Aneliti

grotta

Poesie di Lorenzo

Dove sei Amore,

Luce,

zampillo di vita?

Parlami,

concedimi

un tuo lieve alito

che mi scaldi il cuore.

Riempimi gli occhi

di lacrime

che io possa

sentirti appena….

Io sono

un’ombra grigia

in questa grotta

e il ricordo di te

mi avvolge

e mi strazia.

Stillami

una tua goccia

e concedimi

di non sprecarla.

La cantina dei pesi

IMG_20171201_184128.jpg

Lo specchio è la nostra storia, oltre ogni immaginazione!

In tempi remoti

iniziarono i pesi

e da allora mai accadde

che furon sospesi.

Facce ormai lontane

frequentarono la cantina

e alcune ancor costanti

sollevano i pesi

con sforzi impressionanti.

C’è Grillo puntuale

alle sette e quaranta

e Brunello d’umor nero

che mugugna loquace

tornato da un lavoro,

immutabile destino,

dove se guadagna poco

ma si lavora un casino.

Il perfido Nicolini

subito sorride illuminato

pensando ad un Brunello

dalla sorte condannato.

I suoi occhi celesti

sembran quasi fulminanti

quando racconta episodi assurdi

con finali esileranti.

C’è poi Andrea il padrone

dai muscoli possenti

che solleva i pesi

con risultati sorprendenti:

quando a centocinquanta chili è arrivato

si è addirittura incoronato!

Venite anche voi

qui il tempo si è fermato

e sulla polvere antica

ogni segno è conservato.

Guardando nello specchio

vedrete immagini passate

che oggi ancor rimangono

per sempre conservate.

* La cantina è stata (ed è tuttora) un luogo di spensieratezza,  di riflessione e soprattutto d’incontro e d’amicizia vera! Per capire meglio la filastrocca: l’orario d’apertura era 18,30  con chiusura verso le 19,40 proprio quando arrivava Grillo puntuale…

Un mondo senza Essere

onde.jpg

L’onirico sogno

produce

la miseria della vita.

Nel nostro essere ci sono sogni

pieni di amorevoli bisogni

illusioni senza doni

sono quello

che vogliamo sapere su di noi

in questo mondo

con sogni senza Essere.

Ma come trovare una dimora

in questo giorno senza fine,

senza appoggi, senza confine?

C’infrangiamo come onde

sull’esistenza dura e spietata,

non accettiamo

neanche l’inizio di ciò che siamo

sofferenza per causa dell’esperienza

di crescere in sé stessi.

Si rimarrebbe desolati e folgorati

dall’evidenza del nulla

dell’attualità in cui esistiamo ora

e a cui ci attacchiamo.

Faremmo di tutto per non perdere

il nostro caro nulla,

ma c’è altra soluzione?

Non ci resta che esistere

e continuare a fluire

come sabbia al vento.

* Ho ripubblicato QUESTA mia vecchia poesia perché ritengo sia in continuità con il post precedente “Quel serpente…”. Un mondo senza Essere, illusioni senza doni… ciò è quello che l’umanità ha creato nei secoli nel suo ruolo di pura esistenza senza fondamento in sé stessa. La scelta è sempre fra l’Essere e il Nulla, un limite invalicabile, sconfinato, addirittura inconcepibile eppure è ad esso che l’uomo si rivolge quando prevale la paura. Di cosa abbiamo paura? Forse di continuare ad esistere SOLI senza mai ESSERE, scegliendo quello che possiamo chiamare “peccato mortale”: attaccarsi al nostro caro nulla non può che continuare a farci cadere nel baratro senza fine dell’esistenza senza Essere! Ma forse ci sarà una nuova luce…

Quel serpente…

William_Blake,_The_Temptation_and_Fall_of_Eve.JPG

* La Tentazione e la Caduta di Eva, di William Blake 

…che è in me!

Striscia, parla, si nasconde nelle fronde della mia mente. Nel mito mai è stato “fuori”, sull’Albero, essere o animale fra gli animali del Giardino! E’ sempre stato in noi il Peccato come frutto della Ragione, come opposizione all’Essere che è Vita, come baratro senza fine ed eterna solitudine. Franare nel proprio stesso io, morire e frantumarsi in infinite morti senza mai diventare Nulla assoluto, un’esistenza senza Essere o  essere un non-Nulla! Mai più il Nulla, scintille, spirali, frammenti ma pur sempre essere un non-Nulla grazie a Lui!

Affidarsi all’Essere, atto di fede in quel principio luminoso che è sostanza della stessa ragione, ciò è l’inizio della Vita. Essere un non-Nulla, lontano da ogni fondamento che non sia Dio, è scegliere di morire in sé stessi nell’Eterna solitudine della ragione umana, ricolma di superbia e di falsità. Ne cogliamo i suoi frutti in ogni forma di potere sulla terra, si manifesta in ogni gesto e manifestazione della ragione separata dalla fede, essa ci divinizza ma crea al contempo un infinito vuoto di dolore e irrazionalità. Affidarsi alla grazia, al fatto che Dio segue in ogni dove, sostiene le sue creature pur allontanandole da sé a causa della disobbedienza della ragione!

Il fine della Storia è forse cogliere il nuovo frutto donato dall’Amore e riempire il vuoto di Dio con Dio, un Dio che si umanizza divinizzando l’uomo, donandogli quella che sarà la vera vita eterna?

 

Solo

tra milioni di esseri

Solo

sicuro che Tu

sia qui

ma rimane la paura…

Perché l’urlo

nel mio cuore

non ha mai fine?

