Principi della propaganda

Anne Morelli (Belgio1948) è una storica belga specializzata in storia delle religioni e delle minoranze.

  • Principes élémentaires de propagande de guerre (2010)

Principi elementari della propaganda di guerra

I dieci principi elementari della propaganda di guerra (in francese: principes élémentaires de propagande de guerre) che A. Morelli propone nel suo libro offrono principalmente una chiave di lettura critica, analitica e pedagogica. Il suo lavoro non ha per finalità la difesa dei “dittatori” o una presa di posizione partigiana, ma la constatazione della regolarità con cui questi principi vengono usati nel campo mediatico o sociale. Sul banco degli imputati vi sono sia vincitori che vinti.

« Non cercherò di sondare la purezza delle intenzioni degli uni e degli altri. In questa sede non cerco di sapere chi mente e chi dice la verità, chi è in buona fede e chi non lo è. La mia unica intenzione è d’illustrare i principi di propaganda, unanimemente utilizzati, e di descriverne i meccanismi.»

È tuttavia indiscutibile che dopo le ultime guerre che hanno segnato la nostra epoca (guerra in Jugoslavia, guerra del Golfo del 1990-1991, guerra del Kosovo e Metochia, guerra d’Afghanistan del 2001, guerra in Iraq), sono le nostre democrazie occidentali e il campo mediatico corrispondente a venire messi in discussione.

Ecco i dieci principi elementari:

  1. Noi non vogliamo la guerra
  2. Il campo nemico è il solo responsabile della guerra
  3. Il capo del campo nemico ha la faccia del diavolo ( o del “brutto” di servizio)
  4. Noi difendiamo una nobile causa e non interessi particolari
  5. Il nemico provoca atrocità intenzionalmente, e se capita anche a noi, sono involontarie
  6. Il nemico utilizza armi proibite
  7. Le nostre perdite sono poche, le perdite nemiche sono enormi
  8. Gli artisti e gli intellettuali sostengono la nostra causa
  9. La nostra causa ha un carattere sacro
  10. Coloro che mettono in dubbio la nostra propaganda sono traditori

Nella prima versione del 2001 A. Morelli precisa, con umorismo, che questi principi sono “utili in caso di guerra fredda, calda o tiepida”. Tratto da Wikipedia: Anne Morelli

Io aggiungerei che sono principi utili anche in caso di guerre “sanitarie” come quella covidiana (Hollywood style)! Tipo: 1 No ai lockdown; 2) È colpa solo del covid; 2) Se c’è un colpevole è la Ciii naa coi pipistrelli e laboratori e demoniaci esperimenti…4) Dobbiamo essere uniti per combattere il virus…dai che è facile, continuate voi se volete!P

