Sognare una vita


Solitudine

una prigione senza porte

dov’è impossibile scappare

in profondità infinite

prigionieri di sé stessi.

Cuori infranti vagano

alla ricerca di risposte

illudendosi che il passato

straripante di speranze

s’imponga sull’avvenire.

Ma riaprire gli occhi al buio

annulla tutte le apparenze

e cancella gioie costruite

tentando d’ingannare il destino.

Tasto al buio le pareti

alla ricerca di un’uscita,

poi richiudo gli occhi disperato

tornando a sognare una vera vita!

Questa poesia, scritta da me tanti anni fa e pubblicata sul blog nel mese di novembre 2017, è attualmente la più letta del blog con oltre 500 letture! Non c’è ancora una risposta in grado di cancellare quel buio, ma la consapevolezza con cui si affronta il destino, al di là di ogni inganno o illusione che ci presenta la vita, è l’unica strada per uscire dal buio! L’UNICA!!!

18 pensieri su “Sognare una vita

    • Il deserto interiore genera mostri, forse Camus parlava proprio di quegli uomini che sono votati per il male. Essere amati in effetti è una continua lotta tra spinte egoistiche e un segno certo chiesto al Creatore. In quest’ultimo caso, quasi una forma di misticismo, tale luce interiore è un balsamo da spandere sull’umanità intera

      Mi piace

  1. E’ una poesia che fa rivivere in ognuno di noi, realtà, momenti forti e veri che hanno testimoniato la nostra forza.
    “Ma riaprire gli occhi al buio
    annulla tutte le apparenze
    e cancella gioie costruite
    tentando d’ingannare il destino”
    Ma poi come mirabilmente scrivi, dal dolore, dal buio troviamo una nuova fiamma…
    e vive in noi l’orgoglio del nostro domani
    fieri di essere così unici
    nel nostro coraggio, appagati dalla dura battaglia…
    dalla nuova conquista: l’esserci!
    Ad ogni costo
    per perdersi e ritrovarsi
    un caro saluto e un augurio di una felice domenica
    Adriana

    Piace a 1 persona

    • Ben tornata sul blog Adriana e grazie per i tuoi bellissimi commenti. Siamo così fragili, la vita spesso sembra un fuscello scosso dal vento. Da qui la disperazione, dov’è l’appiglio, il Padre che ci chiama per nome? Eppure c’è, la speranza riemerge quando quella luce, fioca ma viva, emerge dal buio e s’impone.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...