Categorie
Filosofia e religione

Il potere dell’arte

* “L’artista è il confidente della natura. I fiori dialogano con lui per mezzo dell’aggraziato curvarsi dei loro steli e del loro dischiudersi in armoniose sfumature di colori. Ogni fiore ha per lui una parola cordiale che la natura gli rivolge.” Auguste Rodin

* “Indipendentemente dal lavoro che svolge, qualsiasi persona in cui si nasconda un artista, diventa una creatura piena di inventiva, di spirito di ricerca e di audacia, che esprime sé stessa. Diventa interessante per gli altri, porta turbamento e scompiglio, illumina e apre nuove vie per una più profonda comprensione delle cose. Dove il non-artista chiuderebbe il libro, questa persona invece lo apre e dimostra che possono esservi altre pagine.” Robert Henri, The Art Spirit

* Citazioni tratte dal libro “Disegnare con la parte destra del cervello” di Betty Edwards

Vedere le cose non come un semplice apparire del mondo esteriore, ma come le vede “sospese” in un mondo a-temporale il nostro Intelletto, direttamente e senza filtri, forse è questo il vero potere dell’arte a disposizione di tutti.

Categorie
Attualità Filosofia e religione

Venere, Cupido e le api

 

Cranach,_Cupid_Complaining_to_Venus
Venere e Cupido, Lucas Cranach il Vecchio

Si dice che l’amor sia dolce e pungente e questo quadro ce ne mostra la ragione. Per gli antichi romani Cupido era il dio dell’amore che se ne andava in giro scoccando le sue frecce sugli umani al fine di risvegliarne la passione. Pare che prima di fare ciò intingesse le punte delle sue frecce proprio nel miele che rubava puntualmente saccheggiando gli alveari e portando via addirittura interi favi. Ecco perché nel quadro di Cranach è raffigurato piangente e tormentato dalle api, mentre cerca consolazione da sua madre Venere. Una Venere per nulla preoccupata, del resto le frecce dell’amore possono fare molto più male della puntura di un’ape. Lei stessa sembra volergli dire: “Ti serva da lezione, mio caro Cupido!

Nel quadro la Venere sembra quasi un’Eva pronta a cogliere il frutto del peccato. Il pittore vuole infatti mettere all’erta chi guarda la sua opera, sui pericoli fisici e morali dell’amore. Venere e i suoi amorini, primo fra tutti Cupido, dona infatti un amore effimero che lascia più vuoto che gioia.

Quindi a noi non resta che prendere la parte migliore dell’amore, simile a quel miele dolce che ci donano le api, animali laboriosi che non tradiscono mai chi si affida a loro con rispetto e cautela. L’amore, come il miele, è una cosa preziosa, frutto raro da trovare e ancora più difficile da raccogliere.

Cranach fece varie versioni di questo quadro, una è conservata nella galleria Borghese e la potete vedere cliccando Qui!. Invece la versione messa come apertura del post è attualmente conservata alla National Gallery di Londra e secondo la storica viennese Birgit Schwartz era parte integrante della collezione privata di Adolf Hitler.

Non mi resta che fare a tutti gli innamorati i miei migliori auguri di San Valentino.

 

 

Categorie
Filosofia e religione

Sull’arte e sulla poesia

notebook-4184633_1920.jpg
Immagine tratta da pixabay

L’esigenza di dare una forma all’incontenibile, che si manifesta nell’animo di chi ricerca il Vero con il cuore aperto, ha sempre portato l’uomo a creare un “che” di universale, sovra individuale, che comunemente chiamiamo ARTE.

L’arte come creatività è non solo originalità, bellezza, espressione del Vero, ma anche ed innanzitutto un ponte con il trascendente. Come esseri finiti non è facile per noi superare il limite, contenere l’incontenibile, assaggiare nel profondo la vita per riuscire a leggerne la continuità. Per questo forse l’artista, nel momento di dar forma all’inesprimibile si avvicina alla pazzia, è totalmente preso da un attimo, un istante senza tempo in cui galleggia l’Eternità stessa; lì legge il Vero ed in qualche modo lo trasforma, lo comunica a chi, come lui in quegli istanti, lascia spazio alla voce dell’anima.

Parlo di anima come identità e mistero profondo che si nasconde nell’uomo, ognuno di noi è una porta verso l’oltre, l’arte stessa non potrebbe esistere, rimarrebbe un’espressione vuota di senso, incapace di suscitare alcunché, di appagare l’intimità con la sua voce che invece può penetrare in ogni atomo e dargli vita.

Le poesie che potete leggere in questo blog (le trovate cliccando sul menu del blog alla voce POESIE), hanno come principale finalità il tentativo di colmare il vuoto spesso presente nell’incessante divenire dei nostri vissuti con degli istanti d’eternità! Non c’è nessun merito in chi le ha scritte (sono spesso mie o dove indicato di Lorenzo), a loro come a tanti altri le ha donate la vita stessa. Per questo sperano di poterle condividere con chi cerca un accesso alla verità e vorrebbe dare un senso più profondo alla propria esistenza.

Categorie
Attualità Poesie

Natale: una luce sulla notte della Terra!

wp-1544441262147-1792563789-e1544460358836.jpg
Lavoro eseguito dall’insegnante Paola Berti, con gli alunni della classe V della scuola primaria “F. Socciarelli” di Ancona

 

Uno Sguardo innamorato

dalle profondità dell’Universo

si è posato leggero

illuminando la notte della Terra.

Dagli sconfinati abissi dello spazio

senza dimensioni

sei arrivato o Dio

ad accorgerti di noi.

Hai lasciato tutto, hai perso tutto.

Sei entrato come bambino indifeso

nel nostro mondo.

Né angeli né pastori possono comprendere

questa follia…

Follia di chi ama

e non ha paura

di perdersi

Forza travolgente che bussa senza stordire…

Non ritornerà da dove è partita

senza aver fatto posto

nel cuore e nell’anima

senza che questo Amore infinito

abbia vinto ogni resistenza, ogni male.

*Poesia scritta da Paola Berti!

Il lavoro che vedete sopra è frutto del paziente lavoro di un’amica che insegna nella scuola primaria, Paola Berti, insieme ai suoi alunni. Chi come lei ama l’insegnamento trova sempre soddisfazione nel lavorare insieme ai bambini per dare forma alla loro creatività. Che si tratti di un disegno, di una poesia, di un testo, di una recita teatrale,… ogni cosa è ben venuta e mai è tempo sprecato! Qui i bambini danno il meglio di sé, ognuno con le proprie capacità e originalità. Complimenti quindi a questi ragazzi per  aver saputo creare questa splendida “vetrata presepe”, il miglior dono che potevano fare per ricordare la nascita di Gesù bambino; complimenti anche a Paola che oltre ad aver magistralmente guidato i suoi alunni nella realizzazione di questo bellissimo lavoro è anche l’autrice della poesia che ne è il completamento ideale!