Informazioni

Post di Stefano

Fin da quando è scoppiata la “psicopandeminchia” mi sono imposto un rito quotidiano, un po’ masochistico, quello di guardarmi uno o due notiziari del mainstream. Di solito comincio con Rainews24 poi, approfittando della pubblicità o delle notizie sportive, passo a Sky o a Mediaset. L’obiettivo è quello di conoscere il proprio nemico per poterlo affrontare meglio. Per me, che seguo l’informazione alternativa da almeno 14 anni, seguire gli araldi del sistema… quelli che impongono una unica visione dei fatti, quelli che silenziano, sovrastano o deridono ogni voce dissenziente, il più delle volte è una tortura. Quando invece mi sento più in forma, riesco a coglierne le sfumature comiche e ci rido anche. Vedete: chi non segue la galassia delle notizie alternative su internet non sa che l’informazione, quella completa e quindi vera, viene fornita da una miriade di personaggi tra giornalisti, opinionisti, donne e uomini di cultura, storici, filosofi, economisti… a volte in accordo tra loro e a volte in disaccordo, anche in modo feroce. Di solito non riesco a sposare interamente l’opinione di qualche personaggio in particolare ed è già un successo quando arrivo a condividere l’80-90% dei contenuti. Capita anche che alcuni tra loro che mi hanno affascinato per un periodo, mi risultino poi da un momento all’altro completamente indifferenti al punto da non seguirli più. Chissà: sono cambiati loro o sono cambiato io? Ma è così! Così deve essere!
Così si acquisisce la cultura e si forma la libera opinione. L’opinione si costruisce sì, con la propria eredità biologica, con l’educazione, con le esperienze di vita, eccetera. Ma si costruisce soprattutto con l’informazione, che deve essere obbligatoriamente la più variegata possibile, la più differente possibile per punti di vista. È importante sviluppare una opinione PERSONALE, poiché questa determina il LIBERO ARBITRIO che è una legge fondamentale dell’universo. Chi non ha i mezzi per sviluppare una vera opinione personale non può esercitare coscienziosamente il proprio libero arbitrio. Chi è costretto a prendere in prestito le opinioni altrui eserciterà poi un arbitrio non libero.
Ora, per esempio, c’è stata (o c’è ancora?) una informazione a senso unico nei media massivi, riguardante la “pandemia” e riguardante la “vaccinazione”. Ho sentito anche da persone a me vicine frasi del tipo: “io credo nella scienza” che è un ossimoro, ma va beh… per principio non ho niente in contrario su questa manifestazione di “fede”, ma gradirei che nei talk show televisivi venissero regolarmente invitati anche ospiti dal pensiero “diverso”.
A me andrebbe benissimo anche se esponessero pareri discutibili o teorie strampalate, pur che vengano fatti parlare per esprimere una ragione DIVERSA! Ci sono 100 ragioni per cui il Covid è il male assoluto ed il vaccino è l’unica arma salvifica e santa, per cui i novax sono cattivi ed untori, bene. Però voglio sentire anche l’opinione di quell’idiota che, avendo torto marcio secondo la narrativa ufficiale, vuole spiegare che le cose non stanno proprio così. Nei media massimalisti questo non è possibile, a meno di assistere ad un teatrino in cui la vittima di turno viene silenziata e derisa.
La nuova notizia monolitica riguardante la guerra in Ucraina è che i russi, con Putin in testa, sono gli aggressori, gli imperialisti, i nuovi tiranni… insomma i cattivi! Al punto che i russi vengono esclusi dalle competizioni sportive, non si possono più tenere lezioni su Dostoevskij e i gatti russi non potranno più partecipare alle manifestazioni feline. Manca solo che venga bandita l’insalata russa e che Carmen Russo venga denunciata per cognome doloso (la battuta è di Roberto Quaglia). Marc Innaro della RAI, che ha provato a dire che la NATO ha completamente accerchiato la Russia, è stato subito silenziato e non gli è stata data la possibilità di mostrare l’inequivocabile cartina geografica.
L’ho detto anche nel mio ultimo post: la guerra è SEMPRE la scelta sbagliata, perché si manda a morire la gente. È un principio assoluto! Ci sono valori sui quali non si transige. Non si può ammazzare, rubare, stuprare…, non si può e basta. Ma magari conoscendo come stanno veramente le cose, si potrebbe capire che le responsabilità non stanno da una parte sola, che i cattivi sono magari due… o tre o quattro

Gretinismo

Photo by Markus Spiske on Pexels.com

Nel 2019 la Nasa dai satelliti ci informava che per la prima volta la superficie verde della Terra tornava ad aumentare del 5% Terra più verde, merito di Cina ed India

La scelta di puntare sulle rinnovabili è certamente politica, rendere sconveniente l’utilizzo del gas è attualmente l’unico modo per spingere l’auto elettrica e incentivare Lil cosiddetto green! Fuffa eco-illogica ed auto elettrica Il clima sta cambiando, ma l’atteggiamento predatorio dei potenti del mondo rimane sempre lo stesso. ESSI mireranno come al solito a trarne il massimo profitto cosa che spesso corrisponde ad una grande regressione economica e sociale per tutti noi comuni mortali! Vedremo…

