluccio lontana

Castelluccio sovrasta la Piana

Vietato accesso

Vietato l’accesso!

Castelluccio bello

Comunque stupenda!

Ringrazio ancora Emanuele per avermi fatto pubblicare le sue bellissime foto. La mia ultima salita al Vettore risale ai primi di Luglio del 2015, un anno prima del terribile terremoto che ha devastato questi splendidi luoghi. Ora le strade e i sentieri del parco dei Monti Sibillini sono nella stargrande maggioranza dei casi di nuovo accessibili. Speriamo che presto anche i paesi e le persone che ad essi sono legate tornino a vivere, a ricostruire il futuro!

Bibliografia.

Per approfondimenti storici e naturalistici consiglio il libro “Parco Nazionale del Monti Sibillini, le più belle escursioni” di Alberico Alesi e Maurizio Calibani, SER 2004

 

Countdown: G7, G6, G5, G4….

DfRUHFHWAAAGBz7

C’è già chi dice che il prossimo sarà un G6, visto il grande successo del G7 canadese ( Leggi qui)! La presa di distanza di Trump dai “paesi amici” del G7 rischia forse di far tornare indietro di 70 anni le relazioni con quest’ultimi? Ormai c’è una guerra commerciale conclamata e bisognerebbe chiedersi che credibilità potrebbero mai avere le decisioni prese da un eventuale G6 senza la presenza degli Stati Uniti.

70 anni è un numero “limite” sembrerebbe, visti i tanti nodi che stanno venendo al pettine. Anche gli EUROpeisti duri e puri sono soliti ripetere a pappagallo la narrazione che l’Europa unita ci ha portato 70 anni di pace! Nessuno nega che ci sia stata una certa stabilità politica, ma sicuramente un’affermazione del genere andrebbe motivata e non certo data in pasto all’opinione pubblica come verità rivelata ed autoevidente.

Per quello che riguarda l’Italia il riferimento alla “pace” più autorevole lo possiamo trovare nella nostra Costituzione e precisamente nell’articolo 11:

<L’Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo.>

C’è chi vede in questo articolo un riferimento all’adesione italiana hai vari trattati europei, quelli appunto che “…in condizioni di parità con gli altri stati…” avrebbero assicurato la pace e la giustizia fra le nazioni! Ho evidenziato la parte che riguarda le condizioni di parità fra gli stati proprio perché l’Unione europea sembra alquanto asimmetrica dal punto di vista della convenienza economica e della gestione politica. Siamo abituati ad un paese che accumula surplus stratosferici – la Germania – ma non fa investimenti pubblici aumentando stipendi e pensioni a casa propria; pensando quindi esclusivamente alla propria competitività a discapito degli altri partner europei e dei suoi stessi cittadini LEGGI QUI. Gli squilibri economici che l’euro e questa politica “imperialista” hanno causato in Europa, stanno ora evidentemente generando attriti sociali ed esiti politici imprevedibili (o forse prevedibilissimi) che minano fortemente quest’apparente stabilità e mettono in pericolo la stessa pace.

Da questo ragionamento ne deriva un altro che provo a spiegare in poche parole: “Forse nell’Europa del dopoguerra, per metterla al sicuro “da sé stessa”, i padri fondatori delle varie costituzioni antifasciste  hanno preferito il vassallaggio americano aderendo alla NATO (…consente, in condizione di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni). ” Il deterrente bellico, sostenuto dal paese economicamente e militarmente più credibile, cioè gli Stati Uniti, è stato il vero garante della pace europea. Una guerra fredda permanente con il blocco sovietico, ha di fatto congelato rappresaglie militari fino alla caduta del muro di Berlino. Poi il progetto dell’UE ha avuto un evidente accelerazione con Maastricht e l’adesione all’euro dei principali paesi europei.

