Genderismo e antropologia egualitaria

 

manicuore

 

In quanto persone siamo tutti, uomini o donne, dotati di pari dignità. Ora parlando della teoria del gender, essa vorrebbe andare oltre la distinzione maschile e femminile, considerandole solo dal punto di vista biologico come pure distinzioni sessuali che non possono avere quindi una valenza ontologica, cioè fondante e costitutiva della persona umana. Io credo invece che la distinzione di genere non sia riducibile a semplice differenza sessuale sul piano puramente biologico, ma che  sia costitutiva del nostro essere persona e al contempo uomo o donna uno aperto al mistero dell’altra. Se andiamo a vedere le conseguenze storiche di questo dualismo, esse sembrerebbero dare ragione a chi oggi vorrebbe, attraverso un’etica e un’antropologia egualitaria, abolire tali distinzioni. Guardando ad esempio alle origini della Chiesa cristiana, emerge sicuramente un’idea di donna  distorta e identificata con la materia, contrapposta all’uomo identificato invece con lo spirito. Esplicative in tal senso e sconcertanti sono le parole di San Girolamo che affermava: ” Finché una donna è per la nascita e per i figli, è differente dall’uomo come lo è il corpo dall’anima. Ma quando desidera servire Cristo più del mondo, allora cessa di essere donna e sarà chiamata uomo”. Discende da questa concezione anche un’immagine di Maria, madre di Gesù e della chiesa, idealizzata e anch’essa lontana da un modello femminile concreto e soprattutto umano.

Il genere donna è così condannato all’inferiorità e al dominio da parte del genere uomo. Quello che manca è qui una considerazione della donna in quanto persona a sé stante, distinta e indipendente dall’uomo. Ma recuperando questa necessaria distinzione fra la persona uomo e la persona donna, entrambi portatrici di eguali valori e dignità, si deve anche superare il dualismo maschile e femminile riducendolo a pura differenza sul piano biologico, per poter così cancellare le discriminazioni ancora presenti nella nostra società?

Per provare a rispondere ritorniamo alla teoria del gender, secondo la quale la diversità delle caratteristiche personali non è predeterminata dal sesso, ma si differenzia quasi esclusivamente a seconda della razza e della cultura di appartenenza. In base a tale concezione non si dovrebbero predestinare le persone a ruoli sociali o pubblici esclusivamente in base al sesso di appartenenza, ma tenere conto di altri fattori determinanti che agiscono nella società. Su questo sono daccordo, ma non accetto che si arrivi a sterilizzare la società da concetti di genere, abolendo la distinzione maschile femminile già nei bambini molto piccoli, riformulando il concetto stesso di famiglia non più composta da padre e madre, concetti essi stessi appartenenti ad un’antropologia dualistica e quindi discriminatoria, ma da genitore 1 e genitore 2 o comunque da persone non identificate in base al genere!

Tutto ciò sarebbe il primo passo per una vera uguaglianza fra uomini e donne entrambi portatrici di identici valori? Io non credo, anzi ritengo che questa teoria sia semplicemente funzionale al “sistema impersonale” di potere con il quale le élite mondiali vogliono controllare le società umane. Cancellare l’ordine “naturale”, o perlomeno i valori e la cultura che sono a fondamento della società per sostituirli con pseudodiritti cosmetici: ripeto sempre e fino alla noia che non esiste uguaglianza laddove regna l’ingiustizia sociale, che viene amplificata dalla cancellazione del lavoro, delle tutele sociali quali quella che riguarda la salute o la previdenza; a seguire si arriva attraverso la teoria di genere alla cancellazione della famiglia intesa come nucleo fondante della società, non solo da un punto di vista cristiano, ma anche dal punto di vista del diritto costituzionale che nell’articolo 29 la definisce così:

“La Repubblica riconosce i diritti della famiglia come società naturale fondata sul matrimonio.

Il matrimonio è ordinato sull’eguaglianza morale e giuridica dei coniugi, con i limiti stabiliti dalla legge a garanzia dell’unità familiare.”

A me non interessa tanto definire cosa si intenda filosoficamente per “società naturale” o per famiglia, quanto piuttosto soffermarmi sul riconoscimento di un’istituzione, la famiglia appunto, che viene considerata nucleo, cellula da tutelare e da riconoscere. Una famiglia ha nella maggior parte dei casi la necessità di mettere radici, di avere una casa, dei riferimenti nel luogo dove essa nasce. Questo modello è messo in discussione forse perché non compatibile con la precarizzazione del lavoro attualmente messa in atto dalle cosiddette RIFORME?!?! Avere radici è appunto il contrario della necessità di spostarsi, cambiare continuamente lavoro, città o addirittura stato come vorrebbero gli sfruttatori del lavoratore-merce.

Ora potremmo discutere all’infinito se la famiglia come istituzione possa oggi essere formata solo da coppie eterosessuali o anche omosessuali, ma qualunque sia la nostra opinione in merito essa deve considerare la famiglia sempre e comunque come un confronto fra due alterità portatrici di eguali valori sul piano morale e giuridico. Non quindi due persone indistinte, o al massimo diverse solo sul piano della scelta del proprio orientamento sessuale. Due alterità significa persone che necessitano di stare insieme per completarsi a vicenda e magari pianificare un futuro che sia loro e al contempo appartenga alla società dove vivono: attraverso i figli si costruisce il futuro, ma questi necessitano di garanzie materiali che sempre più alle coppie vengono negate!!!

Riporto qui una delle tante perle della saggezza popolare: “Non si fanno le nozze con i fichi secchi!!!”

Tradotto significa semplicemente che non si può realizzare alcun progetto se non si hanno i mezzi necessari, quindi se è vero che la teoria del gender nasce per risolvere discriminazioni di genere, è altrettanto vero che tali discriminazioni non possono essere risolte se al contempo non si realizzano nella società le condizioni effettive di godimento dei diritti sociali unica garanzia di una vita dignitosa! 

Ecco perché la Costituzione è il discrimine fra l’uguaglianza sostanziale e quella cosmetica! Non si può parlare di uguaglianza sostanziale se il sistema politico cancella i diritti sociali di primo livello e li sostituisce con parvenze di diritti: l’intenzione apparentemente lodevole di cancellare le diseguaglianze serve in realtà ad abolire le differenze e mettere tutto e tutti su un piano d’indifferenza annientando le persone. Tutti ugualmente senza valore e quindi mercificabili alla bisogna dal sistema dominante! Un modello violento e imposto con metodi che appartengono alla peggiore tradizione maschilista! La differenza è che invece di esaltare il dualismo fra uomo e donna, esso esalta il dualismo fra chi comanda e chi è sottomesso: il sistema di potere ci vuole sudditi impersonali e manipolabili, quindi sganciati da qualsiasi rivendicazione sociale!

Su un piano filosofico-religioso possiamo trovare un qualche fondamento alla teoria del gender? Possiamo cioè ridurre la sessualità a biologia scollegandola dall’essere persona?

 Secondo me nel dogma trinitario si specchia questa dinamica  di confronto fra alterità in quanto pur essendo UNO, Dio si manifesta nella relazione e nella trascendenza, in una pulsione d’amore che al pari dell’energia sessuale è in grado di generare e creare!