Post di Stefano

Mi rifaccio al mio post precedente “Abbiamo scherzato” e ne ribadisco appieno i contenuti. Quello che sto notando è una accelerazione costante, irremovibile e ostinata dell’agenda mondialista, come quando un treno viaggia alla massima velocità su un rettilineo: impossibile fermarlo, forse deragliarlo, pur se con enormi danni e distruzione.
Credo che l’incognita ecologico-energetica costituisca un problema ormai non più rimandabile e sia alla base dell’attuale cambio di paradigma. Non certo, però, quello narrato dalle varie Grete e g(c)retini… il clima non è in pericolo! Non lo dico io, ma tanti scienziati “seri”, tra cui Rubbia, secondo i quali la causa va attribuita al normale avvicendarsi dei cicli solari e non certo all’attività umana. Però, il cambio climatico verrà preso come alibi per dirottare l’organizzazione della società in senso meno energivoro. Con il beneplacito della fazione buonista/progressista. Beninteso, io credo fortemente siano già disponibili tecnologie per la produzione di energia gratuita ed infinita, quali quelle probabilmente messe a punto da Tesla e Majorana, ma messe sottochiave da secoli poiché si tratterebbe di energia troppo “democratica” e toglierebbe potere alle grandi famiglie che da sempre governano il mondo. È altrettanto vero, per non essere frainteso, che io odio l’inquinamento, ogni spreco di risorse, il consumismo sfrenato e l’obsolescenza programmata; amo, invece, riutilizzare, aggiustare e riciclare. Qui però non voglio evidenziare il mio modo di pensare, ma quello dei potenti. Il potere vuole i GRANDI impianti, le grandi centrali, per poterne avere il controllo assoluto. Vanno benissimo i pozzi petroliferi e le centrali termoelettriche, le centrali nucleari a fissione, andranno benissimo le grandi centrali a fusione nucleare calda del futuro, tutti impianti cioè non gestibili dalle persone comuni, mentre non può andar bene la fusione nucleare a bassa temperatura, le LENR, troppo facilmente utilizzabili da tutti, troppo, appunto, democratiche.
Il petrolio e le altre fonti fossili stanno per esaurirsi, inoltre una gran parte dell’umanità, come quella della Cina e dell’India, si sta emancipando dalla povertà cui era stata condannata e vorrà godere dei privilegi finora riservati al ricco occidente e che comportano, in primis, il consumo di tanta energia. Ora, per mantenere lo status quo della piramide del potere, obiettivo da sempre perseguito da chi il potere lo ha, è indispensabile avere il controllo di due parametri, la spinta consumistica e l’incremento demografico. Per il primo parametro sono state già avviate politiche totalitarie giustificate dall’emergenza sanitaria ed ecologica.
Per il secondo parametro… lascio a voi indovinare.

Motivi per una pandemia organizzata

Aggiungerei all’elenco fatto da Stefano la notizia qui sopra: di fatto i non greenpassati perdono il diritto all’elettorato passivo, non avendo più la possibilità di accedere alle camere senza questo requisito. E sembra logico pensare che per l’elettorato attivo accadrà la stessa cosa, cioè il greenpass sarà requisito necessario per poter votare!Ma tranqui, non c’è da preoccuparsi, sono solo misure “sanitarie” dettate dall’emergenza e quindi temporanee! O no? E non sorprende neanche il fatto che gli obiettivi connessi all’evento pandemico siano in realtà già stati in parte realizzati dalle politiche economiche in atto da decenni nei governi occidentali, Italia in primis. Semmai dovremmo chiederci il perché di tutta questa fretta nel voler avere tutto e subito. Forse questo è l’unico vero segno di debolezza del sistema che ci permette ancora di avere qualche speranza…

Post di Stefano

Ogni grande evento/narrazione destinato a cambiare radicalmente la struttura della società viene studiato e pianificato con largo anticipo in modo da ottenere più risultati contemporaneamente e favorire anche diversi interessi.
Tutto questo con il minore dispendio di energie e risorse, ma anche con la massima resa. In tutta questa farsa organizzata e chiamata: “pandemia da Covid 19” ho individuato i seguenti moventi.
Non è detto che non ce ne siano altri, ma secondo me questi sono i principali:

