Voglia di radici

albero

Poesie di Lorenzo

Venti possenti vengono

e vogliono guidarti

verso nebbie

senza radici;

là i miraggi

mi portano,

il cuore

si ammutolisce

e non ho dove posarmi.

Solo un pianto

sincero

offre spiragli,

così tenui

ma che un po’ riscaldano.

Oh amico albero

dalle forti radici,

aiutami,

rendimi stabile

e avvinto alla sorgente,

così che crescano

rami e frutti rigogliosi

e possa sorridere

e danzare felice

ad ogni soffio del vento.

Poesia di Lorenzo già pubblicata QUI.

La Guida

450px-Spluga_della_Preta_131

Vorrei fuggire lontano,

dimenticare, riposare il mio Io

nel limbo oscuro del non-Essere,

inconsapevole della paura

compagna fedele

da tempo immemorabile.

Non ho mai saputo vivere

sopraffatto dalla violenza

dei miei stessi giudizi,

ed ora la paura mi schiaccia,

è un fardello troppo pesante

da sopportare,

scava nell’animo ferito,

inquieto, lontano da ogni certezza,

solcato da un fiume di sofferenza

cosi tanta che sembra non fare parte

della mia esperienza,

eppure so che mi appartiene

perché lascia le sue tracce nel dolore.

Non ho più argini nel cuore

trabocca, annego in ogni istante

eppure vivo…

riemerge sempre la speranza

forse c’è una fede innata,

una Guida, piccola luce

nel buio dell’Essere…

ma non posso più esprimermi

non so dire nulla di Lei

pensieri, parole, non so…

c’è solo il sentire il suo soffio,

la sua accettazione che mi tiene a galla

circondato dalla paura,

dal Mistero inesprimibile

della nostra vita.

E’ qui che devo stare

per sciogliere i nodi che mi stringono

le dolenti membra.

E’ qui che devo stare

accettare il reale

e ciò che sono

oltre l’apparenza,

perché è in questo che consiste

il nostro doloroso mistero.

Dualistici sono i sogni

veli opachi sulla vita

e ci piace ingannare noi stessi

fingendoci felici.

Ma è qui che devo stare

essere responsabile

di ciò che è Vero,

oltre le maschere e le finzioni

su cui costruiamo le nostre vite.

LO SPECCHIO DELL’ANIMA

Il_mattino_dopo_il_diluvio

Luce e colore. Il mattino dopo il diluvio di William Turner 1843

Gli occhi della gente

raccontano storie

d’esperienze

vissute in profondità.

Nella loro luce

c’è la nostra anima,

nelle loro espressioni

c’è la vera immagine

del nostro essere.

Gli occhi della gente

comunicano gioie e dolori,

paure ed inquietudini,

grandi dolcezze ed odi profondi…

Sono come stelle antiche

nello spazio infinito

che inviano messaggi di luce

vecchi come l’universo.

Gli occhi della gente

parlano di vite passate,

riportano all’origine dell’esistenza,

c’immergono in profondità primordiali

in cui già eravamo all’inizio del tempo.

Gli occhi della gente

sono fari nella notte,

dimostrano che non siamo soli,

che qualcuno ci attende

alla fine del buio.

Punti luminosi

orion-nebula-11137_960_720

Nell’ammasso infuocato

prima del Big Bang

in una stella primordiale che tutto raccoglieva

eravamo insieme

omogeneità d’essere

indifferenza nella luce.

Poi all’improvviso punti luminosi

si distinsero dal tutto

come esseri coscienti alla ricerca di sé stessi.

Esplosione primordiale che ci lanciò nel buio

dispersi in un oceano

sperando in una meta.

Ci siamo poi incontrati in una terra verde

dove la vita lotta per vincere la morte.

Come esseri divisi ora noi cerchiamo il Tutto

pensando a noi stessi come punti luminosi

individui solitari ma fratelli delle stelle.

Vaghiamo nella notte e a volte ci incontriamo

restando rapiti dall’amore di qualcuno

che forse già incontrammo nella stella primordiale

condividendo una luce che a tutti apparteneva.

Poesia già pubblicata  QUI.

…in ogni istante

mareblu2

Sandra Capomagi

Vorrei averti accanto

in questo torpore in cui sono caduto

non so come, non so quando

Vorrei averti accanto

in questo stato

come soffocato

fra paesaggi rocciosi

ho deposto il mio amore

Vorrei averti accanto

in questa densa malinconia

Tu

un vento caldo e impetuoso

puoi farlo

far svanire le nubi

in un infinito orizzonte

di luce blu

i miei occhi che guardano i tuoi

limpidi

carezze lievi per sfiorarti…

avrei paura d’infrangere l’incanto

Vorrei averti accanto

tanto è il bisogno che mi stringe

da sempre avvolto

scintillante

d’argento e d’oro puro

è il mio intimo sentire

la tua dolce presenza

in ogni istante

accanto a me.

* Ringrazio l’artista Sandra Capomagi per avermi permesso d’inserire il suo splendido quadro come cover ideale della poesia….”in un infinito orizzonte di luce blu…”

Poesia già pubblicata QUI

Un fiore tra mille

white-blossom-184571_960_720

Questo fiore è nato

in un magico prato

nessuno l’ha mai visto,

nessuno l’ha guardato,

era un fiore tra mille

in quel magico prato.

Ma se tu guardandolo

hai visto l’essenziale,

avrai notato che è bello

che è un fiore speciale

ed è così che finalmente

sentirai bisbigliare dolcemente:

Tu fra mille mi hai trovato,

perché con il cuore mi hai guardato”.

Oggi hai imparato una verità fondamentale:

con i nostri occhi vediamo lontano

per cogliere soltanto i contorni delle cose,

ma per vedere veramente

dovremmo aprire le porte del cuore,

perché l’essenziale è nascosto

l’essenziale è l’Amore

che rende speciale ogni essere

e rende magico anche questo piccolo fiore.

La conchiglia

conchiglia

Poesie di Lorenzo

Desolata conchiglia

abbandonata a fulgidi voli

ed al vento sovrano.

Chiuso in te l’orizzonte,

l’immenso

come voci sole e mai udite.

Entro queste mura immobili

ascolto le tue vane grida

come l’uccello colpito

nel volo di vita.

Sterminate corse

sulla nuda riva,

le eterne grida

delle onde,

la rete calata

e tante volte tornata,

le sperdute urla

di qualche voce lontana,

lo stormire di volatili

sospinti da una forza invincibile.

*QUI IL POST ORIGINALE