Credo che la sessualità vada ben oltre il sesso, anche chi è attratto da persone del suo stesso sesso replica questo dualismo maschile e femminile pur vivendolo nella dimensione del “limite”, quella cioè dove gli elementi sembrano fondersi e sovrapporsi pur rimanendo distinti. In Dio la distinzione è nell’unità, ma paradossalmente l’unità non è tale se non nella distinzione che genera amore…

Possiamo forse affermare che la “persona” è un progetto dinamico, in divenire in quanto aperto alla trascendenza dell’altro e attraverso l’altro aperto all’infinito, cioè a Dio. Ma questa trascendenza implica la distinzione, una differenza tra uomo e donna o maschile e femminile, che non può essere ridotta a semplice orientamento sessuale ma esalta invece l’essere persona nella diversità! La complementarietà dà forse fastidio a chi pretende di abolire le differenze di genere, essendo essa stessa garanzia del dualismo maschilista? Ma nella “notte in cui tutte le vacche sono nere” di quale uguaglianza potremmo mai parlare? Come mai i genderisti convinti non spendono uguali parole per criticare un contesto sociale degradante e degradato da politiche ultraliberiste nemiche dello Stato costituzionale pluriclasse (cioè garante di tutte le classi sociali)? L’eguaglianza di genere sembra purtroppo funzionale al progetto neoliberista e quindi ben lontana dalla giustizia sociale che si vorrebbe rivendicare. Ma non è solo la famiglia ad essere messa profondamente in discussione, per incidere profondamente nel contesto sociale e far sembrare ciò che prima era considerato impensabile necessario si deve agire attraverso il sistema scolastico direttamente sui bambini. ESSI (i liBBBeristi) pretendono di imporre, con politiche mirate che partono dalla formazione degli insegnanti dei vari ordini scolastici, l’uguaglianza di genere come valore in sé da realizzate in concreto nei programmi scolastici in modo sistematico ed efficace! Ciò significa che gli insegnanti non dovranno limitarsi ad informare gli alunni, ma dovranno decostruire il vecchio mondo duale formato da maschile e femminile e provocare nei bambini (meglio se piccoli, dato che sono più ricettivi) e ragazzi reazioni egualitarie facendoli riflettere magari con situazioni e provocazioni tipo: che male c’è se un bambino indossa il grembiulino rosa della sorellina? Nessuna naturalmente! Idem per una gonnellina o vestitini alla moda!

Ora l’Ufficio Regionale per l’Europa dell’OMS ha prodotto un documento (sotto riporto parti del capitolo 6) dove si possono leggere gli * Standard per l’educazione sessuale in Europa 

Al capitolo 6 di detto documento si afferma che l’educazione sessuale (definita olistica) deve avere un suo spazio specifico a scuola (a partire dalla scuola dell’infanzia),[…] che necessita di personale formato, ma che comunque dovrebbe essere realizzata anche in assenza di tali requisiti[…] Educatori competenti necessitano di una formazione in educazione sessuale così come di un’apertura mentale per la materia e una forte motivazione: devono credere fermamente nei principi dell’educazione sessuale sopra menzionati (leggetevi il documento cliccando sul link sopra). Ciò implica che le autorità scolastiche non facciano pressione su chi è riluttante ad essere coinvolto nell’educazione sessuale (sembra proprio che si devono  scegliere persone fortemente orientate e ideologizzate ); piuttosto, gli insegnanti vanno stimolati e sostenuti […] Gli insegnanti di educazione sessuale necessitano di strutture di supporto e devono avere accesso a momenti di supervisione.

Concludo dicendo che formare gli insegnanti in funzione di principi considerati rigidamente acquisiti, non sembra certo la strada migliore per modellare la società verso un sistema più eguale e quindi più equo. Anzi siamo già ad un passo dall’imposizione-coercizione (genderismo appunto e non teorie di genere), parole che pur mascherate da buone intenzioni (tutela della salute pubblica=vaccinismo; lotta alle discriminazioni di genere=genderismo), non lasciano certo spazio al pluralismo (neanche a quello scientifico), negando per principio l’esistenza di diversi modelli sociali ugualmente validi e in grado di garantire quei diritti sociali che a parole sembrano tanto cari ai nostri governanti, ma nei fatti vengono costantemente negati.

* Sono risalito al documento linkato grazie ad un’interessante articolo sul sito Byoblu – Test gender ai nostri ragazzi dei licei… 

Anno 1 odissea nel blog!

 

Obiettivo anniversario anno 1

Felice anniversario con WordPress.com!
Ti sei registrato su WordPress.com un anno fa.
Grazie per averci scelto. Continua così.

Ringrazio WordPress per avermi dato l’opportunità di scrivere ed esprimermi in questo spazio virtuale che è il web! Ma preciso che non sono stato io a scegliere il blog , quanto piuttosto è stato lui a scegliere me! Mi spiego: nel marzo 2016 il mio Dirigente scolastico mi inserì nella piattaforma relativa all’aggiornamento digitale rivolta agli insegnanti della scuola. Doveva trovare tre o quattro nominativi e io fui uno di quelli. La piattaforma si concretizzò nel mese di settembre, quando uscirono le sedi e le date per frequentare i corsi scelti. Uno di questi riguardava proprio la creazione e gestione di un blog di classe. Pur essendo un’attività proposta da un’insegnante di una scuola superiore (io insegno nella scuola primaria), che aveva finalità informative all’interno del sito dell’Istituto e una minima ricaduta nella didattica,  in breve tempo ci fecero aprire un blog sulla piattaforma WordPress e decisi addirittura di scrivere di getto e senza troppo pensare l’articolo che ripubblico sotto come segno di un nuovo inizio. Lì parlavo del peso delle “Mezze verità“, principali strumenti delle MENZOGNE che ci propinano giornalmente i vari mezzi d’informazione. Aperto il blog avremmo dovuto chiuderlo, ma così non fece ed ora eccomi qua. Non so se fra i 101 articoli scritti (questo è il 102) io abbia tenuto fede all’impegno  che fa da sottotitolo al blog – di provare a dare “opinioni consapevoli” in grado di “districarci dal marasma delle mezze verità quotidiane“. Sicuramente nelle poesie c’è sincerità, esse esprimono una parte di noi. Gli articoli d’attualità o di politica e di economia sono frutto di opinioni personali ma spero non banali, in quanto scritti su  problematiche che ci toccano da vicino e sulle quali è giusto confrontarsi. La filosofia e la religione sono invece parte dei miei vissuti e al pari delle poesie riflettono una parte di me!

Ringrazio il mio amico Lorenzo per avermi permesso di condividere le sue poesie, che sono state tanto apprezzate da molti lettori del blog. Ugualmente ringrazio il mio amico Stefano che oltre ad aver scritto un paio di articoli del blog mi ha sostenuto all’inizio di questo percorso, commentando e apprezzando i miei scritti. Senza di lui forse avrei smesso di pubblicare dato che non mi leggeva praticamente nessuno. Ringrazio infine tutti i follower e le persone che magari per caso si sono affacciate nel blog: chi per un “mi piace”, chi per una lettura veloce, chi per un commento di gradimento o di critica,… spero che tutti voi abbiate potuto prendere qualcosa da me come io, vi assicuro, ho preso dalle vostre presenze! Ma ora ricominciamo da ZERO …

Mezze verità, grandi menzogne…

Ogni rivelazione, anche quella “religiosa”, è un ulteriore velo sulla verità! Ri-velare appunto, vedere attraverso un velo e immaginare quello che si cela agli occhi e soprattutto alla mente. I contorni da soli non bastano a capire l’immagine nascosta e quando le informazioni necessarie a decodificare i messaggi della realtà dove viviamo, a partire dalla quotidianità spicciola e dalle necessità che ne fanno parte, vengono spesso distorte da messaggi parziali e invasivi, ecco che la menzogna prevale e non riusciamo a liberarcene.

Mi riferisco in particolare alla cosiddetta “informazione”, veicolata oggi da potenti media come la televisone o internet… Quando gli utenti di queste informazioni fanno “massa critica” ecco apparire tanti luoghi comuni spesso dannosi e discordanti.