  • Garantire un lautissimo guadagno a Big Pharma, anche se credo questo sia l’obiettivo più marginale.
  • Introdurre il principio che il corpo umano possa essere violato dall’autorità, per effettuare forzatamente sperimentazioni mediche.
  • Sperimentare nuove tecniche (MRNA) su cavie umane, avendo anche come campione di riferimento i Novax.
  • Abituare il popolo a rinunciare alle libertà fondamentali in cambio della sicurezza.
  • Fomentare ed incrementare la divisione e l’odio sociale, il divide et impera, per annullare la possibilità che il popolo si unisca per ribellarsi alle coercizioni.
  • Distruggere il potenziale creativo ed artistico dell’essere umano e, di conseguenza, ogni forma di individualità e quindi di imprevedibilità, attraverso l’instaurazione di uno stato sociale fondato sulla paura, affinché solo i bisogni primari vengano presi in considerazione.
  • Abituare il popolo ad abbassare il tenore di vita, evidentemente poiché il potere ha realizzato che la presente struttura consumistica non è sostenibile.
  • Minare fortemente la salute e la capacità riproduttiva dell’essere umano per limitare o invertire l’attuale tendenza demografica.
  • Spostare il risparmio e la ricchezza, soprattutto dei beni immobili, verso i grandi gruppi finanziari per ottenere in tal modo un senso di precarietà e un’ulteriore sottomissione popolare.
  • Spostare l’economia dalle piccole imprese ai grandi gruppi gestiti dai poteri mondialisti.
  • Sdoganare il concetto che i diritti umani non siano un patrimonio inalienabile, ma premi che vengono concessi dalle autorità solo in cambio di comportamenti obbedienti e compiacenti.
  • Dirottare la prevalenza delle attività umane su piattaforme digitali di modo che il potere possa, da remoto, intromettersi sulla sussistenza ed anche esistenza stessa degli individui, grazie anche e soprattutto all’eliminazione del denaro contante.

Considerate che il periodo vissuto dal dopoguerra ad oggi nella parte ricca del globo è una eccezione assoluta nella storia degli ultimi secoli. Non si erano mai realizzate analoghe situazioni di eguaglianza, libertà, riconoscimento dei diritti fondamentali e democrazia. Per quanto questi ideali non siano stati nemmeno lontanamente concretizzati appieno, soprattutto quello della democrazia, eppure ad oggi rappresentano il più alto grado espresso nella storia contemporanea. Evidentemente si è trattato di un semplice esperimento e le grandi élite, che da sempre governano il mondo, stanno facendo marcia indietro, per riportarci ad una situazione di totalitarismo che, seppur tecnologico, è pur sempre medioevale.

La pistola fumante

Post di Stefano

Menzogne, continue e reiterate menzogne, quelle raccontate di continuo da chi detiene il potere e controlla l’informazione massiva. Di solito, però, un attento osservatore dei fatti, provvisto di una discreta familiarità con la logica e di una disincantata sfiducia verso il mainstream, riesce sempre a trovare almeno un fatto, all’interno di una narrazione menzognera, che risulta, al di là di ogni ragionevole dubbio, falso.
Una pistola fumante. Posso citare l’esempio dei DUE aerei che abbattono TRE grattacieli l’11 settembre del 2001; oppure quello dei “presunti” astronauti sulla Luna che rispondono all’istante alle domande fatte da terra quando, alla velocità della luce, il messaggio impiega 2 secondi e mezzo a percorrere la distanza Terra-Luna e viceversa; oppure quello di John Kennedy, ucciso da un cecchino singolo con tre pallottole provenienti da direzioni diverse, eccetera. In ogni fatto epocale, destinato a modificare radicalmente l’assetto della società, all’interno della narrazione ufficiale vi è sempre una “bugia” più grossa delle altre che un attento e disincantato osservatore può rilevare. Nella narrazione della psico-pandeminchia di assurdità ne vengono raccontate a bizzeffe, provvedimenti restrittivi delle libertà fondamentali che non hanno alcuna attinenza con la profilassi sanitaria palesemente in linea, invece, con il tentativo, purtroppo riuscito nella maggioranza dei casi, di abituare il popolo al nuovo totalitarismo reso possibile dalle tecnologie informatiche. Ora credo di aver individuato la pistola fumante di questa narrazione. Quando, da giovane, ero donatore di sangue, ricordo che era sempre indispensabile analizzare il mio sangue donato per scongiurare il pericolo di infezione da HIV (l’AIDS), virus molto meno contagioso dell’attuale corona virus. Quello si trasmetteva solo per contatto di sangue o sessuale, questo addirittura per contatto aereo. Bene, in questo assurdo momento è possibile per i non dotati di marchio verde, ritenuti secondo la LORO narrazione potenzialmente infettivi, donare il sangue. Salvo che, e questa è la parte comica, dover poi consumare fuori il ristoro, la colazione da sempre generosamente offerta dall’AVIS. Va da sé che il marchio verde NON serve a difendere la popolazione dal contagio, ma ha altri scopi. Questa, a mio avviso, è una delle più palesi Pistole Fumanti.