Se questo progetto (l’UE e l’euro) è nato lo dobbiamo certamente all’appoggio USA, che però oggi sembra venire a mancare. L’America crea e l’America distrugge quando il gioco diventa economicamente insostenibile. Trump infatti, con il suo motto “America first”, lo sta ostacolando in ogni modo appoggiando addirittura la formazione di esecutivi moderatamente anti-UE come quello italiano. Saranno forse solo una forma di cortesia le parole che il presidente americano rivolge al nostro premier Conte dopo l’incontro avuto al G7? Ecco  il tweet:

Donald J. Trump

@realDonaldTrump

Just met the new Prime Minister of Italy, @GiuseppeConteIT, a really great guy. He will be honored in Washington, at the @WhiteHouse, shortly. He will do a great job – the people of Italy got it right!

A parziale sostegno di questa ipotesi (di un appoggio USA al nuovo governo italiano) consiglio di leggere Questo articolo. Pare che  il giochetto dello spread stavolta non funzionerà come arma di ricatto tipo 2011 perché i fondi USA sono intervenuti nell’acquisto dei nostri BTP calmierando i tassi d’interesse. Gli enormi surplus tedeschi  danno sempre più fastidio ad una parte della finanza USA (vedi dazi) e la formazione di un governo in grado di porre argini in Europa a tale strapotere fa comodo. Il vento e gli equilibri di potere stanno cambiando ancora nel mondo, attendiamoci grandi cambiamenti sperando che l’Italia possa essere protagonista positiva.

6 giugno !949 – (!984) – 6 giugno 20!8

Strana assonanza quella odierna e la celebro nel titolo del post sostituendo il numero 1 con tanti punti esclamativi!!!! Possiamo infatti celebrare il 69° anno dall’uscita del capolavoro di George Orwell, “1984” e al contempo il Governo Conte che incassa la fiducia alla Camera divenendo nei fatti “esecutivo”, cioè in grado di iniziare ad attuare il programma.

Ora non voglio spendere troppo parole su quello che farà il Governo Lega-M5S, vedremo presto quanto e come manterranno le loro promesse e soprattutto quanto esse incideranno positivamente o meno sulla vita dei cittadini italiani.

Mi soffermerò però sul libro di George Orwell mettendo in evidenza come la sua descrizione di un ipotetico mondo del futuro dominato dalla neolingua, – una vera e propria degenerazione del linguaggio – insieme al totale controllo dei mezzi d’informazione avrebbe portato all’annullamento di ogni identità individuale e quindi di ogni libertà!

Ecco alcuni dei passi finali del libro:
<< Chiunque fosse cresciuto conoscendo soltanto la neolingua non avrebbe saputo più che una volta uguale significava anche “uguale da un punto di vista politico”; o che prima libero significava “intellettualmente libero”;… Soppiantata una volta per tutte l’archelingua anche l’ultimo legame col passato sarebbe stato reciso… Si prenda, a mo’ d’esempio, quel celebre passo dalla Dichiarazione d’Indipendenza:
Noi riteniamo che queste verità siano di per sé stesse evidenti, che tutti gli uomini siano stati creati uguali e che il Creatore li abbia forniti di determinati diritti inalienabili…
L’unica traduzione possibile sarebbe di natura ideologica: le parole di Jefferson, pertanto, verrebbero trasformate in un panegirico del governo assoluto>>.

Un monito inquietante, non solo sul futuro, ma anche e soprattutto sul presente. Mi riferisco certamente all’incessante e progressivo attacco all’individuo attraverso la massificazione del linguaggio operata dai media e ormai anche dalla radicale trasformazione della scuola. Con l’ultima riforma, quella della Buona scuola, è nata la valutazione delle cosiddette “competenze”. La prima riflessione in merito riguarda il ribaltamento radicale dei valori costitutivi della scuola pubblica: siamo passati dalla scuola inclusiva, quella rivolta a tutti in quanto persone e cittadini del futuro a quella del competere, con finalità utilitaristiche ancora non meglio definite.

Ma ad aggravare questa inversione dei fini del compito costitutivo della scuola c’è anche il concetto stesso di competenza. Un mio amico mi raccontava della foto di una rivista in cui si accostava un termitaio alla Sagrada familia. La riflessione che seguiva nell’articolo metteva in evidenza la somiglianza delle due opere soffermandosi sul fatto che le termiti erano competenti nel saper costruire la loro tana, ma il loro è un saper fare senza sapere e soprattutto senza saper essere.