Ora chiediamoci perchè la mente NULLIFICA quello che la cultura mediatica di riferimento non prende in considerazione? E inoltre i messaggi che passano centrano i problemi e soprattutto danno a noi persone comuni soluzioni per poter scegliere cos’è il meglio per la nostra vita quotidiana?

Lascio aperta la discussione…download

Il risparmio dello Stato colpisce ancora!

Sotto ripubblico un articolo che avevo scritto i primi di novembre del 2016. Per chi lo leggerà faccio notare che cambiando l’ordine dei burattini al governo (Monti, Letta, Renzi, Gentiloni, avanti il prossimo…) i risultati non cambiano, ma anzi la strada delle riforme di-strutturali va avanti senza ostacoli. In un recente articolo sul Corriere (LEGGI QUI!) ci informano che la crescita della spesa pubblica italiana nel triennio 2013-2016 è stata pari a ZERO, contro una crescita media nell’UE del 7%. I risparmi sbandierati nell’articolo suddetto sarebbero di ben 30 miliardi nel solo 2017, ma noi cittadini ce ne siamo accorti? Certo che si! Li vediamo (e subiamo) ogni volta che ci viene tolto un servizio, o quando accadono catastrofi come quelle di questi giorni causate dalle alluvioni: le amministrazioni locali e le regioni non hanno sufficienti risorse per mettere in sicurezza i territori, idem dicasi per affrontare le emergenze! Inutile ascoltare gli appellisti che dicono che il governo ha stanziato le risorse per la messa in sicurezza dei territori e che aspetta a loro usarli e bla, bla, bla…! La coperta è sempre più corta, le scete (sui tagli) sempre più dolorose e socialmente inaccettabili! L’alternativa alla privatizzazione dello Stato è ripristinare la Costituzione che mette al primo posto i diritti sociali e NON I RISPARMI FATTI SULLA PELLE DEI CITTADINI, ma ciò è possibile solo uscendo dall’euro e dai trattati sovracostituzionali che l’appartenenza all’UE ci impone! Lascio parlare il vecchio post che credo sia ancora attuale…

QUANDO LO STASTO RISPARMIA

Quando lo Stato risparmia…

disastri

Dall’inizio della crisi e in particolare dall’entrata in campo di Monti che ha inaugurato l’era infinita dell’austerità, lo Stato italiano ha realizzato nelle manovre finanziarie notevoli “risparmi”, ma essi sono andati di pari passo ad una caduta verticale degli “investimenti” pubblici in modo praticamente trasversale a tutti i settori della vita sociale, che sono proprio quelli che servono ad esempio per la manutenzione delle strade, la messa in sicurezza degli edifici pubblici, la prevenzione di disastri ambientali… Insomma, più lo Stato ha risparmiato, più ha tolto, cancellato, letteralmente MANDATO IN ROVINA il nostro paese! Inutile qui dire l’elenco infinito dei disastri che si sarebbero potuti evitare o perlomeno limitare con la giusta manutenzione e con adeguati investimenti pubblici, basta ricordare il recentissimo crollo del viadotto di Lecco! Ma come mai, se lo Stato risparmia, – perché il debito pubblico SAREBBE IL SOLO E UNICO PROBLEMA – tali risparmi non si convertono in servizi aggiuntivi, in risorse per affrontare l’emergenza, come ce la cantano giornalmente in tutte le salse da anni i media di regime?!?!?!?!?!?  La spesa è un problema, quindi il risparmio, i TAGLI AGLI SPRECHI, sarebbero la soluzione, non è forse vero? Iniziamo a vedere l’effetto dei tagli o se preferite dei risparmi, sul comparto sanità: “La spesa sanitaria italiana è del 28,7% più bassa rispetto ai Paesi EU14, con una forbice, anche in percentuale del PIL, che si allarga anno dopo anno…” Qui trovate la fonte di tali dati.

Possiamo continuare con la spesa per l’istruzione:

Ocse: Italia penultima per spesa, record di Neet e prof anziani

venerdì 16 settembre 2016  –   Edscuola  –  da Il Sole 24 Ore   –   di Alessia Tripodi

Una spesa pubblica scesa del 14% in 5 anni – che mette l’Italia al penultimo posto dopo l’Ungheria – record di insegnanti over 50 (con salari in calo) e di Neet, cioè di ragazzi che non studiano e non lavorano… L’articolo continua qui.

InZomma, sia se l’analizziamo per settori, – salute, istruzione, servizi… – sia se l’analizziamo in termini assoluti, l’Italia risulta tra i paesi dell’area euro con la spesa pubblica più bassa! Ed è tale spesa – che per i liBBeristi di tutte le salse che invadono con le loro blaterazioni la tv sarebbe ABNORME, PESO IMMORALE SULLE SPALLE DEI FIGLI, IMPRODUTTIVA, BRUTTA, SPRECO DA TAGLIARE… – che è rimasta in termini reali praticamente INVARIATA tra il 2005 e il 2015! Certo il debito pubblico continua a salire, ma siamo sicuri che sia questo il problema? SI! Siamo sicuri che il debito pubblico NON è il problema e ce lo certifica la stessa Commissione europea oltre che prestigiosi istituti di ricerca tedeschi. Qui l’articolo. Per chi non ha la pazienza di aprire i link e leggersi gli articoli riporto dei brani significativi:

“Il primo, certificato EU e già qui ricordato, è che l’Italia mai, nemmeno per un momento, è stata a rischio default. Lo certifica la stessa Commissione Europea nel suo Fiscal Stability Report…”, “…l’economista Bernd Raffelhüschen, professore di Scienze finanziarie presso l’Università di Friburgo, ha ribadito che l’Italia è il Paese che ha il debito pubblico più sostenibile dell’eurozona! “