Blackout Natale?

Premessa: ma te pare? Natale è la festa della Luce, mai e poi mai passeremo questo periodo al buio! La nascita del Salvatore illumina i cuori e dovremmo augurarci che arrivi anche alle menti ottuse dei governanti del nostro mondo. Perché lì dentro (alle loro teste) buon senso e soprattutto amore non trovano mai ospitalità!

Il costo del gas ha raggiunto livelli 7 volte superiori rispetto ad un anno fa. Il 30 novembre il ministro Giorgetti parlando all’assemblea di Confartigianato proprio del costo elevato dell’energia ha detto che in Italia e più in generale nell’UE non possiamo escludere il rischio di possibili blackout generali. E siccome l’Italia fa parte di un sistema di rete elettrica interconnessa che mette insieme oltre 30 paesi, un eventuale blackout non sarebbe facilmente gestibile e potrebbe durare per molti giorni. Questo evento potrebbe essere causato da una molteplicità di fattori: un eccesso di domanda di energia rispetto a quanto viene effettivamente prodotto oppure proprio dalla criticità sul fronte delle scorte e l’aumento dei prezzi dei combustibili. Riguardo alle scorte di gas naturale l’UE sembra aver scelto di tagliare i rapporti commerciali con la Russia ostacolando eventuali incremeti di produzione. Peccato che attualmente l’alternativa al gas siano proprio i blackout programmati sempre più probabili. Per capire la criticità della situazione potete leggere questo articolo Enel, riacceso il gruppo a carbone e sospeso lo sciopero Sospendono lo sciopero e interrompono la procedura di spegnimento della centrale elettrica a carbone per far fronte ad eventuali emergenze nazionali! Ma mi raccomando non ditelo a Greta!!

Un altro tema caldo è anche l’aumento dell’inflazione: possiamo affermare che un blackout insieme ai lockdown potrebbe far comodo per calmierare le impennate inflazionistiche dovute proprio al costo dell’energia. Perché? Perché ridurre i consumi è un ottimo sistema per riequilibrare la bilancia dei pagamenti di uno stato fortemente indebitato con l’estero come l’Italia.E fra i beni importati che pesano di più c’è proprio -guarda un po’ il caso – l’energia elettrica! Se il pil non cresce come possiamo pagare i beni importati? O facendo politiche espansive, in cui lo stato investe soldi in infrastrutture, messa in sicurezza del territorio, scuole, sanità, pensioni, contratti di lavoro, ecc., ecc. ecc. Oppure continuando a bastonare i cittadini, imponendo tasse e/o restrizioni, precarizzando il lavoro, finendo di distruggere un’economia già agonizzante. Direte: ma chi potrebbe essere così pazzo da fare una cosa del genere? Purtroppo avete la risposta sotto ai vostri occhi: lo stanno già facendo, anzi lo HANNO GIA’ FATTO!!! Pochi consumi= poche spese= conti in ordine! La chiamavano AUSTERITÀ ESPANSIVA, poi divenuta CRISI SANITARIA, che forse diventerà CRISI ENERGETICA! Perché non so se vi siete accorti che da ormai un decennio i conti in ordine li fanno sulla pelle di noi cittadini? Quindi non dovreste avere tanti dubbi su quale strada continueranno a seguire per mantenerci in uno stato di repressione permanente. Ricordo infine che l’euro fino ad oggi è stato il principale strumento di controllo delle democrazie europee. Questo strumento lo possono mantenere solo grazie all’austerità e continuando ad impoverendo la gente, ma – ripeto – senza crisi economica, sanitaria o energetica le folli imposizioni a cui ci stanno sottoponendo come le giustifichi? Ecco a cosa servono greenpass e vaccini loro collegati, a pilotare il gregge e renderlo mansueto in qualsiasi situazione. Ormai perfino l’euro è diventato superfluo, se la crisi lo spazzerà via per le élite finanziarie forse non sarà più un grande danno. E fino ad ora abbiamo visto solo la punta dell’iceberg, ci aspettano tempi bui (in tutti i sensi).