Fare qualcosa per il piacere di farla, per la sua bellezza intrinseca o per la pura valenza culturale che essa può avere esula completamente dalla competenza fine a sé stessa.

Formare dei cittadini che sanno fare ma non sono in grado di coscienza critica e libertà personale non è forse uno dei modelli orwelliani portati a compimento nella società del prossimo futuro?

Non voglio qui associarmi alle pessimistiche conclusioni del libro 1984 che sembravano non lasciare possibilità alcuna alle persone di sfuggire al controllo del Sistema di potere dominante. Voglio piuttosto sperare che questo Governo, nato come opposizione al sistema liberista che ha prevalso in Italia e in Europa negli ultimi anni, possa davvero ripristinare i fondamentali principi di libertà senza i quali nessuna democrazia è possibile. Ma la neolingua e ogni azione a suo supporto è già da tempo una realtà, non sarà facile tornare indietro. Un lavoro lungo e difficile quello del vero cambiamento, mi auguro con tutto il cuore che sia possibile portarlo a compimento.

Dal referendum alle elezioni: la sterilizzazione del voto?

cambiamento

Questo tempo è finito?

L’avevamo detto alla vigilia del referendum costituzionale che nonostante Il no ha già vinto, ma la rotta prosegue barra a dritta verso il disastro (CLICCA PER LEGGERE) , nulla sarebbe cambiato nell’azione politica del governo. Anche se un’eventuale vittoria del SI avrebbe definitivamente modificato l’ossatura stessa della carta costituzionale, vincolando in maniera più stringente, addirittura inderogabile, ogni atto legislativo di qualsivoglia governo italiano LEGGI QUI.

Ma quello che non accadde allora è ormai prossimo a realizzarsi. Sembra che la formazione di un esecutivo in grado di portare un cambiamento che sia realmente frutto della volontà popolare non abbia possibilità alcuna di concretizzarsi (GUARDA UN PO’ IL CASO!!!).

C’è chi crede addirittura che ci saranno nuove elezioni, o più probabilmente un governo del presidente, magari con un tecnico in puro stile montiano (un nome fra tutti Cottarelli) che potrebbe portare avanti indisturbato la solita agenda ultraliberista eterodiretta dall’Europa senza troppi problemi per nessuno. Del resto quali sarebbero le forze politiche che non lo appoggerebbero? Il movimento 5 stelle forse? Basta pensare quanto il loro programma-contratto sia assimilabile e adattabile a quello del partito più EUROpeista che sia mai stato concepito da mente umana, il PD: “reddito di cittadinanza” che fa eco al “sussidio di povertà”, pronto a trasformarsi alla bisogna in sussidio familiare o sostegno alle pensioni o a qualsivoglia altro campo del sociale. In fondo l’obolo serve se vuoi almeno momentaneamente sopire il dissenso e al contempo andare avanti nel solco già tracciato del “più Europa”. Dare quanto basta per sopire il dissenso, cambiare tutto per non cambiare nulla…Ma delle assonanze e similitudini fra il movimento e il PD ne avevamo già parlato QUI (clicca per leggere)!

Certo è difficile credere, vista la posizione ” rigida” del m5s, ad un governo dove Di Maio non sia premier, ma gli eventi e lo scongiurare le elezioni in nome delle solite emergenze nazionali potrebbero fare miracoli. Poi quando il delirio diventerà ulteriore macelleria sociale con la partecipazione straordinaria ma sostanziale del m5s, magari le gente tornerà a rivolgersi verso nuovi-vecchi ma affidabili partiti, quelli del ” non ce lo possiamo permettere”, i realisti con il c@l@ degli altri. Perché dopo le mazzate prese anche grazie al partito degli “onesti duri e puri” perfino il vomitevole paternalismo piddino (lo fanno per il nostro bene, da solo il popolo non è in grado di scegliere) ci sembrerà lenitivo. E il cerchio, ancora una volta, si chiuderà come una morsa senza vie di scampo su tutti noi.