Per collegare i puntini fra una frase e l’altra ripeto che l’articolo dovete leggervelo da soli. Però non fatevi trarre in inganno dalle conclusioni, dove l’autore dice che siccome l’Italia è il paese che più di ogni altro ha applicato i vincoli di bilancio imposti dall’UE, avrebbe quindi titolo per “chiedere”, “pretendere”, “realizzare” un maggiore flessibiltà e incrementare così gli inesistenti investimenti pubblici rilanciando la domanda interna ( i consumi) e incrementando il pil (la ricchezza prodotta dagli italiani). Le avrete sentite tutti le farneticazioni del buon Renzi, che addirittura si è spinto a dire “…non possiamo accettare che crollino le scuole per rispettare le regole di bilancio europee!” Eppure lui insieme ai suoi predecessori (Letta e Monti) sono stati i campioni di austerità: se riduci il deficit e porti il tuo paese al “pareggio di bilancio” ,e applichi addirittura il Fiscal compact allora significa che accetti con leggerezza di continuare a impoverire il tuo paese e a tagliare le risorse per la sicurezza e lo stato sociale! Ma al di là degli slogan politici, il motivo per cui i garzoni di bottega che si sono succeduti negli ultimi tre governi hanno “curato” la gamba sana dell’Italia, cioè la spesa pubblica con cui dal dopoguerra ad oggi gli italiani tutti hanno visto migliorare le loro condizioni di vita, non è certo per ignoranza o per incompetenza. Essi infatti hanno lavorato al servizio dei creditori esteri, gli stessi che attraverso il controllo del mercato dei capitali e degli spread dettano le regole del gioco: limitare la democrazia (per ESSI sinonimo di populismo), azzerare le tutele sul lavoro, demonizzare tutto ciò che è pubblico spingendo l’ex-Stato a privatizzare i servizi. Se vi ricordate la “crisi” è iniziata da una banca statunitense, la Lehaman Brothers, che a causa delle speculazioni dei mutui subprime fallì spalmando la voragine di insolvenze accumulate nel sistema bancario di tutto il mondo. Per chi non lo sapesse i mutui subprime sono ad alto tasso di insolvenza proprio perché dati a persone con lavori precari e senza tutele, appunto perché negli Stati Uniti la precarizzazione selvaggia del lavoro è la regola! Quando TUTTI o la stragrande maggioranza dei lavoratori hanno lavori senza tutele e possono essere licenziati dal datore di lavoro senza problemi, il sistema finanziario spinge a dare prestiti senza garanzie, siano essi carte di credito, mutui, finanziamenti poco importa: il modello sociale si basa sul DEBITO (non sui consumi) e poi quando una recessione globale fa saltare il giochetto aumentando vertiginosamente la disoccupazione, ebbene ci pensano gli Stati, attraverso l’austerità, a rapinare i propri cittadini incrementando le tasse e cancellando lo Stato sociale con i tagli: il tutto naturalmente per ripagare le SPECULAZIONI PRIVATE DELLE BANCHE. L’Italia, per fare un esempio, ha regalato, attraverso i fondi ESM istituiti dall’UE per salvare prevalentemente le banche francesi e tedesche, oltre 40 miliardi di euro. Leggete questo articolo per chiarirvi le idee. Questi soldi sono stati versati alle banche greche che prima della crisi avevano prestato senza troppe garanzie enormi capitali sotto forma di mutui e prestiti alle famiglie e imprese greche e tali soldi arrivavano prevalentemente dalle ricche banche tedesche e francesi. Tanto sapevano che arrivata la crisi nei vari paesi dell’eurozona ci sarebbero stati umili servitori pronti a strangolare i loro cittadini atteraverso l’austerità pur di ripianare, con i dovuti interessi, le folli speculazioni fatte dal sistema finanziario deregolamentato. In tutto ciò l’euro è il principale baluardo del sistema: una moneta che non appartiene a nessuno stato, gestita dal sistema finanziario a garanzia della realizzazione delle cosiddette “RIFORME DI-STRUTTURALI” e della speculazione selvaggia. Nel mondo dei predatori il più grosso mangia il più piccolo e in Europa il sistema finanziario tedesco è quello che più di ogni altro gestisce l’euro per i propri fini, senza tener troppo conto degli ormai innumerevoli focolai di ribellione che nei paesi europei stanno per venire alla luce. Forse è ora di iniziare ad aprire gli occhi e iniziare a guardare la realtà con più consapevolezza. In Italia finché l’opinione pubblica è distratta dai soliti temi della casta, della corruzione, dei privilegi, continueranno a farci credere che la terra è piatta, anche se sono ormai molti i liBBeristi che iniziano a raccontarci che il sole è luminoso e l’acqua è bagnata. Cosa voglio dire? Che iniziano già a cambiare disco cantando “lo Stato è brutto si, ma l’austerità è anch’essa cattiva”, “l’euro è divino si, ma se la Germania fa sempre e solo i ca..i suoi allora è meglio andare ognuno per la propria strada”. Il problema è che sti personaggi che dicono tali mezze verità, non lo fanno certo per noi, perché si sono pentiti o sono rinsaviti dopo aver per anni demonizzato lo stato e idealizzato la DIS-Unione europea basata sul Mercato Salvatore. Lo fanno perché da un momento all’altro il sistema potrebbe implodere e potranno così dire: ve l’avevo detto che era sbagliato! Ma chi vende menzogne non potrà mai fare niente di buono per la collettività. Che ci rimane allora a noi cittadini? La consapevolezza di quale sia la direzione da seguire, rafforzare lo Stato per ripristinare i diritti sociali garantiti dalla Costituzione e la speranza che ancora possano esistere forze politiche e sociali, vecchie o nuove che siano poco importa, in grado di schierarsi dalla nostra parte.

sMer…cato?

Interesse Zio…nanale, o Na..leziona, o forse Le…zionana! Questo è più o meno il balbettio che le nostre istituzioni(?!?!?) tutte pronunciano quando devono o perlomeno dovrebbero difendere l’interesse della nazione che rappresentano.  Nel dire balbettano, non sono state programmate ad affrontare un’anomalia come quella dell’esempio francese che impone prioritariamente il LORO (dei francesi) interesse NAZIONALE in Libia piuttosto che nella gestione dei cantieri Saint-nazaire (questioni in realtà collegate), andando contro gli interessi del mercato (una barzelletta) che in questo caso coincide con gli interessi italiani. I sonori schiaffoni che puntualmente i nostri statisti al governo portano a casa non possono essere mascherati più di tanto neanche dai fedeli tiggì. Urlino pure ora : “Dov’è il mercato quando serve all’Italia?”

Se accetti di cancellare la tua Nazione in nome di un progetto superiore, L’Europa dei popoli, ma poi ti accorgi che tale progetto non esiste come ideale di unità ma solo come mezzo coercitivo per avvantaggiare alcuni a danno di altri, ebbene constatato ciò pur se con enorme ritardo, cosa dovresti fare?

Reintrodurre nel vocabolario la parola Nazione e condirla con altre importanti parole demonizzate quali ad esempio – investimenti pubblici per la tutela degli interessi nazionali (nazionalizzando aziende strategiche o banche quando serve) – ebbene tutto ciò sarebbe il minimo. Ma loro non lo faranno, continueranno fiduciosi ad affidarsi alle sorti del sMer…cato con regole puntualmente scritte su cata igenica!

Dai terremoti ai migranti circondati dal cielo blu

cielo-mare-fuoco

Ripropongo sotto un articolo pubblicato sul blog alcuni mesi fa (27 ottobe 2016 – post originale ), tornato attuale anche a seguito del recente terremoto in Grecia.

Italia e Grecia sono infatti accomunate da eventi drammatici come quelli dei terremoti e delle migrazioni di massa, ma anche dall’essere cavie di un modello economico liberista volto all’impoverimento dei nostri popoli tramite cancellazione dei diritti costituzionalmente garantiti.

 

Prima di leggere l’articolo è obbligatorio vedere la mappa sismica dell’Europa !

Visto? Avete aperto una mappa sismica tratta da questo sito dove si vede chiaramente che l’Italia e la Grecia sono i paesi dell’Eurozona a più alta pericolosità sismica! Altrettanto evidente è che nella mappa sopracitata i paesi del centro e del nord Europa sono prevalentemente in zone a bassa probabilità sismica, aree caratterizzate dal colore celeste (del cielo) e in contrasto con il giallo e soprattutto con il rosso che caratterizza il territorio italiano e quello greco (per precisione aggiungerei anche i paesi balcanici).

cartina-antica

Ma passiamo all’immigrazione e vediamo le strane ed inquietanti “analogie”: l’Italia è un vero e proprio ponte fra l’Europa e l’Africa, con forti flussi migratori dal Nord Africa e dal Medio Oriente; idem la Grecia, che nonostante la crisi economica devastante amplificata dalla “cura” impostagli dalla troika assorbe i migranti che provengono dal Bangladesh, Pakistan, Afghanistan, Iran, Turchia e Siria. Possiamo dire che in primis sono questi due stati a contendersi il triste primato dei maggiori eventi sismici oltre che del maggior arrivo di immigrati!