Fantozzi e il Megadirettore, dialogo sull’oggi

Guardate il filmato, i protagonisti dell’oggi ci sono tutti: personalità illuminate, paternalismo, popolo sottomesso, ambiente ecclesiastico, il poverello d’Assisi… Una “commedia distopica” potremmo definirla. Quando citiamo Orwell o Huxley per parlare della loro capacità di descrivere con anni di anticipo quanto sta accadendo oggi, forse dovremmo ricordarci di aggiungere Paolo Villaggio. Riflettendo sulla funzione di questo tipo di letteratura rimangono aperte due strade. La prima è quella di aiutarci a leggere i segni dei tempi per saperlo affrontare con più consapevolezza. La seconda invece ci porta di fronte ad un vicolo cieco: nessuna speranza hanno i protagonisti di questi racconti, quindi è inutile qualsiasi reazione da parte nostra, meglio lasciarsi trasportare inerti dagli eventi, remare controcorrente non fa che aumentare le nostre sofferenze. Del resto cosa dice il Megadirettore a Fantozzi alla fine del filmato: “…posso aspettare fino a mille anni!”. Riflettiamo gente, riflettiamo…

Pixel life 2.0.2.1.

Era una fresca domenica di fine estate, ormai le vacanze stavano per finire e avrei presto dovuto interrompere l’uso del software”Happy holiday special” per tornare alla normalità! Quest’anno ho meritato ben due settimane di interruzione dal portale sociale, una piattaforma governativa volta a tutelare i cittadini dalle fake news diffuse da pericolosi virus di sistema: foto, video, mostrano un mondo “strano”, dove le persone interagiscono su un piano materiale a noi totalmente sconosciuto. Quella è la vera realtà – dicono – svegliatevi dal torpore e iniziate a percepire il vostro vero corpo! Corpo? Certo, il corpo “di carne”, diverso dal corpo etereo fatto dai pixel della Rete! Oggi noi tutti sappiamo che la mente è in grado di modellare la materia e che il mondo è virtualmente immateriale, la natura è il programma che sta alla base della vita di tutte le svariate connessioni attive nella Rete!

Quello che le varie fake ci dicono relativamente al concetto di “corpo materiale”, vorrebbero convincerci che oltre l’etere in cui tutti viviamo c’è una dimensione limitata dal tempo e dallo spazio, soggetta all’invecchiamento che si materializza come la peggiore e inevitabile della malattie, la morte! Perché parlo di queste baggianate? Sono affascinato dai complotti? Diciamo che l’idea di essere in una dimensione di precarietà, potersi muovere con dispositivi “meccanici” totalmente soggetti all’abilità umana e non gestiti da remoto come accade nel nostro mondo etereo, mi terrorizza e incuriosisce contemporaneamente. Pensateci un attimo: imprevedibilità, incidenti, caos, malattie… Ma anche scoperte, come in quelle fantastorie che raccontano di esplorazioni, di amori, di tragedie… Esseri strani si muovono in una natura selvaggia che è governata da gerarchie fra le varie specie