Quindi accadrà davvero che il mantra Berlusconi NO si trasformi in un neo-Monti SI?!? Chiaramente è fantapolitica e ci stra-auguriamo tutti che mai e poi mai accadrà! E se mai dovesse accadere (PER PURO CASO!!!), nonostante la copertura fumogena mediatica a mescolare gli eventi prenderemo nota di dove, chi, come e quando arriveranno i numeri per sostenere un tale governo non facendo sconti a nessuno, Lega o Movimento o qualsiasi altra forza politica che sia!

Il problema vero però, dicevo nel titolo, non è tanto la continuità dei programmi di governo presenti (passati) e futuri, essa a me pare già assicurata dato che l’unico partito che ha mantenuto un minimo di credibilità nel puntare i piedi all’Europa è la Lega, attualmente neutralizzata da un lato dalla sua stessa coalizione, dall’altro dal m5s che pur proponendo “contratti” in puro stile berlusconiano, mette veti ad un’alleanza che includesse FI! Quando a mio parere il miglior modo per cancellare definitivamente Berlusconi sarebbe stato proprio allearsi con il centrodestra e fare muro insieme alla Lega su un programma “blindato” che recepisse le istanze di recupero di sovranità, sostegno al lavoro, cancellazione delle clausole di salvaguardia imposte dalla commissione europea, tutela dei risparmiatori e al contempo delle banche italiane… I voti di FI sarebbero stati ininfluenti, mentre il “contratto” sarebbe stato blindato da una solida maggioranza dei partiti che hanno preso più voti. Tutti temi però che evidentemente non interessano realmente.

Ma il peggior esito potrebbe essere chiudere definitivamente la porta ad una possibilità di cambiamento dal basso attraverso le elezioni. Salvini risponderà positivamente a Di Maio costringendo il presidente della Repubblica a indire rapidamente nuove elezioni? Vista la situazione di stallo, per evitare quanto detto sopra, cioè un funesto governo tecnico, la proposta di Di Maio è l’unica percorribile. Un governo di minoranza a guida centrodestra, del resto, che programma di cambiamento potrebbe mai realizzare? Dato che m5s e Lega hanno di fatto la maggioranza in Parlamento, una loro richiesta compatta di nuove elezioni non potrà che essere accettata dal Presidente della Repubblica. Eppure tra tutte le soluzioni questa a me sembra la meno probabile. Intanto le 48 ore esplorative date alla Casellati per tentare un accordo fra Lega e M5S sono moltiplicate per Fico che lascia ancora le porte aperte al PD in attesa che con comodo si completi l’autodistruzione del partito.

Presto vedremo chi e cosa escogiteranno per tirare avanti, sterilizzare una volta per tutte il processo elettorale fonte di tante preoccupazioni delle élite e arrivare così alle elezioni europee già fissate per la fine di maggio 2019 con le idee chiare sul da farsi: queste si che dovrebbero diventare prevalenti, prioritarie nel dettare l’agenda di ogni futuro governo nazionale. Diventare prioritarie, cioè di fatto “sostituire le elezioni nazionali” da mantenere solo per le poltrone della politica e in funzione “ludi cartacei” per chi ancora avrà voglia di votare. A patto che, nel frattempo, abbia ancora senso parlare di EUROpa!

Avanti e indietro: storia di un’involuzione interiore (ottava parte)