*La donna è l’ultima e quindi la più perfetta tra le creature, l’anello che tiene unita l’intera creazione. Nudi e senza maschere o contorcimenti della mente, vagavano nel giardino, dove lo stesso Dio passeggiava. Dio li chiama… “Chi ti ha detto che eri nudo?”.  Nudo in quanto pura esistenza in balia di sé stessa, ora divenuta conoscenza incarnata in un’essenza, il serpente, in grado di penetrare, strisciare, avvolgere con le sue spirali e dare la Morte! In questo male oscuro, in questo pozzo della conoscenza in cui si è calato l’uomo agli albori dell’esistenza rimane forse lo spazio per la salvezza dopo la creazione.

 

 

Sono qui!

20170924_162707-EFFECTS.jpg

Poesie di Lorenzo *

Sono qui

in questa lotta

tra vento, mare e terra

fusi in un unico elemento

che non si placa

Macigni ribelli

non mi fanno vedere

ed il cuore è muto.

Respiri profondi

tentano di calmare

questa tormenta

e se un attimo

mi vedo

gli occhi si colmano

di lacrime.

Dov’è l’Amore?

Ti invoco

mio Signore

Sono ancora qui

a chiedere il tuo Perdono

a desiderare

un tuo Alito

un tuo Bagliore

Labirinti conosciuti

Sono qui!

* Foto della “Seggiola del Papa”, spiaggia del Passetto ad Ancona

L’ape innamorata

ape

Trilatrocca dedicata a tutti i cornuti. Perché l’amore è una cosa seria

Oh ape innamorata

che vai di fiore in fiore

portando il tuo amore

e pungendo con dolore

all’ignaro scalatore.

Che cos’è la tua vita?

Svolazzi nei prati e nei giorni passati

hai cercato fortemente

un amore travolgente.

Adesso lo hai trovato

e lo pungi sul prato

ma invece che amore

lui prova sol dolore.

“Ahii!” – lui geme – “Non resisto…

mi sovviene un gran dolore che m’attrista

forte il cuore!!!”

“Oh tu ape solinga,

pensavi di donarmi il tuo amore,

invece non mi hai fatto un gran favore.

E di tutta tua cagion che ne rimane?”

“Oh me sventurata,

aihmè non sono stata ricambiata!”

E sospirando fortemente

si accascia al suol morente!

* Trilastrtocca scritta a sei mani da Lorenzo, Maurizio e Roberto (il colore dei nomi contraddistingue l’autore dei versi  colorati appunto in giallo arancio, rosso e verde)  durante una vacanza in montagna nel rifugio Locatelli, situato nelle bellissime dolomiti di Sesto. Data probabile 23 Agosto 1998 (anno più anno meno che tanto l’amore anche quando non  ricambiato è eterno).

Sognare una vita


Solitudine

una prigione senza porte

dov’è impossibile scappare

in profondità infinite

prigionieri di sé stessi.

Cuori infranti vagano

alla ricerca di risposte

illudendosi che il passato

straripante di speranze

s’imponga sull’avvenire.

Ma riaprire gli occhi al buio

annulla tutte le apparenze

e cancella gioie costruite

tentando d’ingannare il destino.

Tasto al buio le pareti

alla ricerca di un’uscita,

poi richiudo gli occhi disperato

tornando a sognare una vera vita!

Pensieri sul Mondo

ROSSO TRAMONTO

Finirà

l’azzurro del cielo,

il verde dei prati,

il rosso del sole

al tramonto?

Apro gli occhi:

è ancora notte.

Il cielo stellato mi ricorda

che domani sarà un nuovo giorno.

E’ certo che domani

sarà un nuovo giorno

con i colori

del Mondo!

* Il mondo è lo specchio della coscienza umana come  noi siamo lo specchio della coscienza di Dio che nel suo infinito amore ci sostiene nell’Essere!

Benedizioni

King_David_Hajdudorog.JPG

Re Davide che suona l’arpa. XVIII sec. Cattedrale di Hajdúdorog*

Dio aprì il tesoro delle melodie,

prese il canto dell’uccello e il brusio della foresta,

il fremito soave della brezza che agita i rami,

il sussurro delle foglie,

il mormorio delle sorgenti e dei ruscelli,

il canto di chi è stato toccato dalla grazia

e ne fece un’anima, quella di un uomo

nato per lodare l’Eterno.

Quando, venendo al mondo, il suo sguardo

incontrò la luce delle stelle,

intonò un canto nuovo:

“Ti cercherò Signore,

fra miriadi di stelle,

incontrerò i tuoi occhi

il tuo sguardo d’amore

indescrivibile euforia

ritorno alla vera vita”.

Ma il ricordo dell’Eterno

inquieterà il suo animo per la mancanza

di ciò che è il pieno rispetto al nulla

rispetto alla miseria di una realtà evanescente

pur se impastata da Te.

E la lode diventerà il suo stesso respiro,

il canto un invocazione,

la preghiera il respiro della sua anima

sola pur se illuminata dalla tua luce

che la rende visibile

una creatura strumento della tua lode

che tenta di uscire fuori

di aprirsi alla vita

con gemiti inesprimibili.

* Lode tratta in parte dal trattato giudaico “Benedizioni” o “berakhot” , che narra la creazione dell’anima del re Davide. Tale anima trae origine dal Malkuth, la prima sephirat. Malkuth significa Abbassamento, cioè capacità di sacrificare sé stessi e di assumersi grandi responsabilità!