La mente domina e il corpo muta, questo è ciò che siamo, un’immagine nella rete adatta alle varie interazioni a cui dobbiamo sottoporci. Il lavoro dell’insegnante per esempio necessita di un’immagine severa e ispiratrice allo stesso tempo. Ma per insegnare cosa? La rete è maestra di vita per ognuno di noi, serve però una guida che possa portare i discenti a trovare la loro auto realizzazione nel sistema d’interazioni a cui siamo connessi. La mente ha infinite possibilità evolutive, alcune potenzialmente pericolose per sé stessi e per gli altri; la mente erge barriere che servono per identificarsi come individui e per esprimere delle potenzialità. Quando si espandono i confini della mente oltre ogni limite inizia davvero ad essere pericoloso, si percepisce prima una specie di sfarfallio, di tremore quasi materiale, ma per fortuna la piattaforma sociale non permette anomalie, io non ho mai dubbi su cosa sia giusto o sbagliato fare. Il dubbio, così come la libertà, sono concetti contraddittori quando mettono in discussione l’unica realtà che ha un senso, quella in cui siamo stati integrati e addestrati a vivere al meglio le nostre vite. C’è però una cosa, sopita, nascosta, quasi estranea a me stesso, eppure… Emerge a volte e stringe forte al centro del mio sé più profondo. Potrei aprire una porta in questa mia interiorità, potrei farlo abbastanza facilmente, ma ogni volta non ci riesco e torno indietro pronto a rioccupare il posto che mi è stato assegnato. Se io esisto allora DEVO stare al mio posto, perché qui non è in discussione il singolo ma l’intera società, gli antenati parlavano di BENE COMUNE, un modello di pensiero che ha salvato il nostro mondo portandoci pace e speranza per il futuro. Il motto è sempre quello: siamo ciò che pensiamo e pensiamo quello che è giusto pensare. PUNTO! Tutto, ripeto TUTTO è giusto così e non potrebbe essere altrimenti. Del resto siamo solo pixel, dove mai potremmo andare, o cosa potremmo fare se non fonderci in immagini virtuali attinenti al ruolo che ci ha assegnato il sistema. Eppure c’era un temo, un tempo diverso che si erge imponente a lato della coscienza profonda. Esso si erge in me e non riesco ad evitarlo, per quanto io faccia non posso negarlo e devo confrontarmi con una parte misteriosa, estranea ma viva, lontana ma presente, oscura ma luminosa. Chi sono o meglio chi sono stato? E soprattutto CHI ERANO GLI UMANI?

Continua

Fatti vs opinioni

Marco_Aurelio_bronzo
Marco Aurelio

“…tutto ciò che ascoltiamo è un’opinione, non un fatto. Tutto ciò che vediamo è una prospettiva, non è la verità […] Tu hai il potere sulla tua mente, non sugli eventi. Renditi conto di questo e troverai la forza.” pensieri di Marco Aurelio tratte dal suo libro “Meditazioni”

Non ho mai approfondito più di tanto l’argomento sull’11 settembre, ho trovato interessanti e personalmente condivisibili le dichiarazioni di Assange sulla questione: “I’m constantly annoyed that people are distracted by false conspiracies such as 9/11, when all around we provide evidence of real conspiracies, for war or mass financial fraud.” Un articolo collegato alla questione lo potete leggere QUI.  Il dibattito è certamente aperto e suscita dubbi e domande, ringrazio quindi Stefano per averne parlato nel suo interessantissimo post che pubblico volentieri e ognuno è poi libero di decidere se davvero le questioni sollevate da Stefano siano fatti oppure opinioni.

P.s.: Mi chiedo se i debunker e i complottisti non siano anche loro due facce della stessa medaglia, cioè l’ultima sponda di un sistema che gioca tutte le sue carte pur di tenere ai margini verità fattuali molto più incisive.  Ma questa NON è una questione attinente al post sotto e la lascio aperta per un prossimo ed eventuale approfondimento.