libro.jpg

Nella settima parte (che potete leggere CLICCANDO QUI), avevamo parlato della teoria dell’evoluzione contestando le modalità con cui era stata presentata in una trasmissione televisiva, un esempio di visione unilaterale della realtà così come spesso e volentieri ci viene mostrata dai media. Al vertice di questa pseudo realtà c’è sempre una bellissima narrazione e non ci sarebbe niente di male ad essere sognatori, se non fosse che in questo caso noi siamo i protagonisti di una storia scritta da altri per finalità non meglio precisate! A CHI credere e in COSA credere?  Difficile rispondere, nelle brevi riflessioni  che seguono non faccio che evidenziare gli slogan della narrazione odierna e ognuno potrà sperimentare su sé stesso quanta presa essi abbiano nel nostro pensare. Magari ci scopriremo lettori, riuscendo almeno in parte a vedere le cose con distacco, a capire dove finisce la narrazione e dove inizia la vita reale. A questo punto non ci resterà che chiudere il libro: nel mio caso l’in-voluzione interiore ha portato i suoi frutti! Guardarsi dentro porta a scoprire un’intimità che è Mistero a noi stessi! Il Mistero è la prima scoperta, ciò che apre alla speranza. Allo stesso tempo Esso lascia la porta aperta alla Verità, rende possibile il confronto con una realtà oggettiva oltre la narrazione posticcia in cui viviamo. Non so se ci saranno altre puntate di questa mia in-voluzione interiore, magari proverò a riordinare quanto già scritto cercando fra le righe ulteriori approfondimenti…

 

Come sarebbe impossibile per dei genitori pensare di gettare a mare un figlio perché “non ce lo possiamo permettere”, così i tanti cittadini delle nostre martoriate democrazie dovrebbero almeno farsi scrupolo di indagare, mettere in dubbio i tanti mantra sciamanici che ci propinano quotidianamente: è colpa della casta, la cricca, il debito pubblico, i dipendenti pubblici improduttivi, bisogna sanare le inefficienze, privatizzare quello che non funziona…. E’ un attacco costante allo Stato (e quindi a tutti noi che ne siamo parte), con la partecipazione ORDINARIA delle istituzioni nazionali e internazionali (nel nostro caso EUROpee): siamo nell’epoca dei tecnici, che di fatto fanno politica, spesso senza neanche la legittimazione del voto, bypassando qualsiasi norma costituzionale a favore della contabilità: il “diritto al lavoro” è sostituito dal “pareggio di bilancio” e dai necessari (per chi?) tagli alla spesa (posti di dipendenti pubblici inclusi)! Si potrebbe continuare a lungo  e ci sono persone che attraverso libri o blog sono riusciti a dare un quadro completo ed esauriente del perché e del percome ci stanno facendo questo, ma il problema di fondo resta comunque quello della “storia che si ripete”: nella lotta fra il bene e il male, che relativamente alla razza umana altro non è che storia di interessi contrapposti, nel medio-lungo periodo perdono tutti, o almeno c’è un’alta probabilità che tutto vada allo sfascio (vedi guerre mondiali recenti o l’attuale escalation sulla Siria) eppure è nella loro (nostra) natura l’autodistruzione e la rinascita, è inutile pensare che in fondo io non centro, noi non centriamo perché siamo diversi da quelli che ci manipolano e quindi bla, bla, bla… Se un’evoluzione dev’esserci essa si concretizza sempre e solo nella collettività, in quella coscienza collettiva che è formativa di una visione d’insieme, di un’epoca, un modo di vedere, un essere coscienti di…. Ci sono certamente incrinature nel sistema, aperture verso altro, oltre l’uniformità dei modi di vedere e pensare, ma molto distanti non possiamo andare finché a remare contro la corrente dell’attualità non ci imponiamo in massa. In questo quadro si inserisce anche il concetto scientifico di “evoluzione”, così come venne proposta nella trasmissione sopracitata: un adattamento all’ambiente attraverso la vittoria del più forte, cioè di chi è evolutivamente superiore. Non c’è morale e la giustizia diventa la pura constatazione che se la natura è matrigna, Dio e in ultima analisi lo stesso uomo, altro non sono che espressioni di essa, all’interno della storia umana il più forte impone il giusto adattamento all’ambiente a chi gli è sottomesso e il più forte è sempre chi riesce a manipolare-costruire una verità socialmente e umanamente accettabile alla collettività, un vero e proprio pensiero magico-religioso a cui ci adeguiamo, volenti o nolenti, perché è quasi impossibile remare contro la corrente della collettività!