In entrambi i casi è gente che fugge da un “mare” di disperazione, trovando spesso la morte o perdendo tutto ciò che a loro è più caro: casa, persone, la propria terra, a volte perfino la speranza di poter ricominciare a vivere! Nel Mondo, come rappresentato nel soprastante e antico planisfero, prevale il blu-celeste del cielo e del mare, un colore che indica anche la purezza, avvolge tutta l’umanità e sembra volerla proteggere con la sua immensità! Un colore che come abbiamo visto nella mappa sismica dell’Europa prevale però solo in alcuni paesi ed è praticamente assente in altri! Eppure commentavamo ieri un articolo del Corriere dove si affermava che la Commissione UE sarebbe pronta a bocciare la manovra del governo minacciando una possibile (probabile) procedura d’infrazione nei confronti dell’Italia  nel caso non si realizzino gli “aggiustamenti” indicati al deficit, naturalmente attraverso i soliti tagli e tasse, uniche cose in cui ancora (per poco) l’Italia è sovrana! Ma all’Europa dei buuuu-rocrati interessano solo gli “aggiustamenti di-strutturali” e a poco valgono le dichiarazioni rilasciate dal Ministro dell’economia Padoan sul sole 24 ore di oggi: ” E il sisma che ha colpito nelle ultime ore il Centro Italia non fa che avvalorare la tesi che il nostro è un Paese molto esposto a eventi sismici gravi e pertanto qualsiasi spesa affrontata per la ricostruzione o la messa in sicurezza non dipende da scelte politiche discrezionali dell’esecutivo.” Capito!?!?!?! E’ come un bambino pronto a giustificarsi con la mammina severa! Perché al di là di quello che ci raccontano i media l’esecutivo NON HA alcuna discrezionalità che non sia quella imposta delle regole europee. Le stesse regole con cui la Germania e la quasi totalità dei paesi UE ci si puliscono il posteriore, gettando poi la carta sporca dalla finestra quando un vento favorevole porta puntualmente tali lezzosi fogli (delle regole naturalmente) sul lindo tavolo del nostro premier, che insieme ai suoi lungimiranti ministri si affretta a leggere ed immantinente ad applicare. Ma quando le regole sono “impossibili da applicare” perché ci sono “eventi sismici gravi” e/o “immigrazione incontrollata in continua ed allarmante ascesa” la risposta della Commissione a tali richieste, aiutare i terremotati a ricostruirsi una vita e affrontare l’emergenza immigrazione, è stata essenzialmente un “vedremo, se e quando ci arriveranno le richieste dal governo italiano!” Perché LORO, per “spese per l’emergenza” intendono SOLO quelle volte a ricostruire strade, ripristinare utenze ed edifici pubblici, non quelle rivolte ad aiutare direttamente i cittadini coinvolti dal sisma. Quelle sono SEMPRE E COMUNQUE SPESA PUBBLICA IMPRODUTTIVA! Una spesa da tagliare insieme al deficit dello Stato. E uno Stato che non può più spendere alcunché per i propri cittadini è solo un’ombra, un’entità fittizia, un mezzo in mano ad élite per controllare la società a proprio uso e consumo.

Idem, lo stesso dicasi, identico destino avran, i cosiddetti “immigrati economici”, cioè quelli che seguedo l’onda dei profughi fuggiti dalle guerre, vengono spinti verso l’Europa attraverso l’Italia, la Grecia, i paesi balcanici e quelli dell’Europa dell’Est, guarda un po’ il caso proprio nel momento di miglior realizzazione delle RIFoRME: la precarizzazione selvaggia del lavoro e la disoccupazione stabile sopra il 10% ha già portato un notevole esercito di disperati italici ed europei pronti ad accettare voucher e condizioni lavorative fino a ieri da secondo e terzo mondo. Ma cosa c’è di meglio che portare direttamente nelle nostre città chi la povertà l’ha vissuta “in diretta”, un esercito di disperati che a volte in modo parassitario, altre integrandosi nel  modello lavorativo euroimposto, aiuterà i padroni a sfruttarci tutti insieme per un tozzo di pane. E come già è accaduto nelle moderne e civili città del nord europa (es. Belgio), si creeranno i ghetti, le nuove generazioni di immigrati perderanno presto la speranza di aver trovato  una terra migliore dove vivere, con il rischio fin troppo probabile di odio, violenze e terrorismo come rigetto di un modello sociale ed economico destinato a distruggerci! InZomma, noi futuri cittadini di serie Z, loro, gli attuali immigrati poi dis-integrati nell’accogliente Euro-pa dei popoli, cittadini di serie sotto Z: tutti inZieme vittime di un modello antisociale destinato a sfociare in tragici e purtroppo fin troppo predibili fallimenti.

CorruZionismo e armi di distrazione di massa!

cacciata dal Paradiso.jpg

* Cacciata dal Paradiso – Michelangelo Buonarroti

Per ogni corruZione c’è una cricca in funZione, con persone sempre pronte a tramare a proprio vantaggio i più loschi e criminali affari! Gli esempi in tivvù e media nostrani sono sempre attuali e infiniti: si  va dalla cricca delle banche fallite a quella sulla gestione dei rifiuti o a quella sulla ricostruzione post terremoto… Non c’é fine al corruZionismo e ad una delle sue tante rime puntualmente sciorinate dai media: opportunismo, nepotismo, clientelismo,… esso si rivela un mezzo efficace per spianare la strada alle tante riforme, dolorose ma necessarie, per poter recuperare virtù e cancellare i “mali dell’Italia”. Un ultimo appunto: il corruZionismo è (quasi) sempre sinonimo di Stato (ladro, brutto, corrotto, cattivo, invasivo…), sono i virtuosi liberisti nostrani a calcare la mano sulle inefficienze del “pubblico” e sui virtuosismi del “privato”.

Ora, riflettendo su quanto accaduto a partire dal 2011, anno fatidico dell’arrivo di Monti che ha inaugurato l’era virtuosa dell’austerità, dovremmo pensare che si sono fatti enormi passi avanti nella lotta alla corruZione! Anche perché la corruZione dovrebbe proliferare laddove ci sono i soldi e la possibilità di lauti guadagni, non certo in era di vacche magre come questa. Eppure leggendo i giornali i “casi” sono ben lungi dal diminuire e anzi proseguono inesorabili verso aumenti esponenziali ad infinitum tempus!!!

Ecco i dati sulla corruzione nel pubblico . Notare che l’articolo di Repubblica parla prima di “percezione” della corruzione e poi continua legando gli episodi di corruzione nel settore pubblico e nella politica all’aumento dei cosiddetti “populismi”. Ora la “percezione” di un fenomeno viene certamente amplificata dalla “narrazione” che i media fanno dello stesso. E noi tutti sappiamo a che razza di martellamento ci sottopongono quotidianamente! Ecco perché i “populismi”, che per i liberisti sono sinonimo di sovranità e democrazia, aumenterebbero e influenzerebbero la percezione dei cittadini riguardo la corruzione. Tali populismi non sono altro che proposte politiche alternative (almeno apparentemente) al sistema di potere imperante. Essi sono l’effetto causato dalle mancate risposte del sistema politico attuale, forse l’unica alternativa democratica ancora praticabile. Quindi più che di corruzione, l’articolo mette in risalto la nostra percezione del sistema di potere in atto ed essa interessa assai, è un termometro che misura la tenuta del modello sociale, più la febbre sale, più siamo vicini alla fine e il popolo (populista) rischia di ribellarsi.

Ma se il pubblico è corrotto, il privato cosa fa? Guardiamo le banche (private) come affrontano la crisi. Esemplare è il caso delle “venete” e di MPS: in entrambi i casi il governo (?) si è fatto dettare-imporre delle regole europee totalmente al di fuori di ogni logica di mercato (vedi svendita delle sofferenze bancarie) e contro l’interesse nazionale di tenuta dell’intero tessuto economico industriale (perlomeno quello che è rimasto)! Fra le macerie troviamo, oltre ai risparmi bruciati di tante persone, anche la chiusura di centinaia di filiali e migliaia di posti di lavoro perduti. Ma il peggio rimane non aver neanche scalfito la montagna di sofferenze bancarie che continua a incombere sul sistema bancario italiano, andando ben oltre il sistema di “corruZionismo” messo in piedi a livello locale dai vari responsabili delle banche fallite. Le sofferenze più che frutto della corruZione sono invece l’effetto dell’austerità, anch’essa euro-imposta, che deprime l’economia, aumenta la disoccupazione e fa fallire le imprese. Non pagare i propri debiti si traduce con un crollo della redditività del sistema bancario, tanto più elevato quanto tale sistema è stato vicino alle imprese e alle famiglie cercando di sostenerle con prestiti, fidi e mutui… Non c’è speranza di uscire dalla crisi se non si immettono nell’economia soldi pubblici in grado di sostenere il lavoro e quindi le stesse imprese che vivono oltre che di export anche e soprattutto di consumi interni fatti dalle famiglie.

Dicevamo: armi di distrazione di massa… tali si rivelano i tanti casi di corruzione, che analizzano e focalizzano il problema a livello locale, girando (o aggirando) completamente intorno alle cause che innescano e creano i molteplici fallimenti: fallimento delle banche, del “sistema lavoro”, della sanità pubblica, della previdenza… ogni cosa pubblica diviene sempre più insostenibile e per ognuna di esse si è sempre creata una cortina fumogena che parla di sprechi e corruZionismi vari. Ma le cause vere non vengono mai rimosse, anzi si aggravano giorno dopo giorno, a tal punto che ormai il disagio a livello sociale (la febbre di cui parlavo sopra) è pronto a deflagrare in modalità imprevedibili.

Mi riferisco al modello liberista globalista che si sta rivelando un nuovo tipo di colonialismo, non rispetta la diversità delle culture e deprime l’economia reale impedendo un vero sviluppo delle persone e delle comunità umane. La vera corruzione è quindi quella che scambia le cause con gli effetti: il degrado della nostra società e l’aumento incontrollato di varie forme di corruzione sono prevalentemente causate dall’aver adottato un modello economico anti-sociale, che comprime prioritariamente i salari dei lavoratori, porta precarizzazione e disagio sociale diffuso e non lascia scampo alle generazioni future destinate a vivere in condizioni di povertà e di sfruttamento. In Italia e più in generale nell’UE lo strumento principe di tali politiche è l’euro, un vero e proprio sistema di governo in grado di ricattare a suon di spread i paesi “ribelli”, di deprimere l’economia dei paesi “deboli” e avvantaggiare, via svalutazioni permanenti causate proprio dall’adozione di una moneta unica, i paesi “forti”.

Qualsiasi discorso che volti le spalle al “problema euro” e apra le porte al corruZionismo è fatto al fine esclusivo di andare avanti, inesorabilmente, verso il disastro economico e sociale attualmente in atto. Ma il corruZionismo non cura la febbre sempre più alta della società, non indirizza abbastanza il disagio verso pseudo-problemi minori che non curano alcunché. La vera corruzione è prioritariamente quella di chi nega il problema euro e non vuole portare nel dibattito pubblico la scelta e possibilità concreta di un cambiamento per via democratica. Ma laddove ci fosse questa possibilità di scelta, di un partito o una coalizione che si faccia portatrice dei valori costituzionali e punti al recupero della sovranità (monetaria e non solo) spetterà poi al popolo saperlo riconoscere e sostenere con il voto, al di là dei localismi o dei voti e delle ideologie di appartenenza, che in questo contesto politico e sociale in cui viviamo oggi sono morti e sepolti da tempo, anch’essi rilegati fra le armi di distrazione di massa.

* primo esempio di corruZionismo, la colpa era di Eva mentre il serpente (corruttore), era lì per caso (e il Capo non c’era)!

 

 

Vaccinismo e “controllo sociale”

vaccini

Con il decreto legge di maggio 2017 i vaccini obbligatori passano dai 4 messi in tabella a 12: anti-pertosse;
anti Haemophilusinfluenzae tipo B;
anti-meningococcica B;
anti-meningococcica C;
anti-morbillo;
anti-rosolia;
anti-parotite;
anti-varicella

La questione “vaccini” rientra a mio parere nell’ottica di “controllo sociale” imposta dal sistema dominante: decidere ogni aspetto della nostra vita per via normativa-coercitiva, senza esclusione alcuna. L’anti-Stato in nome di un bene (COMUNE?) superiore deve sapere tutto di noi cittadini e pilotare le nostre scelte a partire dall’imprinting biologico delle cellule programmando, di fatto, il nostro sistema immunitario,  fino a mettere le mani nei nostri conti in banca senza più barriera alcuna LEGGI QUI!  

Stritolati dagli ingranaggi della super NAZIONE europea a trazione tedesca (comunemente chiamata UNIONE EUROPEA), saremo sempre più soggetti al CONTROLLO, tanto più peggioreranno le nostre condizioni sociali: ribellarsi sarà inevitabile, ma liberarsi da abitudini schiavizzati precostituite richiederà tempo e sforzi immani. Come una droga siamo sempre più in balia del controllo sociale via norme coercitive che la propaganda le presenta come condivisibili e benefiche. Il dubbio viene subito bollato come eresia e i più se lo tengono per sé senza batter ciglio, relegandolo in angoli ben nascosti della propria mente! Guai a mettere in discussione i MANTRA della propaganda!!!

In questo contesto di logica irrazionale e anti-sociale, relativamente alla questione vaccini, pubblico l’articolo che mi ha inviato il mio amico Stefano: è una lettura interessante che condivido, ma riferendomi a quanto ho detto sopra ha l’unico limite della razionalità e del buon senso, merci sempre più rare nella società dove ci troviamo a vivere. Se infatti tali merci (razionalità e buon senso) ci fossero, la questione sull’obbligo coercitivo delle vaccinazioni non si sarebbe mai aperta! Buona lettura.

VACCINI?

Ho studiato un po’ la questione vaccini ed ora cercherò di fare una sintesi premettendo che si tratta di una mia opinione.

I vaccini sono un presidio medico importantissimo che ha permesso di debellare malattie infettive pericolosissime come, per esempio, il vaiolo o la poliomielite.

Per cui sono un aiuto ed un rimedio IRRINUNCIABILE!

Nonostante questo sono dei farmaci e come tali NON SONO INNOCUI, nessun farmaco lo è. I vaccini in particolare agiscono sul sistema immunitario, per cui, la loro potenziale pericolosità è moltiplicata, data la delicatezza e l’importanza di tale sistema.

Per cui la somministrazione di tali presidi deve essere effettuata solo in caso di effettiva necessità ed in ogni caso quando i benefici statistici superano gli eventuali danni statistici. Non è giustificabile, quindi, la somministrazione generalizzata, quando le malattie combattute non sono mortali o invalidanti se non a seguito di complicazioni non strettamente inerenti la malattia stessa, esempio: influenza, morbillo od altre malattie esantematiche. E’ inoltre illogico vaccinare per malattie la cui diffusione avviene con modalità diverse ai comportamenti degli individui sottoposti. Ad esempio l’epatite B nei bambini, le cui modalità di contagio sono le stesse dell’AIDS.

Dopodiché ci sono da fare, secondo me, cinque precisazioni.

  1. Qualsiasi soluzione iniettabile deve essere, per prassi ed obbligo medico, assolutamente pulita e priva di sostanze minerali od organiche estranee. Gli attuali vaccini in commercio, al 100%, non sono puliti. (per approfondimenti LEGGI QUI)

  2. Data l’importanza che c’è nell’effettuare una scelta vaccinale, è essenziale che i vaccini possano essere in confezione unica. Attualmente non è possibile reperire in commercio tali confezioni per cui per potersi vaccinare per una malattia ci si trova costretti a farlo per più ceppi.

  3. Ogni individuo potrebbe avere delle immunità congenite o acquisite che potrebbero rendere inutile o dannosa la somministrazione, altresì allergie verso i singoli componenti delle soluzioni iniettabili che andrebbero verificate. Tali controlli non vengono effettuati.

  4. Ogni vaccino sottopone il sistema immunitario ad uno stress notevole per cui è assolutamente privo di logica e lontano da ogni prassi medica sottoporre più vaccinazioni contemporanee. Vista anche la disponibilità commerciale, le vaccinazioni vengono sempre effettuate cumulative.

  5. Il sistema immunitario si completa, nella sua formazione, tra i quattro ed i sei anni di età. E’ fuori da ogni logica, pertanto, vaccinare bambini di pochi mesi di vita. Questo inutile stress ad un organo, ancora in via di formazione, potrebbe risultare dannoso per l’equilibrio generale dell’individuo.

Detto questo ribadisco l’assoluta validità del metodo vaccinale, ma contesto le prassi di somministrazione e le palesi inefficienze nei controlli sanitari.

Riguardo all’obbligatorietà di alcuni vaccini, ritengo che sia giustificabile, nell’ottica del bene comune, se si tiene però conto di quanto spiegato sopra.

Stefano Tonnarelli

Coercizionismo e dignità umana

Ripa_dignity_allegory

Traggo dal “Compendio della Dottrina sociale” della Chiesa alcune riflessioni sul rispetto della dignità umana che risultano particolarmente attuali nel contesto sociale in cui viviamo, quello di uno Stato che considera sempre più l’individuo come MEZZO per realizzare un modello economico anti-sociale e soprattutto anti-democratico imposto da organizzazioni internazionali di natura privatistica, gestita cioè da individui non eletti al servizio del sistema finanziario. E per fare ciò lo Stato non esita ad utilizzare forme giuridiche coercitive in nome di presunte emergenze sanitarie (vedi decreto sui vaccini) o presunte crisi economiche infinite (vedi alla voce RIFORME:  previdenziale, del lavoro, dellla scuola, della sanità…) o altre forme “giustificate” di esproprio legalizzato ( vedi alla voce bail in e al decreto che autorizza la nuova Agenzia delle entrate ad entrare nei nostri conti correnti per regolarizzare sanzioni).Tutto ciò potremmo sintetizzarlo con l’espressione COERCIZIONISMO, per indicare appunto la realizzazione di fini altrimenti irrealizzabili per via democratica, laddove cioè la voce del popolo conta ancora qualcosa.

Ecco al riguardo cosa dice la Chiesa nel Compendio:

CAP. III LA PERSONA UMANA E I SUOI DIRITTI

c) Il rispetto della dignità umana

132. Una società giusta può essere realizzata soltanto nel rispetto della dignità trascendente della persona umana. Essa rappresenta il fine ultimo della società, la quale è ad essa ordinata: <<Pertanto l’ordine sociale e il suo progresso devono sempre far prevalere il bene delle persone, perchè l’ordine delle cose deve essere adeguato all’ordine delle persone e non viceversa>>.

133. In nessun caso la persona umana può essere strumentalizzata per fini estranei al suo stesso sviluppo, che può trovare compimento pieno e definitivo soltanto in Dio e nel suo progetto salvifico: l’uomo, infatti, nella sua interiorità trascende l’universo ed è l’unica creatura ad essere stata voluta da Dio per sé stessa. Per questa ragione né la sua vita, né lo sviluppo del suo pensiero, né i suoi beni, né quanti condividono la sua vicenda personale e familiare, possono essere sottoposti a ingiuste restrizioni nell’esercizio dei propri diritti e della propria libertà.

La persona non può essere finalizzata a progetti di carattere economico, sociale e politico imposti da qualsivoglia autorità, sia pure in nome di presunti progressi della comunità civile nel suo insieme o di altre persone, nel presente o nel futuro. E’ necessario pertanto che le autorità pubbliche vigilino con attenzione, affinché ogni restrizione della libertà o comunque ogni onere imposto all’agire personale non sia mai lesivo della dignità personale e affinché venga garantita l’effettiva praticabilità dei diritti umani.

La libertà è quindi strettamente connessa alla dignità umana, vista come realizzazione piena della persona, esattamente l’opposto di quello che sta accadendo oggi: comprimono i diritti sociali, partendo dal lavoro, e chiudono gli individui in gabbie sempre più strette in nome di presunti virtuosismi e necessità!

 

Stato e anti-Stato a confronto!

tricolorifrecce

Belle le Frecce Tricolori, rappresentano l’orgoglio e i valori della nazione eppure le nostre autorità spesso ne fanno un uso puramente “cosmetico”, considerandole un abbellimento, una facciata vuota da dare in pasto all’opinione pubblica nelle manifestazioni importanti.

Da molto, troppo tempo gli italiani in molti settori sono rappresentati da anti-italiani! In questa categoria inserisco le persone che antepongono gli interessi esteri a quelli nazionali, inculcando l’idea che essere italiano non è più possibile in un mondo globale e quindi bisogna rivolgersi laddove ci sono esempi virtuosi e ad essi in maniera prioritaria ispirarsi. Un esempio in tal senso potrebbe essere la vicenda relativa alle nomine dei direttori “stranieri” nei musei pubblici. Una sentenza del Tar ha bocciato sonoramente la Riforma Franceschini relativamente alle nomine suddette, che violerebbero una legge del 2001, ma la reazione del governo è stata quella di rigettare con sdegno la sentenza e mettere nella “Manovrina” un EMENDAMENTO CON VALORE RETROATTIVO che ripristinerebbe tali nomine tali e quali! Al di là della legge in questione la sentenza del TAR parla di procedure di reclutamento opache e scorrette: nella prova orale un colloquio di pochi minuti a porte chiuse sarebbe bastato a prendere la decisione! L’impressione è quella dell’inevitabilità di tali nomine e la critica va quindi alle modalità di selezione che sembrano mancare di trasparenza e non certo alle persone scelte.

Visto come stanno andando le cose in Italia, relativamente alla questione economica e alle tante imposizioni e richieste di sacrifici che ci vengono continuamente imposte dalla Commissione europea, viene spontaneo chiedersi: perché lo fanno? O meglio: perché lo Stato è sempre di più l’ANTI-STATO, non è in grado di garantire i nostri interessi ma anzi agisce CONTRO i cittadini applicando norme e RIFORME DI-STRUTTURALI, che servono esclusivamente a cancellare lo stato sociale e aggravare la recessione in essere portando povertà e disperazione. Non ci sono all’orizzonte segnali che indichino una seppur lontana possibilità di miglioramento delle condizioni di vita degli italiani, ogni manovra o manovrina euro-imposta si scaglia come un maglio sulle nostre vite e cancella senza pietà diritti sacrosanti.

In questo contesto attendiamo fiduciosi il prossimo e raffazzonato tentativo di salvataggio delle banche venete, ormai ad un passo dal bail in, solito inglesismo che andrebbe invece correttamente tradotto con esproprio a danno dei malcapitati risparmiatori di Veneto banca e Popolare di Vicenza. Ma è utile ricordare che non tutti i correntisti sono uguali dato che alcuni – i cosiddetti “soci-vip” – sono usciti indenni da tale ricapitalizzazione al ribasso LEGGI QUI!.

Questa norma imposta dall’UE e subito votata dal governo Renzi  sul finire del 2015 (che al pari dei suoi predecessori è stato messo lì apposta per servire Bruxelles) ha già dato i suoi “frutti” con i fallimenti di Banca Etruria, Banca delle Marche e Banca Carige a danno di una folta platea di malcapitati correntisti-investitori in obbligazioni subordinate.

Anche relativamente a Veneto Banca e Popolare di Vicenza le intenzioni di Bruxelles sono chiare: serve un miliardo per la loro ricapitalizzazione e lo Stato NON DEVE INTERVENIRE CON SOLDI PUBBLICI (cosa che avrebbe chiaramente impedito qualsiasi rischio bail in)!

Quindi il governo si appresta a trovare un sistema “accettabile” per aggirare la questione, magari rivolgendosi alla Merkel (LEGGI QUI).

Il problema vero è: uno Stato che non è in grado favorire e di tutelare il risparmio (art. 47 della Costituzione) o di garantire il lavoro (artt. 1 e 4 della Costituzione) o la sanità pubblica (art. 32 della Costituzione) in che cosa è SOVRANO? Nel garantire gli espropri dei diritti appena elencati?

Perché attaccare lo Stato, pur con i suoi difetti, va contro gli interessi di tutti i cittadini. Ma attaccare l’ANTI-STATO, – quello che si prodiga a cancellare i diritti costituzionali via norme e imposizioni sovracostituzionali di derivazione internazionale  – è necessario per ripristinare quel minimo di democrazia in grado di ridare ai cittadini dignità e speranza nel futuro! Dove l’ANTI-STATO ha preso il sopravvento i risultati devastanti sono QUESTI!. Il sistema imposto dall’adesione all’UE è nemico dello Stato e lo trasforma nel nostro principale aguzzino. La soluzione non è certo nel “più Europa” come spesso sentiamo affermare nei media, quanto piuttosto nel “più Stato” democratico, costituzionale e garante dei diritti sociali. Iniziamo intanto a distinguere – dalle parole, dalle azioni, dalle finalità – chi, fra i nostri politici, parla a nome dello Stato o invece si rivolge all’ANTI-STATO e già avremo fatto tanto per ripristinare un minimo di verità nel contesto in cui viviamo!

Milano ed Assisi: due marce con un unico obiettivo?

Via-Francigena-Signposts-In-Italy-2012.jpg

Con tristezza constato l’assonanza inquietante che fa eco nei media, i quali mettono in evidenza le due manifestazioni svoltesi nella giornata di sabato 20 maggio: quella a favore dei migranti, guidata dal sindaco Beppe Sala a Milano e quella a favore del reddito di cittadinanza, organizzata dal M5S con alla testa Beppe Grillo.

L’obiettivo comune di entrambe sembra in realtà il completamento delle agognate riforme in salsa europea, che i vari governi hanno tanto diligentemente eseguito sulla scia del cosiddetto risanamento: realizzare compiutamente la deflazione salariale (riduzione dei salari) è possibile se si amplia ancora di più la competizione al ribasso fra i lavoratori. Ma vediamo le “assonanze” fra le parole “reddito” e “immigrazione”!

L’immigrazione di massa serve prioritariamente ad aumentare  quello che Marx chiamava “esercito industriale di riserva”, fatto cioè da masse enormi di disoccupati e sottoccupati disposti a vendersi per un tozzo di pane al servizio del padrone di turno.

Tale misera condizione ha bisogno però di consolidarsi nel tempo senza che ci siano brusche rivolte o proteste da parte delle masse sfruttate: cosa c’è quindi di meglio che offrire un salario-reddito di sopravvivenza, destinato in realtà a diventare una gabbia senza uscita per i malcapitati che saranno destinati ad entrarci? SENZA REDDITO DI CITTADINANZA AVREMMO VIOLENZE! Grillo ha quindi il merito di condire con un’appetitosa ciliegina la torta di letame preparataci dai governi filo-euristi-ultra-libbberisti! Di uscire dall’euro spiegando ai cittadini gli obiettivi delle riforme non se ne parla, afferma anzi esplicitamente che l’euro “è metafisica”, così come è metafisica l’uscita dalla moneta unica! Fatte queste precisazioni dobbiamo iniziare a pensare che chi non critica il sistema è esso stesso parte integrante dei problemi che stiamo vivendo sulla nostra pelle! Sono il primo a sperare di sbagliarmi, ma più passa il tempo più i segnali indicano che il m5s, o perlomeno i suoi vertici che di fatto ne pilotano le scelte politiche, non lavora per il cambiamento ma segue la scia tracciata in questi anni di crisi dalle politiche neoliberiste.

In Europa i primi a realizzare il reddito di cittadinanza sono stati i tedeschi con le “riforme Hartz” nel 2004 LEGGI RIFORME HARTS IV: PIU’ LAVORI E PIU’ DIVENTI POVERO!. Nati come una sorta di aiuto e reddito apparentemente da destinare esclusivamente alle casalinghe e agli studenti universitari, sono diventati in pochi anni una sorta di legalizzazione del lavoro nero, con oltre 8 milioni di tedeschi che lavorano a basso prezzo (450 euro) e senza contributi previdenziali per le imprese: ciò ha aumentato la competitività tedesca a danno degli altri paesi dell’UE e ha impoverito i loro cittadini mettendo in crisi in primis le casse previdenziali!

Anche in Italia chi usufruirà di tal reddito dovrà infatti accettare lavori non meglio definiti ma certamente sottopagati, pena la cancellazione del diritto di continuare ad usufruirne nel momento in cui il padrone li licenzierà. In sostanza o ti accontenti di vivere con l’obolo di 700/800 euro offerto dal governo e lavori come uno schiavo al servizio esclusivo del padrone di turno quando farà il favore di chiamarti (e in cambio naturalmente non pagherà contributi e amenità simili), o scegli volontariamente di fare la fame più nera che tanto di disperati come te ce ne sono a iosa e sempre di più ce ne saranno!

Relativamente a questo il commento di Renzi – che ha preso furbescamente le distanze dalla marcia di Milano (dice che aveva impegni più importanti) – è allucinante: “…noi siamo contro il reddito di cittadinanza… non a caso la Costituzione italiana parla di lavoro!!!!” LEGGI QUI .

Cooosaaa!?!? Lo stesso che si è prestato in fretta e furia a completare le riforme per distruggere lo stato sociale facendo per prima cosa terra bruciata sui diritti del lavoro con il jobs act  – che rende tutti precari a tempo indeterminato – avrebbe a cuore il LAVORO GARANTITO DALLA COSTITUZIONE?!?!?!?!?!

Per chi non l’avesse ancora capito questa è l’a-politica per eccellenza: scontrarsi sulla propaganda mirando in realtà ad un obiettivo comune, la fine dello stato e della democrazia via cancellazione dei diritti sociali e delle costituzioni che li garantivano!
Il partito unico consiste nel muoversi all’interno di un sistema predefinito, quello con regole economiche antisociali e recessive che mira alla privatizzazione totale dello stato, contribuendo con riforme e paletti vari al suo consolidamento.  E in tutto ciò spiccano le dichiarazioni di Grillo, che definisce il suo movimento “francescano”. La povertà non è un valore, ma un problema che degrada l’uomo impedendogli una vita dignitosa. Imparare a vivere nell’essenzialità ha ben poco a che vedere con lo sfruttamento, a noi cittadini non resta che sperare che questi ricchi diventino davvero francescani nello spirito e vengano incontro alle esigenze reali della nostra società! Nel frattempo figure nobili come quelle di San Francesco sarebbe meglio che le lasciassero da parte.