Post di Stefano

Torno a parlare dell 11 settembre dopo che ho visto un interessantissimo confronto tra Massimo Mazzucco, documentarista complottista, e Fausto Biloslavo, giornalista ed inviato di guerra mainstream, disponibile su Youtube e realizzato da Byoblu.
Per me ci sono due aspetti da considerare: il primo sono i fatti, quello che è accaduto fisicamente, quello che sottostà alle leggi della fisica, in pratica quello che è incontrovertibile… semplicemente perché è un FATTO. Il secondo aspetto sono le testimonianze, il panorama politico, le speculazioni opinionistiche geopolitiche, le opinioni “fideistiche”, eccetera. Il secondo aspetto è mutevole, interpretabile, corrompibile, soggettivo.
Non ritengo che il secondo aspetto sia trascurabile, ma se devo scegliere un punto di partenza scelgo il primo, ovvero, prima analizzo i fatti e poi mi faccio un’opinione. Il contrario è quello che ha fatto Biloslavo: lui parte dal presupposto che: “gli americani non si farebbero mai una cosa del genere”, che: “ci vorrebbero troppe persone per organizzare una tale messa in scena e prima o poi verrebbe fuori la verità” e che: “ci sono le testimonianze dei veri responsabili che confermano la versione ufficiale”.
Non metto in dubbio che il “secondo” aspetto è affascinante e tranquillizzante, purtroppo però cozza con i FATTI. L’elenco dei fatti certi è lunghissimo e mi limiterò a citare solo i più salienti, faccio presente che per “fatti” intendo cose che, chi ha vissuto e fatto esperienze per qualche anno di vita, oppure, chi abbia acquisito con merito la licenzia media, sono incontrovertibili. Premetto intanto, che i grattacieli sono progettati e costruiti per resistere agli incendi ed all’impatto di aerei, e credo non vi siano dubbi. Al contrario sarebbe come fare un’auto senza freni. Tant’è vero che non è mai successo nella storia che un grattacielo crollasse per incendio o per impatto con un aereo. Quindi, semplicemente le torri gemelle non sarebbero dovute crollare. Non certo, poi, alla velocità quasi di caduta libera senza che qualcosa non abbia tolto la resistenza dei piani inferiori, come ad esempio delle esplosioni, che tra l’altro sono visibili nei filmati, e come d’altronde si usa nelle demolizioni controllate. Non sarebbe certo crollato, dopo poche ore, il terzo grattacielo, il WTC 7. La versione ufficiale dice che è caduto per l’incendio “indotto” da una torre gemella…? Anche questo a velocità di caduta libera, con tanto di esplosioni ben visibili. Inoltre il Kerosene contenuto nei serbatoi brucia al massimo a 800 gradi centigradi, mentre l’acciaio di cui era fatta la struttura delle torri fonde almeno a 1500. A ground zero per settimane, scavando, si trovavano pozze di acciaio fuso. Si trovavano putrelle tagliate con la termite ad angoli di 45 gradi: metodo usato per far collassare meglio la struttura nelle demolizioni controllate. Sulle ragionevoli illazioni che i terroristi “piloti” non sapessero affatto guidare dei Boeing 757, che nessun pilota sarebbe stato in grado di fare certe manovre con quegli aerei, che il cielo più controllato del mondo non sia stato controllato e che non era presente l’aviazione americana perché impegnata, proprio quel giorno, da 4 esercitazioni diverse e contemporanee, questo appartiene al “secondo” aspetto, ma sul fatto che gli aerei viaggiassero a 900 Km all’ora a 200 metri sul livello del mare, questo è un FATTO. E degli aerei “normali” non lo possono fare. Col Pentagono mi piace accarezzare il “secondo” aspetto: vi sembra possibile che un terrorista che voglia fare il massimo dei danni non colpisca il Pentagono dall’alto, che tra l’altro è molto più facile, piuttosto che fare la solita manovra impossibile per portarsi a 900 Km H rasoterra e colpire un muro esterno? Vi sembra possibile che non siano disponibili filmati in uno dei posti più controllati del mondo? Ma torniamo ai fatti: quello che resta è un buco di circa 5 mt di diametro. Peccato che la fusoliera dell’aereo conti 15 mt di diametro, è vero che la fusoliera è di alluminio e leggera… ma i due motori appesi sotto le ali sono di acciaio e sono la parte più massiccia dell’aereo, bene, questi non hanno lasciato la minima traccia. E questi sono FATTI. Sorvoliamo poi sul fatto che non si sono mai trovati i resti del quarto aereo, ma solo una buca…? Boh?
Bene, di fatti ce ne sono tanti altri, ma bastano questi. Da questi si possono sviluppare tutte le teorie che si voglia, invito solo a pensare, però, che qualunque capo di stato dichiari una guerra sa perfettamente che sta causando centinaia di migliaia di morti. Per cui non ci si deve meravigliare se alcuni individui sanno prendere la decisione di ammazzare migliaia di persone. Lo prendono come uno “spiacevole”, ma inevitabile, danno collaterale.

.*♥**♥*★ *♥*..*♥*. BERNARD *♥**♥*★ *♥*..*♥*.

♥♥ ♥♥ MES PLUS BEAUX BISOUS D'AMITIES A VOUS ♥♥ ♥♥

Chef Kevin Ashton

Recipes, advice, reviews, travelogues & news

L'autentico Blog di Vittorio Baglioni

Pensieri, parole, opere e omissioni ......

TUTTOLANDIA

"...il posto che mi piace si chiama mondo..."

Pisane Kobiecą Duszą

Witryna Internetowa Pisana Kobiecą Duszą*** The website has a google translator

Law that attracted me!

My transition from outwardly rituals to internal mantra of sub conscious mind

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: